Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Novembre 2016 - Questo mese è stato curato da: Gigi Avanti Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi









Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio



Giovedì 24 novembre 2016
Ap 18, 1-2.21-23;19, 1-3.9a; Sal 99
Vangelo secondo Luca (21, 20-28)
Sant'Andrea Dung-Lac e compagni



Preghiera Iniziale


O Signore, fa' che la mia anima non tema nulla
quando sarà messa alla prova dal dolore
e proteggi cuore ed anima dalla paura della morte
che talvolta mi fa tremare.


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano verso i monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli che stanno in campagna non tornino in città; quelli infatti saranno giorni di vendetta, affinché tutto ciò che è stato scritto si compia. In quei giorni guai alle donne che sono incinte e a quelle che allattano, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo. Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti.
Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina".




Medita


Certo che il modo di Gesù di fare terrorismo spirituale non ha eguali! Parla ai suoi discepoli, a quelli cioè che dovrebbero capirlo meglio e di conseguenza amarlo di più, in un modo, per così dire poco affascinante, poco attrattivo.
E la cosa si aggrava se pensiamo che il discorso apocalittico di Gesù riguarda due livelli, quello storico attuale (parla concretamente del destino tragico di Gerusalemme...) e quello storico finale (con l'accenno al destino finale del mondo la cui tragicità verrà però trasformata in gioia...). Cosa ricavarne oggi per la nostra anima?
Un elemento induce oggi la mia anima a meditare: riuscire a riconoscere la volontà di Dio anche nella ineluttabilità di destini tragici assegnati, di volta in volta, nel decorso storico dei tempi.
Non farci impressionare più di tanto, tanto alla fine vincerà il bene.
Fa impressione infatti sentire Gesù dire con chiarezza della sua Gerusalemme che "sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti".
Sarà questo a far nascere nella nostra mente la domanda fatidica: "Perché Dio permette il male"?
La solita domanda senza risposta, o meglio, con una risposta sospesa, la risposta della fiducia...
Per quanto riguarda infine la fine del mondo invece c'è una chiusura di benedizioni...
"Allora vedranno il Figlio dell'Uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina".
Allora è vero che il paradossale Gesù allevia la nostra angoscia proprio con questo gioco di contrasti ubriacante.
Allora conviene stargli vicino e guardare lui negli occhi, anziché guardare spaventati e impotenti gli accadimenti tragici... come si fa, curiosamente e stranamente, quando succede un incidente... quando si va a veder cosa è successo, ma ci si ferma lì.




Per Riflettere


Con Gesù che viene con grande potenza e gloria nelle nubi del cielo... ci si può fermare lì a perder tempo a vedere le nera e orrida nuvolaglia della terra?

Dacci sempre la forza necessaria
di saper alzare gli occhi al cielo,
anziché di tenerli abbassati
sulle tragiche banalità delle cose della terra
e dacci il coraggio di perseverare nella nostra fede
nelle prove che il futuro ci riserverà.






Torna su: Indice Mese NOVEMBRE 2016

Home Page



Home Page