Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (localitÓ Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita - Questo mese Ŕ stato curato da: Massimo Salni Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi









Ogni Giorno una Riflessione Tratta dalla Regola di San BenedettoOgni Giorno Una Riflessione
Tratta dalla Regola di San Benedetto



Martedý 12 luglio 2016
Is 7, 1-9; Sal 47
Vangelo secondo Matteo (11, 20-24)



Preghiera Iniziale


Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre Ŕ vicino.
L'empio abbandoni la sua via e l'uomo iniquo i suoi pensieri;
ritorni al Signore che avrÓ misericordia di lui
e al nostro Dio che largamente perdona.
(Isaia 55, 6-7)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Ges¨ si mise a rimproverare le cittÓ nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perchÚ non si erano convertite: źGuai a te, Corazýn! Guai a te, BetsÓida! PerchÚ, se a Tiro e a Sid˛ne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, giÓ da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sid˛ne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, CafÓrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! PerchÚ, se a S˛doma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di S˛doma sarÓ trattata meno duramente di te!╗.




Medita


Oggi meditiamo il primo dei tre passi che si trovano nel capitolo 11 di Matteo, un testo che pone in evidenza da una parte il rifiuto di chi ha ricevuto il messaggio e dall'altra la consapevolezza che proprio i “lontani” dalla fede nel Maestro sono, in realtÓ, i pi¨ ricettivi.
Gli abitanti delle cittÓ che appartenevano alle pecore sperdute della casa di Israele, destinatari primi e principali dei segni compiuti dal Nazareno, non accolgono l'invito del Signore. Il quale destina la sua attivitÓ missionaria anche alle altre cittÓ, quelle abitate dai “gentili”; le cittÓ conosciute per la loro distanza religiosa ed etica dall'ebraismo. Come in altri testi dei Vangeli, i pi¨ esperti conoscitori della Parola, in realtÓ, sono i pi¨ restii a riconoscere in Ges¨ il Logos, la Parola di Dio.
Nel nuovo quadro sono riportate precise localitÓ, testimonianza di un percorso missionario che, evidentemente, poteva essere confermato anche da protagonisti diretti e lettori del Vangelo. La pericope di oggi conferma un dato “paradossale”: chi non apparteneva al popolo di Israele, proprio loro, i “gentili”, sono presentati dal Signore come un terreno ricettivo, capaci di maggiore disponibilitÓ nel recepire l'insegnamento dell'Emmanuele.
Agli ebrei, il Nazareno aveva mostrato pi¨ volte segni, ricevendo come risposta l'invito a continuare a compierli. Non ne bastava uno. Quanto compiuto a Corazýn e BetsÓida, come a CafÓrnao, mette in evidenza l'impossibilitÓ di credere solo per aver visto o aver beneficiato di un prodigio compiuto dal Risorto. Serve altro.
Servirebbe, ad esempio, frequentare con assiduitÓ la Parola. Sappiamo come giÓ l'Antico Testamento conosceva alcune cittÓ considerate nemiche ma capaci di grandi gesti di fede. ╚ il caso di Ninive, la grande cittÓ peccatrice, eppure capace di pentirsi collettivamente. Come dire: il messaggio di salvezza sarÓ portato a tutti. E, forse, i lontani sono quelli pi¨ vicini al Regno. Non ci sono corsie preferenziali per accedere al Regno. Pensiamo, piuttosto, che quanti hanno gli strumenti per cogliere meglio questa straordinaria possibilitÓ, sono quelli che pi¨ pongono resistenza ad accogliere fino in fondo la sconvolgente novitÓ.




Per Riflettere


La missione svolta dai discepoli mandati dal Maestro alle pecore sperdute della casa di Israele non ha prodotto gli effetti sperati. Ma anche loro beneficeranno della misericordia divina. A noi, la gioia di ricevere la lieta novella, la gioia di viverla e di trasmetterla, la felicitÓ di condividere la misericordia con altri avendola sperimentata, senza meriti, per primi.







Torna su: Indice Mese LUGLIO 2016

Home Page



Home Page