Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina

Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti


DOMENICA 6 Maggio 2012
V Dom. di Pasqua
Vangelo secondo Giovanni (15,1-8)


Questo Mese è stato interamente curato dai
Coniugi ANDREA e PAOLA BONACCORSI



Ascolta


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».










Medita


Per capire in modo più profondo il brano, occorre ritornare alla immagine dei profeti, in cui Dio pianta la vigna di Israele, dopo averla sradicata dall’Egitto (Salmo 80), perché essa allunghi i suoi tralci fino al mare e produca frutti abbondanti e per “manifestare la sua gloria” (Is 61,3). La vigna è dunque il popolo, e portare frutto implica il rifiuto della idolatria e la fedeltà al Signore.
Qui Gesù compie una trasposizione audace: sono io la vera vigna, tutta la storia antica si compie in me, e il Padre, che cura amorevolmente la sua vigna, si attende da me un frutto abbondante. Il frutto della vigna siete voi. Se voi rimanete in me (espressione ripetuta ben sette volte nel brano), io resterò in voi e porteremo frutto. Tra le numerose immagini che Giovanni utilizza per dire la relazione di Gesù con i credenti (il pane, la luce, la porta, il pastore, la via), quella della vite suggerisce una immanenza reciproca, un legame indissolubile, quasi fisico.

Per Riflettere



Quando la tentazione ci assale, non dobbiamo confidare nelle nostre forze. Serve solo rimanere in lui, con confidenza infinita.




Lista Cd e DVD Religiosi
Lista Cd e DVD Religiosi
 








Ricerca personalizzata





Torna su: Home Page - Indice Mese di MAGGIO - 2012