Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Gennaio 2017- Questo mese è stato curato da: Giuseppe Lami Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Giovedì 12 gennaio 2017
Vangelo secondo Marco (1, 40-45)
Eb 3, 7-14; Sal 94


Preghiera Iniziale


Dal profondo a te grido, o Signore;
Signore, ascolta la mia voce.
Siano i tuoi orecchi attenti
alla voce della mia preghiera.
Se consideri le colpe, Signore,
Signore, chi potrà sussistere?
Ma presso di te è il perdono:
e avremo il tuo timore.
Io spero nel Signore,
l'anima mia spera nella sua parola.
(Salmo 129)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito, la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato.
E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va', invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro».
Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.





Medita


La lebbra fa perdere dignità alle persone e ne umilia l'umanità, rende incapaci di sentirsi creature a immagine e somiglianza di Dio, creature amate, è una condizione talmente degradante che fa perdere la dimensione verticale della vita. La guarigione del lebbroso ricorda a tutti noi che in Cristo c'è sempre la possibilità di redenzione, non c'è condizione di peccato, anche la più degradante, che non possa venire guarita dalla misericordia di Dio. Che grande speranza! A noi è chiesto di cercare Cristo, di avere fede, di fidarci di Lui. La misericordia del Signore ci sorprenderà, sovrabbonderà e ci stupirà.
Possiamo chiederci perché Gesù ordina al lebbroso appena guarito di non dire a nessuno del miracolo appena ricevuto, ma di limitarsi ad ottemperare alla regola di presentarsi ai sacerdoti. Gesù fa questo perché è attento a non trasmettere un messaggio che possa distogliere dalla verità della sua incarnazione; Gesù vuole evitare che il popolo, identificandolo come un guaritore, non presti ascolto all'annuncio autentico del regno di Dio. Il popolo, infatti, saputo del miracolo lo segue in massa, ma lo segue solo perché in Lui cerca un miglioramento della propria condizione terrena. Gesù ci invita a guardare non tanto ai suoi miracoli, quanto piuttosto alla croce e alla resurrezione, perché la sua morte e resurrezione sono la via della salvezza, una salvezza che abbraccia un orizzonte ben più ampio della nostra vita terrena. Gesù è la via della salvezza dell'anima, della vita eterna.





Per Riflettere

La preghiera di lode ci fa fecondi. Ma come va la mia preghiera di lode? Io so lodare il Signore? So lodare il Signore o quando prego il Gloria o prego il Sanctus lo faccio soltanto con la bocca e non con tutto il cuore? (Papa Francesco)






Torna su: Indice Mese GENNAIO 2017

Home Page



Home Page