Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita - Questo mese è stato curato da: Saverio Cenderelli e Giovanni Mascellani Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Martedì 20 settembre 2016
Prv 21, 1-6.10-13; Sal 118
Vangelo secondo Luca (8, 19-21)
Santi Andrea Kim Taegon, Paolo Chong Hasang e compagni



Preghiera Iniziale


Beato chi è integro nella sua via
e cammina nella legge del Signore.
Fammi conoscere la via dei tuoi precetti
e mediterò le tue meraviglie.
Ho scelto la via della fedeltà,
mi sono proposto i tuoi giudizi.
Dammi intelligenza, perché io custodisca la tua legge
e la osservi con tutto il cuore.
Guidami sul sentiero dei tuoi comandi,
perché in essi è la mia felicità.
Osserverò continuamente la tua legge,
in eterno, per sempre.
(Salmo 118)


Ascolta Vangelo



In quel tempo, andarono da Gesù la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.
Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti».
Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».






Medita


Come ti sarai sentita Maria? Molto probabilmente eri lì ad ascoltare la parabola del seminatore insieme ai discepoli e a quella folla che, “da ogni città”, sempre più si è accalcata attorno a tuo figlio; hai ascoltato le sue spiegazioni, le sue raccomandazioni, sempre circondato da così tanta gente che non ti riesce neanche di avvicinarlo. Giuseppe sembra non esserci già più, sei sola con i discepoli e, forse, sei anche un po' stanca: vorresti parlare con Gesù per dirgli… per dirgli cosa, Maria? Che sei stanca? Che non hai capito bene la raccomandazione della lampada? Che è l'ora di congedare tutta quella gente e di riposarsi un po'? Che vorresti averlo un po' per te? Ma la risposta di Gesù non lascia dubbi: non è venuto per “stare in famiglia”, ma per fare la volontà del Padre suo: sempre, in ogni istante, fino a morire per obbedienza… e per amore. È questo ciò che ci vuol dire con quella secca risposta? Va bene onorare il padre e la madre, va bene vivere in famiglia, valorizzarla, stare sottomesso ai genitori ma, poi, occorre fare la volontà del Padre e farla fino in fondo, fino alla morte e alla morte di croce…





Per Riflettere


«Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo». (Lc 14, 26)

Ti amo, o mio Dio, e il mio solo desiderio
è di amarti fino all'ultimo respiro della mia vita.
Ti amo, o Dio infinitamente amabile,
e preferisco morire amandoti
piuttosto che vivere un solo istante
senza amarti.
Ti amo, Signore, e l'unica grazia che ti chiedo
è di amarti eternamente.
Mio Dio, se la mia lingua
non può dirti ad ogni istante che ti amo,
voglio che il mio cuore te lo ripeta
tante volte quante volte respiro.
Ti amo, o mio Divino Salvatore,
perché sei stato crocifisso per me,
e mi tieni quaggiù crocifisso con Te.
Mio Dio, fammi la grazia di morire amandoti
e sapendo che ti amo.
(San Giovanni Maria Vianney)






Torna su: Indice Mese SETTEMBRE 2016

Home Page



Home Page