Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com
Quadri Sacri Argento, Articoli Religiosi, Oggettistica in argento, quadri in argento, articoli in argento, argento quadri





Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento





MERCOLEDÌ 31 Marzo 2010
Vangelo secondo Matteo (26,14-25)
   

Ascolta



"Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai capi dei sacerdoti e disse: "Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?". E quelli gli fissarono trenta monete d'argento. Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnarlo.
Il primo giorno degli Azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: "Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?". Ed egli rispose: "Andate in città da un tale e ditegli: "Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli"". I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.

Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: "In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà". Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: "Sono forse io, Signore?". Ed egli rispose: "Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell'uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell'uomo dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito! Meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!". Giuda, il traditore, disse: "Rabbì, sono forse io?". Gli rispose: "Tu l'hai detto".




Il mese di Febbraio è stato interamente curato da: Massimo Salani

Servizio Santa Messa in puro Lino con croce ricamata


Medita


Il brano giovanneo di ieri proponeva una lettura teologica del rinnegamento di Pietro. Registrava anche quello di Giuda, ma è con Pietro che Gesù dialoga, coinvolge, cerca (in un contesto di notte) di offrirgli la luce per condurlo alla salvezza.
Nella pericope che anticipa il Triduo Pasquale, Matteo si sofferma sulla figura di Giuda Iscariota. L'avvicinarsi della Pasqua impone agli ebrei molti obblighi rituali. La cena è uno di questi. Parrebbe il luogo meno indicato per annunciare una nuova rivelazione introdotta da In verità io vi dico. La tavola da sempre è segno di comunione e di convivialità. Eppure il tradimento perpetrato da Giuda poco prima per una somma di denaro trova nel pasto il suo momento decisivo. Certo l'Iscariota aveva già venduto il Salvatore, ma il dialogo con Gesù permetteva ancora il ripensamento, stimolava la presa di coscienza del tradimento, la consapevolezza del peccato.
Giuda rifiuta l'ultima occasione offerta, non risponde invocando la misericordia del Nazareno ma nascondendo il suo tradimento (non certo agli occhi di Gesù) agli altri discepoli. Se veramente lo riconosceva Rabbì, il Maestro di salvezza che per tanto tempo aveva frequentato, non avrebbe mistificato la realtà: sono forse io?

Il Figlio dell'uomo se ne va. Muore sulla croce, muore per tutti i peccatori. Anche per Giuda, anche per noi.




Per Riflettere
CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San Damiano in Argento



Siamo al termine del cammino quaresimale. Giuda rimane fermo nel rifiutare la salvezza di Gesù. una via cui nessuno è escluso: non Pietro che, pur rinnegandolo, guiderà la Chiesa; non i discepoli che, vinti dalla paura, lasceranno Gesù. Nemmeno noi, se con umiltà, riconoscendoci peccatori saremo sempre disposti ad un continuo cammino di conversione. La meta finale non è la croce. Questa è un momento per giungere al Regno di Dio promesso dal Salvatore.



Ricerca personalizzata

Info Vai alle info
 
Orologio_con_croce_San_Damiano
 
 

 


Una Pillola per lo Spirito
Servizio di Mailing_List Settimanale
Vedi esempio e-mail inviata
Iscrizione Gratuita Mailing_list Cattolica a Cura dei Coniugi M. Guidato e R. Taurchini
OSPITALITA' CONVENTUALE - Elenco: ABBAZIE, CONVENTI, MONASTERI IN ITALIA


Vai su: Home Page - Indice mese di MARZO - 2010