Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com





Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento





GIOVEDÌ 21 Gennaio 2010
Vangelo secondo Marco (3,7-12)
   

Ascolta


Gesù intanto si ritirò presso il mare con i suoi discepoli e lo seguì molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme e dall'Idumea e dalla Transgiordania e dalle parti di Tiro e Sidone una gran folla, sentendo ciò che faceva, si recò da lui. Allora egli pregò i suoi discepoli che gli mettessero a disposizione una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti ne aveva guariti molti, così che quanti avevano qualche male gli si gettavano addosso per toccarlo.
Gli spiriti immondi, quando lo vedevano, gli si gettavano ai piedi gridando: "Tu sei il Figlio di Dio!". Ma egli li sgridava severamente perché non lo manifestassero.


Il mese di Dicembre è stato interamente curato da: Maila Dell'Unto


Medita


Gesù è circondato da una folla sempre più grande. Il vangelo di Marco ci parla delle regioni dell'Idumea, della Transgiordania e di Tiro e Sidone, tutti territori anche molto distanti da dove si trovava Gesù con i suoi apostoli, segno che la fama del Signore si era sparsa velocemente e su di lui si concentravano le speranze di molti, soprattutto dei malati, dei sofferenti, dei più poveri.
Gesù non si nega alla gente, cerca di essere disponibile per tutti, sa che vogliono vederlo, toccarlo, essere guariti, solo agli spiriti immondi intima di non rivelare la sua verità, non è ancora il momento, il tempo della sua manifestazione non è ancora compiuto fino in fondo.

Il tema della "segreto messianico" che troviamo molto accentuato nel vangelo di Marco, spesso ci lascia un po' perplessi: perché Gesù non voleva far sapere chi era? Ci chiediamo.
In realtà è questo un sistema letterario ideato dall'evangelista, per introdurre gradualmente il lettore alla verità della figura del Cristo.
Non ci dimentichiamo che Marco scrisse il suo vangelo sulla testimonianza di Pietro. E infatti, non a caso, dopo un susseguirsi di episodi, che riguardano i primi 8 capitoli del vangelo di Marco, in cui molti spiriti riconoscono in Gesù il "Figlio di Dio", è proprio Pietro che fa la grande professione di fede: "Tu sei il Cristo" (8,29).
Il mistero del Figlio di Dio che si è fatto carne, non era un argomento facile da comprendere, per gli ebrei in modo particolare, ecco perché Marco prepara gradualmente il lettore attraverso i miracoli, le parole e i gesti di Gesù, affinché chiunque leggesse il vangelo arrivasse, con Pietro, a poter esclamare "Tu sei il Cristo".

Per Riflettere

Anche in noi dovrebbe scaturire l'esclamazione "Tu sei il Figlio di Dio"!


Ricerca personalizzata

Info Vai alle info
 
Orologio_con_croce_San_Damiano
 
 

 


Una Pillola per lo Spirito
Servizio di Mailing_List Settimanale
Vedi esempio e-mail inviata
Iscrizione Gratuita Mailing_list Cattolica a Cura dei Coniugi M. Guidato e R. Taurchini
OSPITALITA' CONVENTUALE - Elenco: ABBAZIE, CONVENTI, MONASTERI IN ITALIA


Vai su: Home Page - Mese di Gennaio - 2010