Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Gennaio 2017- Questo mese è stato curato da: Giuseppe Lami Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Martedì 24 gennaio 2017
Vangelo secondo Marco (3, 31-35)
Eb 10, 1-10; Sal 39
San Francesco di Sales


Preghiera Iniziale


Ave o Maria, piena di grazia, il Signore è con te.
Tu sei benedetta fra le donne
e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.
Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori
adesso e nell'ora della nostra morte. Amen.


Ascolta Vangelo


In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo.
Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano».
Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».





Medita


È un episodio che lascia turbati, quello di Gesù che allontana sua madre e quasi la disconosce di fronte al popolo. Sembra un'ingiusta umiliazione verso la sua santissima madre. Non può essere così: Gesù ama sua madre tanto da assumerla in cielo in corpo e spirito. Ma allora perché questi modi bruschi?
Gesù sta insegnando, sta portando una folla di persone verso il Padre, sta compiendo la sua missione, sta “lavorando per Dio”. A un certo punto arriva la sua famiglia, probabilmente preoccupata del fatto che Gesù si sta esponendo troppo e si sta facendo molti nemici potenti, e quindi lo vorrebbe riportare indietro, al sicuro a casa. Questo per Gesù potrebbe essere una tentazione: temperare lo slancio, lasciarsi un po' andare e pensare un po' a se stesso, fare qualche calcolo di buon senso. Gesù allontana la sua Madre Santissima, non certo per disprezzo verso di lei o verso gli altri suoi familiari; lo fa per se stesso, e lo fa anche per Maria. La scena ricorda l'episodio del ritrovamento nel tempio del fanciullo Gesù da parte di Maria e Giuseppe dopo una lunga e angosciosa ricerca. Per la seconda volta Maria viene messa di fronte al fatto che quello non è un figlio per sé, quel suo figlio è per il mondo intero, per la sua salvezza. Maria lo capirà bene sotto la croce sul Calvario! Che grande insegnamento anche per noi genitori: i figli non sono nostri, i figli sono creature di Dio fatte per seguire la loro vocazione e raggiungere la salvezza attraverso la misericordia di Dio. Non cerchiamo di riportarli a casa per proteggerli dal mondo, cerchiamo piuttosto di trasmettere loro una fede salda e lasciamoli al loro cammino verso la santità affidandoli all'amore di Dio.





Per Riflettere

Quali sono le nostre preoccupazioni verso i figli o i giovani in generale? Oltre che delle loro necessità terrene preghiamo anche per la loro anima e la loro fedeltà al Vangelo?







Torna su: Indice Mese GENNAIO 2017

Home Page



Home Page