Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato
/ Il Santo del Calendario:

Ascolta e Medita Gennaio 2017- Questo mese è stato curato da: Giuseppe Lami Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi











Mercoledì 4 gennaio 2017
Vangelo secondo Giovanni (1, 35-42)
1Gv 3, 7-10; Sal 97


Preghiera Iniziale


Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino.
Magnificate con me il Signore,
esaltiamo insieme il suo nome.
Ho cercato il Signore: mi ha risposto
e da ogni mia paura mi ha liberato.
Guardate a lui e sarete raggianti,
i vostri volti non dovranno arrossire.
Questo povero grida e il Signore lo ascolta,
lo salva da tutte le sue angosce.
(Salmo 34)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l'agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.




Medita


Chi sono i discepoli di Giovanni, chi sono coloro che per primi seguono Gesù su indicazione del loro maestro? Si tratta di persone alla ricerca di una prospettiva di vita autentica e piena, gente che già aveva seguito Giovanni perché assetata di verità, insoddisfatta delle risposte e delle proposte che il mondo fornisce. È questa predisposizione d'animo che permette ad Andrea di percepire che quell'uomo indicatogli dal suo maestro è il Messia; Andrea, semplice pescatore, intravede col cuore, sente che Gesù è la risposta alle sue domande. Ad Andrea, persona in cerca di verità, non servono prove, non servono evidenze oggettive, non servono miracoli per riconoscere il Messia. È il semplice incontro con Gesù, un incontro di poche ore, che porta Andrea a cambiare la sua vita e a mettersi alla sequela di Gesù con una fede cristallina: “Abbiamo trovato il Messia!”.
Andrea e gli altri discepoli di Giovanni sono preparati all'incontro con Gesù, vi giungono con il cuore pronto a riconoscere il Messia grazie al loro maestro. Giovanni, uomo di Dio, spende la sua vita per preparare i suoi all'incontro decisivo con Cristo salvatore. Noi che siamo Chiesa, noi che abbiamo ricevuto l'eredità dell'annuncio del regno di Dio siamo chiamati a indicare ai nostri fratelli chi è colui che salva, colui che è via, verità e vita. Chi è genitore sia il primo catechista per i propri figli, sia il primo a riconoscere di fronte ai bambini che Gesù è l'agnello di Dio, colui per il quale vale la pena spendere la propria vita, quello da seguire e da frequentare tutti i giorni per trovare le risposte alla sete di verità che abbiamo nel cuore, per dare pienezza alla nostra vita.





Per Riflettere

Siamo capaci di trasmettere la nostra fede? Attraverso il nostro entusiasmo, la nostra fede, le nostre parole riusciamo a “condurre da Gesù” i nostri familiari, gli amici, i colleghi?






Torna su: Indice Mese GENNAIO 2017

Home Page



Home Page