Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Novembre 2016 - Questo mese è stato curato da: Gigi Avanti Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi









Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio



Lunedì 21 novembre 2016
Ap 14, 1-3.4b-5; Sal 23
Vangelo secondo Luca (21, 1-4)
Presentazione della Beata Vergine Maria


Preghiera Iniziale


Ti chiedo, o Signore,
di saper cogliere anche dai dettagli del tuo comportamento
quello che serve al nutrimento della mia anima
e concedimi immediatamente
la grazia di metterlo in pratica.


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: "In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere".




Medita


L'insegnamento ricavabile da queste quattro righe dell'evangelista Luca è fin troppo chiaro: Dio apprezza ogni nostro gesto, ogni nostra azione, ma ha delle preferenze.
Detto così, la meditazione di oggi sarebbe terminata, così da consentire a ciascuno di trarne le conseguenze, tuttavia per facilitare a ciascuno di trarne delle conseguenze sul piano del comportamento nei riguardi di Dio, mi soffermo su qualche dettaglio.
Il primo riguarda Gesù che "alzati gli occhi vide...". Questa semplice annotazione rivela che Gesù, che era nel tempio, aveva gli occhi abbassati... magari in atteggiamento di orazione...
Noi, quando andiamo in chiesa, come teniamo gli occhi?
Il secondo particolare presenta un Gesù capace di leggere nel profondo, addirittura di giudicare questo "profondo" in maniera così netta da svelarci la preferenza di Dio per il comportamento della povera vedova che offre tutto quello che ha e quello dei ricchi che offrono quello che hanno in più.
Due domande: come siamo messi quanto a "giudizio" sugli altri? Gesù poteva permettersi, a colpo d'occhio e a prima vista, di "giudicare" l'anima, ma noi che titolo abbiamo di giudicare i fratelli dalle apparenze, di emettere sentenze sui loro comportamenti?
E quanto a "caritas" (indumenti, oggetti...) ce ne disfiamo perché non ci servono più oppure...
Per quanto riguarda poi le possibili metafore applicabili all'episodio mi piace segnalare questa.
La povera vedova offre tutto a Dio senza far calcoli e senza temere cosa gli succederà.
I ricchi, invece, offrono a Dio quello hanno in più perché hanno calcolato che con quello che hanno non gli potrà succedere nulla.
Forse a Dio non piace la gente che gli dedica ritagli di tempo dopo averne dedicato tanto a cose, pur importanti, ma non consone alla causa del Suo Regno.
Dio preferisce la preghiera di chi veramente prega con il cuore e con l'anima a quella di chi prega quasi per fargli un piacere... e magari si arrabbia se non viene esaudito!




Per Riflettere


"Camminando in montagna ho visto da lontano una bestia, avvicinandomi ho visto che era un uomo, giunto di fronte a lui mi sono accorto che era mio fratello".

Ti ringrazio, o Signore, per essere così chiaro
nel darmi i tuoi insegnamenti di vita.
Ti chiedo soltanto il discernimento necessario
per riconoscere nei miei comportamenti
quello che non va e che non è in linea
con la causa del vangelo.






Torna su: Indice Mese NOVEMBRE 2016

Home Page



Home Page