Anno Giubileo Della Misericordia di Dio
Libri Sconto del 15% Lista in Continuo Aggiornamento


Il Santo del Calendario:



Questo mese è stato curato da:

Caterina Guidi

Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Mercoledì 23 marzo 2016
Vangelo secondo Matteo (26, 14-25)
Is 50, 4-9a; Sal 68
Mercoledì Santo




















Servizio Santa Messa


Teche Porta Ostie

Teche Porta Ostia Sconto del 15%


Camici Per Sacerdote - Ministri Straordinari dell'Eucaristia - Accoliti

Camici Per Sacerdote Ministri Straordinari dell'Eucaristia e Accoliti




Icone Originali Greche
Preghiera Iniziale


La mia anima anela a te di notte,
al mattino il mio spirito ti cerca,
perché quando pronunzi i tuoi giudizi sulla terra,
giustizia imparano gli abitanti del mondo.
Si usi pure clemenza all'empio,
non imparerà la giustizia;
sulla terra egli distorce le cose diritte
e non guarda alla maestà del Signore.
Signore, sta alzata la tua mano,
ma essi non la vedono.
Vedano, arrossendo, il tuo amore geloso per il popolo;
anzi, il fuoco preparato per i tuoi nemici li divori.
Signore, ci concederai la pace,
poiché tu dai successo a tutte le nostre imprese.
Signore nostro Dio, altri padroni,
diversi da te, ci hanno dominato,
ma noi te soltanto, il tuo nome invocheremo.
(Isaia 26, 9-13)

Ascolta


In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d'argento. Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnare Gesù.
Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città da un tale e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell'uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell'uomo dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito! Meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l'hai detto».




Medita


Il racconto del tradimento di Giuda nel Vangelo di oggi si discosta un po' da quello di ieri che veniva dal Vangelo di Giovanni. Ma ci sono in comune degli elementi importanti. Sia Matteo che Giovanni lanciano un messaggio univoco: non esiste predestinazione. Dio ha un disegno di salvezza che coinvolge ciascuno di noi, ma a ciascuno, in ogni tempo, è data la possibilità di scegliere. Nel Vangelo di ieri Satana quasi prende possesso di Giuda durante la cena, attraverso il boccone di cibo. Oggi Giuda chiede: “Sono forse io?”, come se il progetto del tradimento dentro di lui non fosse ancora completo; Gesù sa bene che, al di là di tutto, non è lui stesso a decidere la sorte dell'uomo. Giuda vuole invece un Gesù “forte”, autoritario, che lo sollevi magari dalla responsabilità delle sue scelte. Gesù, da parte sua, non interviene, continua ad essere il Messia umile e discreto dell'ingresso a Gerusalemme e di tutta la sua predicazione. Giuda, Pietro, i discepoli, i Giudei, i Romani… sono gli attori di un copione in divenire, ancora tutto da scrivere, nella consapevolezza che l'ultima parola sarà comunque l'Amore del Padre.


Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video
I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio


Per Riflettere

Dio ti ha creato senza interpellarti, ma non ti salva se non c'è il tuo consenso. (Sant'Agostino)








Torna su: Indice Mese MARZO 2016




Home Page


Home Page