Antica tradizione tessile - Arazzi Religiosi - Arazzo Papa Francesco Prodotto Artigianale Nazionale icia Sacerdotale a Manica Lunga e Corta Tipo Clergy Terital/Puro Cotone - No Stiro Offerta Da Non Perdere Euro 19,50
Il Santo del Calendario:

Questo numero è stato curato da: Gigi Avanti

Arcidiocesi di Pisa
Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi
Lunedì 24 giugno 2013
Vangelo secondo Luca (1, 57-66.80)











Home Page



Ascolta


Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c'è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All'istante si aprirono la sua bocca e la sua lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.


Medita


L’episodio riportato oggi dallo scrupoloso evangelista Luca, sempre attento ai dettagli, è quello della nascita di Giovanni Battista, cugino in seconda di Gesù, un episodio normalissimo. Cosa ricavarne in termini di meditazione per noi oggi? Cosa può voler dire oggi a noi una vicenda così normale come la nascita e la gustosa scenetta del conferimento del nome? Fin troppo facile una delle possibili risposte! E la risposta è contenuta già tutta nelle prime battute del racconto: “… I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva esaltato in lei la sua misericordia e si rallegrarono con lei”. Quello che vuole rimarcare Luca è che un evento così “naturale” (come lo può essere un parto, pur avvenuto fuori tempo massimo) viene vissuto da vicini e parenti sempre in un contesto religioso, cioè “supernaturale”. E questo riferirsi a Dio per i “miracoli naturali” potrebbe essere di insegnamento a noi moderni (e tra noi soprattutto a coloro che tendono ad attribuirsi il merito dei “miracoli della scienza” soltanto per il fatto di averli “scoperti”…) molto inclini a mettere invece il proprio “io” al centro di tutto e, guarda caso, a nutrire “invidia”, anziché gioia ammirata, a “vicini e parenti” per le cose belle che capitano loro… Al posto della sensibilità “spirituale” che induce a essere riconoscenti a Dio per ogni cosa, una sorta di cronica autocelebrazione della propria bravura per le cose belle che ci capitano, e al contempo, una sorta di velenosa invidia per le cose belle che capitano ad altri… Si è indebolita, nel corso della storia, tale sensibilità “spirituale” in grado di indurre a legare ciò che accade nella più banale quotidianità alla bontà e misericordia di Dio… Si è quasi smarrita per strada la gioia per le belle cose che vengono date in dono da Dio agli altri (non si dimentichi che “per invidia del diavolo è entrato il male nel mondo”…). E questo affievolimento della sensibilità spirituale ha lasciato libero campo alla superba presunzione del proprio io e alla invidia per gli altri. Sensibilità, invece, ancora vivissima e gioia riconoscente, nell’anzianotto Zaccaria che se ne esce con quel celebre cantico “Benedictus” che non sarebbe male cantare ogni giorno soltanto per il “miracolo” di essere ancora vivi, al posto di ammorbare Dio con le nostre continue lagnanze…


Preghiamo

O Padre, che hai mandato san Giovanni Battista a preparare a Cristo Signore un popolo ben disposto, allieta la tua Chiesa con l'abbondanza dei doni dello Spirito, e guidala sulla via della salvezza e della pace. Per il nostro Signore Gesù Cristo. (dalla liturgia)


PREGHIERE:

NOVENA A “MARIA CHE SCIOGLIE I NODI” - 15 Orazioni di Santa Brigida - Novena a Santa Rita - Novena allo Spirito Santo - NOVENA A S. BENEDETTO DA NORCIA - Novena a Santa Lucia - NOVENA IN ONORE A SAN GIUDA TADDEO - Le sette offerte all'eterno padre - Novena alla Madonna del Carmine - Novena a Dio Padre - Supplica al Bambino Gesù di Parga - Novena per la Natività della B. V. Maria - Invocazione ai Tre Arcangeli - Novena a San Michele e ai 9 Cori degli Angeli - NOVENA A PADRE PIO - Novena a San Francesco d'Assisi - Corona Angelica - SUPPLICA Alla Beata Vergine Maria Immacolata Della Medaglia Miracolosa - Novena alla Madonna del Rosario - Devozione al Santo Volto - Novena alle Sante Anime del Puragatorio - IL SANTO ROSARIO E LA BOMBA ATOMICA - Preghiere della moltiplicazione o Novena delle 33 Giaculatorie - Novena all’Immacolata concezione - Preghiera per Chiedere la Grazia della Devozione - Novena a Cristo Re - Novena alla Beata Vergine Maria di Loreto - Novena a Dio Padre Onnipotente - Novena di Natale - Novena ai Santi Magi - NOVENA A GESÙ BAMBINO DI PRAGA - Preghiere in Latino - Novena a San Giovanni Bosco - Novena e Preghiera a Nostra Signora di Lourdes - Novena a San Giuseppe - Novena a San Giuseppe Lavoratore - Scuola di umilta' - le regole - 15 Minuti Con Gesù - Novena alla Madonna del Rosario di Pompei - TREDICINA A SANT'ANTONIO DI PADOVA - Devozione delle Tre Ave Marie


Indice Vangelo e Commento del Mese di Giugno:













Home Page

Archivio Vangelo | OSPITALITA' CONVENTUALE - Elenco: ABBAZIE, CONVENTI, MONASTERI IN ITALIA