Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita - Questo mese è stato curato da: Saverio Cenderelli e Giovanni Mascellani Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Sabato 24 settembre 2016
Qo 11, 9-12, 8; Sal 89
Vangelo secondo Luca (9, 43b-45)



Preghiera Iniziale


Tu fai ritornare l'uomo in polvere,
quando dici: «Ritornate, figli dell'uomo».
Mille anni, ai tuoi occhi,
sono come il giorno di ieri che è passato,
come un turno di veglia nella notte.
Tu li sommergi:
sono come un sogno al mattino,
come l'erba che germoglia;
al mattino fiorisce e germoglia,
alla sera è falciata e secca.
(Salmo 89)


Ascolta Vangelo



In quel giorno, mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli: «Mettetevi bene in mente queste parole: il Figlio dell'uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini».
Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento.






Medita


Gesù ha appena guarito un bambino da uno spirito impuro. Il padre lo aveva supplicato di farlo perché i discepoli non erano riusciti a nulla e ciò ha provocato la ramanzina che Gesù ci rivolge: “O generazione incredula e perversa, fino a quando sarò con voi e vi sopporterò?” (Lc 9, 41) e mentre restiamo ammirati per tutte le cose che fa, non ci dà neanche il tempo di godere di questa guarigione che cambia subito argomento: “Il Figlio dell'uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini”… e allora? Ha appena guarito un bambino scacciando uno spirito impuro; perché dovrebbe temere di finire in mano a degli uomini? Come ha vinto lo spirito impuro così riuscirà ad avere ragione di qualunque uomo che lo volesse minacciare: dov'è il problema? Perché sembra rimanerci male se non capiamo?
E lo lasciamo solo, non abbiamo neanche il coraggio di dirgli che sono parole misteriose quelle che ha appena detto. Forse Gesù ci ha voluto trasmettere l'ansia e l'angoscia di ciò che sapeva avrebbe dovuto affrontare di lì a poco: morire per ubbidienza al Padre, morire per amore verso delle persone che non lo capiscono, che non sono in grado di condividere la sua fatica, che si addormentano mentre suda sangue, che scappano quando arrivano ad arrestarlo, che lo lasciano praticamente solo quando muore…





Per Riflettere


Bellissimo, stasera, sentircelo al centro, Gesù. Lui confitto su un versante della croce e noi confitti, sull'altro versante della croce, sul retro.
Gesù comunque è in mezzo a noi. È toccabile. E quando abbiamo bisogno di lui non è necessario urlare: basta chiamarlo, perché sta appena dietro di noi. Gesù è il nostro capo. È il capo delle nostre attese. È lui che si mette accanto a noi e ci dice che ci ama e che ci vuole bene. (Don Tonino Bello, A chi soffre)


Se soffri e il tuo soffrire è tale
da non poter parlare, da non poter capire,
amico, ricorda il Suo dolore,
ripensa al sacrificio di Cristo sull'altar.
La Sua, la nostra Messa
il mondo non capirà.
È troppo grande da capire
il dolore offerto per amor.
Amico, puoi fare tante cose,
offrire le ricchezze e tutto ciò che hai;
ma sempre la voce del dolore
più forte di ogni voce al Padre arriverà.
La Sua, la nostra Messa
il mondo non capirà.
È troppo grande da capire
il dolore offerto per amor.
(Gen Rosso)






Torna su: Indice Mese SETTEMBRE 2016

Home Page



Home Page