Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento





Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina
Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti





Venerdì 31 maggio 2013
Vangelo secondo Luca (1,39-56)


Questo numero è stato curato da:
Mons. Enzo Lucchesini


Arcidiocesi di Pisa
Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi



nAscolta


In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.









Medita


Nel corso dell’anno la liturgia ci propone più volte questo brano. La Vergine comincia a vivere la missione nella fatica e nella gioia. La fatica è credere, abbandonarsi alla Parola ricevuta. E la Parola mette in cammino, costringe a lasciare e ad andare. Così la missione fa lasciare Nazaret il villaggio dell’infanzia umile e calda, e andare verso un villaggio alle porte di Gerusalemme, la città in cui tutto si compirà, sotto lo sguardo del Figlio crocifisso, le cui parole cui parole renderanno la missione eterna, per ogni uomo. Ma fin dall’inizio Luca, il cantore di Maria, sottolinea anche la gioia che sempre accompagna chi serve il Signore. Ecco allora l’incontro con la vecchia parente, concluso dal canto che la Chiesa fa’ suo nel cammino dei secoli: “L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore”. Accogliere e portare il Signore è missione anche nostra. Accoglierlo come l’ospite atteso, dandogli il primo posto, con tutto l’onore, con tutta la gioia, nella coscienza sempre ravvivata che lui viene a noi come l’unico che può riempire il nostro cuore, la vera casa in cui viviamo; viene a benedirci, come esclama Elisabetta, per il suo straordinario amore, con la pienezza dei suoi doni. Chi lo accoglie diventa beato. Lo Spirito che illumina il cammino ci indicherà come dare accoglienza. Maria si sente accolta con gioia da Elisabetta, la quale, colmata di Spirito santo, esclama: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo…”. La nostra missione sarà accoglierlo con gioia negli altri, accogliendo e favorendo il disegno che si compie in loro. Chiediamo a Maria che si faccia sollecita anche per noi, dilatando il nostro cuore perché raggiunga la magnanimità del suo.


Preghiamo

L’anima mia magnifica il Signore
e il mio esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente
e santo è il suo nome;
di generazione in generazione è la sua misericordia
per quelli che lo temono.


Ultimi Inserimenti





Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa 8 Colori disponibili: Fuxia, Giallo, Ametista chiara, Rosa, Ametista, Verde, Acqua e Bianco




Torna su: Home Page - Indice Mese di MAGGIO - 2013