Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento



SABATO 25 Ottobre 2008
Vangelo Secondo Luca (13,1-9)
Passa Parola  
 


Ascolta



In quel tempo si presentarono a Gesù alcuni a riferire circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici.
Prendendo la parola, Gesù rispose: "Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Sìloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo".
Disse anche questa parabola: "Un tale aveva un fico piantato nella vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare frutti su questo fico, ma non ne trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il terreno?
Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest'anno finché io gli zappi attorno e vi metta il concime e vedremo se porterà frutto per l'avvenire; se no, lo taglierai".



Il mese di agosto è stato interamente curato da: Barbara Pandolfi
 


Medita


Questo testo è legato molto alla mentalità del tempo di Gesù, legata al puro e all'impuro e alla visione della "retribuzione" per una vita giusta o di peccato.
Il Signore supera questo ambito e riporta al tema centrale della conversione con una parabola, che ci mostra la misericordia di Dio per noi. Non è perché portiamo frutto o siamo fedeli che siamo ancora in vita, ma perché il Signore ha misericordia di noi e continua a darci tempo, a prendersi cura di noi ... nell'attesa del nostro frutto: la conversione.

Ci siamo noi al centro del discorso di Gesù. Noi con i nostri "pregiudizi" verso gli altri e la nostra incapacità a vedere nella verità noi stessi.
Noi con la nostra presunzione di essere "giusti", o, almeno, un po' coerenti.
Noi ...
Gesù ci invita, invece a guardare lui, a volgere lo sguardo alla sua paziente misericordia, che è intercessione per ciascuno.



Per Riflettere
 
Dio pazienta, ma il tempo si è fatto breve. Quali frutti attende Dio da me?




Home Page