Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Novembre 2016 - Questo mese è stato curato da: Gigi Avanti Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi









Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio



Giovedì 17 novembre 2016
Ap 5, 1-10; Sal 149
Vangelo secondo Luca (19, 41-44)
Santa Elisabetta d'Ungheria


Preghiera Iniziale


Ti chiedo, o Signore,
la grazia di saper cogliere i segni
della tua presenza salvifica
negli eventi banali
della mia vita quotidiana.


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo: "Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata".




Medita


Cosa impedisce di vedere e riconoscere le cose, gli eventi come stanno in realtà? Cosa fa sì che si abbiano le fette di salame sugli occhi? Cosa fa sì che si arrivi anche, per così dire, a negare Cristo in croce? Quale è la dinamica che porta spesso a interpretare la realtà che si ha davanti agli occhi anziché semplicemente osservarla?
Nel mondo della psicologia si è arrivati ad una risposta. La dinamica è quella del "pensare" che la vince sul "riflettere"... oppure è quella del "giudicare" che la vince sul "descrivere". Mi spiego.
Se di fronte ad una realtà mi metto subito a ipotizzare, commentare, interpretare anziché semplicemente a "leggere" quello che vedo o "ascoltare" quello che odo o a descrivere il più realisticamente possibile quello che "odoro", che "tocco", che "gusto"... o a verbalizzare quello che mi scuote cuore e anima corro il rischio di crearmi, nella mia testa, una realtà diversa dalla realtà che ho davanti agli occhi.
Se quando piove dico che il tempo è brutto esprimo un giudizio negativo sull'acqua...
Se invece di "giudicare", mi limito a descrivere quello che vedo dovrei dire che il tempo è "piovoso". L'acqua non è brutta, ma fresca, chiara e dolce (Petrarca) oppure "utile, umile, preziosa, casta" (san Francesco).
La stessa cosa accade se anziché riflettere la realtà che si rispecchia nella mia coscienza (semplicemente descrivendola per come la vedo riflessa), mi metto a pensare, a interpretare, a sospettare, a chiosare, a ipotizzare... Gli specchi non pensano, ma riflettono...
È stato proprio questo a far piangere Gesù e poi a farlo diventare dolorosamente e desolatamente sospiroso riguardo alla sorte di Gerusalemme. Vedere Gesù piangere e sentirlo dire: "Se avessi compreso... se ti fossi accorta della visita che ti era stata fatta...!".
Può succedere, talvolta, di uscirsene con espressioni della serie "ad averlo saputo prima, mi sarei comportato diversamente", ed è una espressione onesta.
Nel caso di Gerusalemme (che a questo punto diventa una metafora di ognuno di noi in rapporto alle visite che ci fa Gesù nella nostra vita) questa espressione non può essere considerata congrua ed onesta.
Le conclusioni da trarre per la vita spirituale sono ovvie. È sotto gli occhi di ciascuno lo scenario completo (seppur non ancora compiuto) dell'operazione salvezza.




Per Riflettere


"Il modo in cui scegliamo di vedere il mondo crea il mondo che vediamo". (Whitaker)

Tieni a bada, o Signore, la tendenza a pensare troppo
o, peggio, a giudicare frettolosamente
gli eventi della mia vita
affinché sia più agevole il percorso
verso il traguardo della salvezza.






Torna su: Indice Mese NOVEMBRE 2016

Home Page



Home Page