Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Gennaio 2017- Questo mese è stato curato da: Giuseppe Lami Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Martedì 17 gennaio 2017
Vangelo secondo Marco (2, 23-28)
Eb 6, 10-20; Sal 110
Sant'Antonio abate


Preghiera Iniziale


Nella via dei tuoi insegnamenti è la mia gioia,
più che in tutte le ricchezze.
Voglio meditare i tuoi precetti,
considerare le tue vie.
Nei tuoi decreti è la mia delizia,
non dimenticherò la tua parola.
Sii benevolo con il tuo servo e avrò vita,
osserverò la tua parola.
Aprimi gli occhi perché io consideri
le meraviglie della tua legge.
(Salmo 119)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe. I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell'offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!».
E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell'uomo è signore anche del sabato».





Medita


Quante volte cadiamo nell'errore di considerare i comandamenti di Dio come un limite imposto da Dio alla nostra realizzazione, al raggiungimento della nostra felicità! I comandamenti del Signore, se considerati da un punto di vista umano, appaiono insensati: da una parte possono essere vissuti come una gabbia che limita la nostra libertà, quando la libertà è intesa come il soddisfacimento dei desideri e degli istinti umani; dall'altra, i dieci comandamenti sono visti come le “regole del gioco” che il Signore ci impone per essere a Lui ben accetti e per guadagnarci la salvezza.
I comandamenti, incluso quello della santificazione delle feste, sono l'espressione dell'amore che Dio ha per noi e per la nostra libertà. Essi hanno certamente a che fare con la nostra libertà, perché sono doni del Signore a salvaguardia di essa, che è innanzi tutto libertà dal peccato.
Ogni comandamento è per il nostro bene, perché deriva da Dio nostro creatore. Se l'uomo toglie Dio dai comandamenti, essi diventano aridi precetti che non ci portano vantaggio, che non ci conducono al bene. Gesù si proclama, in virtù della sua natura divina, padrone del sabato, facendo intendere che Lui conosce il vero senso dei comandamenti di Dio e che Lui può cambiare la tradizione che ha abbandonato Dio per abbracciare una logica puramente umana. Gesù ci dice di guardare a Lui, di lasciarci guidare dalla sua parola, alla Verità che Egli ci ha rivelato, per procedere nel nostro cammino. La legge è di Dio, la legge è per la libertà degli uomini; se gli uomini la piegano alle logiche umane, essa diventa uno strumento che rende l'uomo schiavo del potere umano. Cristo, venuto per la salvezza degli uomini, afferma che in Lui si ritrova il senso autentico dei comandamenti di Dio, Lui è la guida per ritrovare nei comandamenti la mano di Dio e del suo amore per noi.






Per Riflettere

Voi dite «Ma sono dei comandi, sono un insieme di norme», no, no vorrei invitarvi a leggerli, forse li avete un po' dimenticati, e a pensarli in positivo: riguardano il nostro modo di comportarci verso Dio, verso gli altri e verso noi stessi […] ci invitano a non farci idoli materiali che poi ci rendono schiavi, ci invitano ad essere onesti, a rispettare l'altro. (Papa Francesco)







Torna su: Indice Mese GENNAIO 2017

Home Page



Home Page