Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento





Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina
Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti





Martedì 21 maggio 2013
Vangelo secondo Marco (9, 30-37)


Questo numero è stato curato da:
Mons. Enzo Lucchesini


Arcidiocesi di Pisa
Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi



nAscolta


In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo.
Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».
E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».










Medita


La meta diventa Cafarnao, dove la casa di Pietro è la casa di famiglia anche per i discepoli. Durante il cammino le parole pesanti che anticipano la vera ultima meta. Vengono accolte in silenzio perché non comprese: è troppo difficile comprenderle, farle proprie. Poi, in casa, quando l’ambiente si è fatto più raccolto, più silenzioso, Gesù sollecita i suoi alla confidenza; esorta a farlo partecipe di quanto hanno “discusso”, di quanto li ha divisi, potremmo dire. “Avevano discusso tra di loro chi fosse il più grande”. E assume l’atteggiamento del Maestro: ha da consegnare un insegnamento tanto grande quanto problematico per i discepoli di ogni tempo, perciò si siede. “Se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servo di tutti”; tenda a somigliare al Maestro con tutto se stesso. Il gesto che segue rende ben comprensibile l’insegnamento: al centro del circolo dei discepoli che dovranno diventare maestri, più con la vita che con le parole, se vorranno davvero rendere presente l’unico Maestro, viene posto un bambino, che è stato abbracciato. Quasi uno scandalo: come potrà un bambino, che in un consesso di adulti non ha neanche diritto di parola, far da maestro nel regno che viene? Chi ha un cuore semplice e aperto come un bambino; chi si fida della parola ricevuta con la fiducia cieca di un bambino; chi sa ascoltare, non tanto chi sa parlare, questi sarà davvero un maestro che somiglia a Gesù.


Preghiamo

Signore, nostro Dio, fonte di gioia per chi cammina nella tua lode
donaci un cuore semplice e docile, a immagine del tuo Figlio
per divenire discepoli della sapienza
e compiere solo e tutto ciò che a te piace.


Ultimi Inserimenti





Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa 8 Colori disponibili: Fuxia, Giallo, Ametista chiara, Rosa, Ametista, Verde, Acqua e Bianco




Torna su: Home Page - Indice Mese di MAGGIO - 2013