Anno Giubileo Della Misericordia di Dio
Libri Sconto del 15% Lista in Continuo Aggiornamento


Il Santo del Calendario:



Questo mese è stato curato da:

Caterina Guidi

Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Sabato 5 marzo 2016
Vangelo secondo Luca (18, 9-14)
Os 6, 1-6; Sal 50




















Servizio Santa Messa


Teche Porta Ostie

Teche Porta Ostia Sconto del 15%


Camici Per Sacerdote - Ministri Straordinari dell'Eucaristia - Accoliti

Camici Per Sacerdote Ministri Straordinari dell'Eucaristia e Accoliti




Icone Originali Greche
Preghiera Iniziale


Tu, nostro Dio, sei buono e veritiero,
sei paziente e tutto governi secondo misericordia.
Anche se pecchiamo, siamo tuoi, perché conosciamo la tua potenza;
ma non peccheremo più, perché sappiamo di appartenerti.
Conoscerti, infatti, è giustizia perfetta,
conoscere la tua potenza è radice d'immortalità.
(Sapienza 15, 1-3)

Ascolta


In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l'intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.
Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”.
Io vi dico: questi, a differenza dell'altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».



Medita


Il Vangelo di Luca parla spesso di peccato e di peccatori. Pensiamo a quando Gesù perdona una peccatrice ben conosciuta “di quella città” (7, 37); oppure alla vicenda di Zaccheo; o alla parabola del padre misericordioso. Molte di queste storie sono storie di conversione, di cambiamento di prospettiva: dal buio di una vita già etichettata e senza sbocchi alla verità luminosa e liberante di Gesù. Forse perché nella tradizione anche l'evangelista Luca è un convertito, addirittura nato nella fede pagana e avvicinato a Cristo da Paolo di Tarso. Le due espressioni che usa negli scritti per indicare la conversione, letteralmente “voltarsi indietro” e “cambiare mentalità”, non erano solo parole per lui! Rappresentavano il nodo centrale della sua esistenza. Avrà avvertito Luca gli sguardi sospettosi di quei fratelli nella fede che non accettavano di buon grado la sua cultura, tanto lontana dalle tradizioni di Israele? Qualunque sia la risposta, il brano ci ricorda che il peccato riguarda tutti noi e che esiste un peccato evidente—come quello del pubblicano—e un peccato più subdolo, quello della presunzione di bastare a noi stessi. “Il peccatore è colui che manca la sua vita, che manca il bersaglio e perciò rifiuta se stesso e si condanna da sé” (Anselm Grün). Convertirsi, voltarsi indietro e cambiare mentalità è sempre possibile, fino all'ultimo respiro, solo se avremo il coraggio di affidarci all'abbraccio misericordioso del Padre.



Catechesi di Papa Francesco Testo Integrale e Video
I Sette Doni dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio


Per Riflettere

Mi capita spesso di giudicare gli altri senza riflettere? Mi riconosco bisognoso di perdono e di conversione?








Torna su: Indice Mese MARZO 2016




Home Page


Home Page