Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina

Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti


Venerdì 22 marzo 2013
Vangelo secondo Giovanni (10, 31-42)


Questo numero è stato curato da: Andrea e Paola Bonaccorsi , Maurizio Guidato e Giovanni Mascellani

Arcidiocesi di Pisa
Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi



Ascolta


In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un'opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».
Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: “Io ho detto: voi siete dèi”? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata –, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: “Tu bestemmi”, perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.










Medita


Per gli ebrei l’unicità di Dio era un elemento essenziale della fede dei padri, difesa con tutte le forze contro l’idolatria e il politeismo dei popoli vicini. Anche ai tempi di Gesù venivano combattute tendenze mistiche e gnostiche che ammettevano più figure nel mondo religioso. L’esegesi rabbinica insisteva sull’idea che in tutte le manifestazioni diverse di Dio vi fosse all’opera una sola persona: “Io sono YHWH, tuo Dio (Es 20, 2). Perché di dice così? (...) la Scrittura non fornisce alle nazioni del mondo alcun pretesto per dire che ci sono due potenze, ma dichiara: Io sono YHWH, tuo Dio (Es 20, 2). Io sono colui che era in Egitto e colui che era al mare; io sono colui che era al Sinai. Io sono colui che era nel passato e che sarà nel futuro. Io sono colui che è in questo mondo e che sarà nel mondo a venire, come è detto: Guardate ora: sono io, proprio io (Dt 32, 39).” (Mekilta de-Rabbi Ishmael).
La pretesa di Gesù di essere uno con il Padre, di partecipare quindi alla sua dignità e alla sua gloria, non poteva che essere respinta con indignazione. Il popolo aveva iniziato a comprendere che la unicità di Dio si esprimeva in una relazione. Ma i capi religiosi frenano sul nascere questa consapevolezza e trascinano Gesù alla condanna.



Per Riflettere



In Dio essere uno ed essere in relazione coincidono. Questa realtà vertiginosa ci è resa accessibile imperfettamente nella esperienza dell’amore.




Ultimi Inserimenti





Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa 8 Colori disponibili: Fuxia, Giallo, Ametista chiara, Rosa, Ametista, Verde, Acqua e Bianco




Torna su: Home Page - Indice Mese di MARZO - 2013