Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento



VENERDÌ 24 Ottobre 2008
Vangelo secondo Luca (12,54-59)
Passa Parola  
 


Ascolta



In quel tempo, Gesù diceva alle folle: "Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: Viene la pioggia, e così accade. E quando soffia lo scirocco, dite: Ci sarà caldo, e così accade. Ipòcriti! Sapete giudicare l'aspetto della terra e del cielo, come mai questo tempo non sapete giudicarlo? E perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto?

Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada procura di accordarti con lui, perché non ti trascini davanti al giudice e il giudice ti consegni all'esecutore e questi ti getti in prigione. Ti assicuro, non ne uscirai finché non avrai pagato fino all'ultimo spicciolo".



Il mese di agosto è stato interamente curato da: Barbara Pandolfi
 


Medita


Gli occhi allenati dall'esperienza rendono capaci di distinguere le nubi portatrici di pioggia, così si può distinguere il vento e sapere che farà caldo.
Così, allenati dalle "pratiche della legge", allenati nel cammino della fede, dovrebbe essere facile riconoscere il tempo nel quale il Signore visita il suo popolo e le promesse si compiano. Ma non è così. Allora la parola di Gesù si fa dura: ipocriti!
Vi illudete, vi mostrate come credenti davanti agli altri, adempiete pratiche formali e, forse, spesso giudicate gli altri, credendovi migliori ... ma non sapete riconoscere i segni della presenza del Signore presenti nella nostra vita e nella storia.

Si, Dio è presente nel mondo e nella storia. Occhi allenati e illuminati dalla parola possono riconoscere i segni di questa presenza, sebbene piccoli e apparentemente insignificanti. Occhi come quelli di Maria che canta la presenza di Dio nella storia col suo Magnificat, occhi come quelli di Simone ed Anna che riconoscono in un bambino, uguale a tutti, il Signore che entra nella storia, il Tempio e dicono: "I miei occhi hanno visto la tua salvezza" (cfr Lc 2,30). È ancora una volta l'invito a credere, a "vedere e credere", come di fronte alle bende del sepolcro.



Per Riflettere
 
Quali segni della presenza di Dio vedo nella storia di oggi? Quali germi di vita e di resurrezione posso accompagnare?




Home Page