Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Gennaio 2017- Questo mese è stato curato da: Giuseppe Lami Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Lunedì 9 gennaio 2017
Vangelo secondo Marco (1, 14-20)
Eb 1, 1-6; Sal 96
Tempo ordinario
Salterio: prima settimana


Preghiera Iniziale


Signore,
fammi conoscere la bellezza della tua chiamata
e il dono della tua costante presenza.
Aiutami a capire il tuo disegno su di me
e ad ascoltarti e imitarti con filiale docilità.
Fammi comprendere a che punto sono
nel cammino della vita cristiana:
quali sono i difetti da superare
e le virtù da conquistare.
Mi abbandono a te,
perché tu mi aiuti sempre più a fare
la tua soave volontà.
Te lo chiedo con cuore nuovo,
più grande e più forte,
per Cristo Signore nostro. Amen.
(Ireos Della Savia)


Ascolta Vangelo


Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch'essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.






Medita


Il brano della chiamata di Cristo agli apostoli ci interroga sulla nostra chiamata. Quante volte ci siamo chiesti quale sia la nostra missione su questa terra: quand'è che Gesù mi chiama? Per che cosa mi chiama, che cosa si aspetta Gesù da me?
Gesù chiama i primi apostoli “mentre gettavano le reti”, “mentre riparavano le reti”. La chiamata arriva nella vita quotidiana; non siamo noi a cercare il Signore, è Lui che ci cerca, è lui che ci interpella, che ci chiama. E lo fa parlando al cuore, nell'intimo della nostra coscienza, spesso lo fa attraverso la nostre inquietudini e il nostro senso di insoddisfazione.
“Subito lasciarono le reti”: non c'è indugio nella risposta di Simone e Andrea, così come in quella di Giacomo e Giovanni. Forse se avessero indugiato e si fossero messi a riflettere sull'opportunità di accettare la chiamata di Cristo, alla fine sarebbero rimasti con le loro reti a svolgere il loro lavoro. L'indugiare di fronte alla chiamata di Gesù è molto pericoloso perché ci espone all'opera diabolica, che tende a rifiutare Dio facendo leva sul nostro attaccamento ai beni del mondo. Per seguire Cristo occorre lasciarsi guidare dalla fede, mai fare i conti, mai soffermarsi a considerare quanto si perde e quanto si guadagna dalla sequela di Gesù. La fiducia nella promessa di Cristo, la sua promessa di salvezza, deve essere pronta e totale. Che cosa possiamo anteporre a Cristo? I beni materiali valgono forse più della promessa di salvezza? La sicurezza del proprio lavoro vale forse più della speranza che viene dal Signore? I legami familiari e affettivi possono forse rappresentare un freno a una vita pienamente cristiana? Cristo chiama ciascuno di noi, la Sua chiamata è una grazia che ci permette di dare pienezza alla nostra vita mettendoci in cammino con Lui, verso la salvezza.





Per Riflettere

Alla chiamata del Signore, come rispondiamo? Lasciamo subito le reti oppure cerchiamo una risposta di compromesso fra Cristo e le cose del mondo?






Torna su: Indice Mese GENNAIO 2017

Home Page



Home Page