Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com





Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento





MARTEDÌ 12 Gennaio 2010
Vangelo secondo Marco (1,21-28)
   

Ascolta


Andarono a Cafarnao e, entrato proprio di sabato nella sinagoga, Gesù si mise ad insegnare. Ed erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi. Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: "Che c'entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio". E Gesù lo sgridò: "Taci! Esci da quell'uomo". E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: "Che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità. Comanda persino agli spiriti immondi e gli obbediscono!". La sua fama si diffuse subito dovunque nei dintorni della Galilea.

Il mese di Dicembre è stato interamente curato da: Maila Dell'Unto


Medita


Gesù è arrivato alla cittadina di Cafarnao, proprio in giorno di sabato. Entra nella sinagoga mettendosi a parlare come uno qualunque.
Ma subito la folla si rende conto che in lui c'è qualcosa di diverso, qualcosa che va al là del consueto. Gli scribi che insegnavano nelle sinagoghe erano soliti parlare facendo riferimento a rabbì più grandi, oppure ai profeti. Gesù, invece, parla a suo nome, parla attingendo autorità da se stesso, dalla sua parola. Lo stupore in chi lo ascolta aumenta ancora di più quando un uomo, posseduto da uno spirito, rivela la grandezza del Signore: tu sei il santo di Dio!
La potenza del Cristo comanda ogni cosa e, soprattutto, combatte il maligno che imprigiona l'uomo. Questa autorità spaventa e interroga le coscienze: chi è quest'uomo che può comandare anche agli spiriti? Come può avere questo dominio?

La profondità di questo brano sta tutta in quella semplice frase: "perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi".
L'evangelista Marco mette proprio l'attenzione su questa autorità di Gesù, un'autorità che non è dominio cieco ma autorevolezza. Infatti ciò che l'evangelista vuol sottolineare non è tanto "quello" che Gesù dice, quanto "come" lo dice, questa è la sua potenza ed è anche quello che lo mette al di sopra di tutti: farisei, sadducei, scribi, facendolo diventare una spina nel fianco di coloro che, invece, non possono essere ascoltati e stimati come lui.


Per Riflettere

Affidiamoci a Dio per poter guarire, nel corpo e nell'anima.


Ricerca personalizzata

Info Vai alle info
 
Orologio_con_croce_San_Damiano
 
 

 


Una Pillola per lo Spirito
Servizio di Mailing_List Settimanale
Vedi esempio e-mail inviata
Iscrizione Gratuita Mailing_list Cattolica a Cura dei Coniugi M. Guidato e R. Taurchini
OSPITALITA' CONVENTUALE - Elenco: ABBAZIE, CONVENTI, MONASTERI IN ITALIA


Vai su: Home Page - Mese di Gennaio - 2010