Anno Giubileo Della Misericordia di Dio
Libri Sconto del 15% Lista in Continuo Aggiornamento


Il Santo del Calendario:



Questo mese è stato curato da:

Donatella Bouillon, Agostino Cerrai

Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Martedì 3 novembre 2015
Vangelo secondo Luca (14, 15-24)
Rm 12, 5-16a; Sal 130
Salterio: terza settimana























Teche Porta Ostie

Teche Porta Ostia Sconto del 15% offerta sempre valida

Camici Per Sacerdote - Ministri Straordinari dell'Eucaristia - Accoliti

Camici Per Sacerdote Ministri Straordinari dell'Eucaristia e Accoliti
Preghiera Iniziale


Signore, non si inorgoglisce il mio cuore
e non si leva con superbia il mio sguardo;
non vado in cerca di cose grandi,
superiori alle mie forze.
Io sono tranquillo e sereno
come bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come un bimbo svezzato è l'anima mia.
Speri Israele nel Signore,
ora e sempre.
(Salmo 130)

Ascolta


In quel tempo, uno dei commensali, avendo udito questo, gli disse: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!».
Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All'ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: “Venite, è pronto”. Ma tutti, uno dopo l'altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: “Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Mi sono appena sposato e perciò non posso venire”.
Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: “Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi”.
Il servo disse: “Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c'è ancora posto”. Il padrone allora disse al servo: “Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena”».



Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio


Medita


È sabato, il giorno della festa, e Gesù è stato invitato a pranzo nella casa di un fariseo. Un gesto molto importante nella cultura e nella religione ebraica, espressione di amicizia, di familiarità, di comunione di vita. Sono in molti a condividere la mensa, si sta bene insieme. Discussione aperta sul Regno di Dio, con tante domande, alla maniera dei maestri della legge.
Gesù risponde con una parabola che invita gli astanti a riflettere sulla universalità della chiamata: il padrone di casa invita proprio tutti, vuole seduti intorno alla sua tavola anche quanti, nella società di allora (ma davvero solo nella società di quel tempo?) erano le persone tradizionalmente escluse dalla comunità conviviale perché esclusi dalla comunità religiosa. Margini e centro adesso coincidono grazie alla presenza di Gesù: il Regno di Dio è già in azione e tutti quelli che desiderano sul serio farne parte trovano porte aperte, tavola apparecchiata e il padrone pronto ad accoglierli con un abbraccio pieno di amore.
Con uno slittamento concettuale Gesù sposta l'attenzione dalla condizione in cui si trova la persona interpellata alla sua capacità di cogliere l'urgenza dell'invito, alla sua disponibilità a stabilire nuove gerarchie di valore fra le realtà della vita. Affari, lavoro, famiglia, tutto quanto nella vita quotidiana non viene certo considerato “impuro”, possono paradossalmente diventare il concreto impedimento ad accogliere l'occasione unica e seria dell'invito di Dio a vivere una vita autenticamente religiosa nel suo Regno.





Per Riflettere

Gli uomini della parabola evidenziano sempre un interesse, la ricerca di un contraccambio, di una contropartita. Infatti quello che spaventava loro era la gratuità, l'«essere uno come gli altri». È l'egoismo, il voler essere al centro di tutto. Quando si vive questa dimensione, quando «uno gira intorno a se stesso» finisce per non avere orizzonti perché l'orizzonte è lui stesso. Allora è difficile ascoltare la voce di Gesù, la voce di Dio. (Papa Francesco)








Torna su: Indice Mese NOVEMBRE 2015




Home Page


Home Page