Ascolta e Medita Ottobre 2019 Come inserire un font di Google
Vangelo Quotidiano - Vangelo del Giorno con commento - Vangelo e Preghiere

Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi Preghiere e Commenti a cura di: Silvia e Paolo Sciotti


Mercoledì 30 ottobre 2019

Letture
Rm 8, 26–30; Sal 12
Vangelo secondo Luca (13, 22–30)

Santo del Calendario
30 Ottobre - S. Gerardo

Preghiera Iniziale

Guarda, rispondimi, Signore, mio Dio,
conserva la luce ai miei occhi,
perché non mi sorprenda il sonno della morte,
perché il mio nemico non dica: «L'ho vinto!»
e non esultino i miei avversari se io vacillo.
Ma io nella tua fedeltà ho confidato;
esulterà il mio cuore nella tua salvezza,
canterò al Signore, che mi ha beneficato.
(Salmo 13)

Ascolta - Vangelo

In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme. Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».
Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno. Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”. Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori.
Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».




Medita

Il messaggio che viene offerto oggi dall'evangelista Luca va nella seguente direzione: se non si lascia fuori il proprio io, per quanto larga sia la porta, non si riuscirà mai ad entrare nel regno di Dio.
La porta stretta simboleggia il Cristo Signore: l'uomo, autocondannandosi, non riesce ad entrare. La presunzione di non avere bisogno di amore e misericordia cozza contro gli stipiti e le pareti dell'ingresso che è il Cristo. Cosa permette, invece, di entrare? L'umiltà, il bisogno di perdono e di amore vicendevole.
E bisogna ricordare che la sola vicinanza al Signore non è garanzia della sua amicizia se non c'è una vera vicinanza interiore. A cosa serve aver compiute tante opere di bene in nome proprio e della propria personalità? Il proprio io viene alimentato da quel pane che si chiama presunzione e da quell'acqua che si chiama autosufficienza. Ecco perché Gesù dice: pur se avete mangiato e bevuto con me non vi conosco.
Non c'è nessuna vittoria o sconfitta nel rapporto di un Padre verso i propri figli. Dio non caccia fuori nessuno! È l'uomo stesso che si auto-elimina e si condanna a rimanere fuori con le proprie scelte e azioni.
La vita cristiana si fa, dunque, via possibile per entrare nelle braccia del Padre, che accoglie rovesciando i parametri umani: “Gli ultimi saranno primi e i primi saranno ultimi”. Mettere a disposizione i propri talenti e doni per il bene comune è ben diverso dal pretendere che questi divengano un lasciapassare per ogni tipo di ingresso.
La vicinanza a Dio la si riconosce nella prossimità al fratello. Da tale prossimità si acquisisce quello stile che permette all'uomo, a sua volta, di farsi testimone dell'amore del Padre. (Don Giacomo Ruggeri)

Per Riflettere

Ogni giorno Gesù attraversa le nostre città, ci cammina accanto, ci parla e chiede il nostro ascolto: è il nostro vicino rimasto solo, è l'anziano malato che ha bisogno di cure, è il bambino senza la merenda a scuola, è il ragazzo al semaforo che ha fame… E noi… lo riconosciamo?

Preghiera Finale

Nella tua tenerezza, o Dio,
ascolta la nostra preghiera
e da' pace a tutti coloro
che ti confessano la loro miseria:
quando la nostra coscienza ci accusa di peccato,
la tua misericordia,
più grande della nostra coscienza,
ci assicuri il tuo perdono
in Gesù Cristo tuo Figlio,
nostro Signore e Salvatore,
vivente ora e nei secoli dei secoli.
(Comunità monastica di Bose, Preghiera dei giorni)




Novene per il Mese di Ottobre


Novena alla Beata Vergine Maria di Fatima dal 4 al 12 Ottobre

Novena a Santa Margherita Alacoque dal 7 al 15 Ottobre

Novena a Santa Orsola dal 14 al 20 Ottobre

Novena a San Giuda Taddeo dal 19 al 27 Ottobre

Novena a tutti i Santi dal 23 al 31 Ottobre

Novena per le anime del Purgatorio dal 24 Ottobre al 1 Novembre

Novena a San Carlo Borromeo dal 26 Ottobre al 3 Novembre



Indice Mese di Ottobre 2019

Bibbia
Nuovo Testamento

Il Libro dei Salmi
Testo Integrale
e Commento
Voglio
Confessarmi Bene!


Le parole della spiritualità

ENZO BIANCHI - 27 gennaio 2004, Giornata della Memoria - Prima edizione BUR Saggi: marzo 2004

- Vita spirituale - Ascesi
- Santità e bellezza - Sensi e Spirito
- Vigilanza - Lotta spirituale
- Idolatria - Acedia
- Deserto - Attesa del Signore
- Ricerca di Dio - Pazienza
- Fedeltà nel tempo - Conversione
- Attenzione - Ascolto
- Meditazione - Memoria Dei
- Memoria - La preghiera, un cammino
- Lectio divina - Contemplazione
- La parola della croce - La preghiera, una relazione
- Prima l'ascolto - Preghiera e immagine di Dio
- Preghiera di intercessione - Pregare nella storia
- Preghiera di domanda - Preghiera di lode
- Preghiera di ringraziamento - Silenzio
- Castità - Obbedienza
- Povertà - Digiuno
- Speranza - Perdono
- Amore del nemico - Umiltà
- Conoscenza di sé - Solitudine
- Comunicazione - Comunione
- Malattia - Vecchiaia
- Morte e fede - Gioia


Home Page