Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina

Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti


Martedì 5 febbraio 2013
Santa Agata
Vangelo secondo Marco (5, 21-43)


Questo numero è stato curato da: Alfredo e Giovanna Capparelli, Paolo e Laura Puglisi, Maurizio Guidato e Giovanni Mascellani

Arcidiocesi di Pisa
Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi



Ascolta


In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all'altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va' in pace e sii guarita dal tuo male».
Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.
Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.










Medita


La poca fede dei nazareni del brano di domenica scorsa fa da contro altare alla grande fede di queste due persone che contro ogni speranza confidano nella signoria di Gesù. La fede guarisce, la fede salva, la fede apre l’uomo all’onnipotenza di Dio. Dio non vuole apparire come un mago o un taumaturgo ma come un creatore compassionevole che desidera e si opera per la felicità delle sue creature come un genitore che prova piacere nel supportare un figlio che gli chiede aiuto. L’attenzione di Dio per l’uomo si vede anche nella particolare preoccupazione di Gesù quando si assicura che alla figlia di Giairo sia dato qualcosa da mangiare. Questa ci dimostra ancora una volta che la nostra religione non può essere ridotta solo alla dimensione spirituale dell’uomo ma coinvolge e risana tutti gli ambiti della vita umana. Tra questi ambiti Gesù ha chiara consapevolezza che uno di quelli che maggiormente assorbe le preoccupazione umane è proprio il cibo; Gesù non sminuisce tale preoccupazione ma, pur ricordando che non di solo pane vive l’uomo, invita gli uomini a pregare perché tutti gli uomini possano avere il proprio pane quotidiano e non esita a compiere miracoli quando questo viene meno. Significativa è inoltre l’insistenza con cui Gesù raccomanda di non diffondere la notizia della guarigione/risurrezione della figlia di Giairo. Gesù si preoccupa che il senso della sua missione non venga confuso. Egli non è venuto per guarire ma per salvare; la vera guarigione non è la mancanza di malattia ma la santità dei figli di Dio. La guarigione infatti è temporanea, la salvezza, generata dalla santità, invece è eterna.


Per Riflettere



La fede della donna, così piccola, umana, quasi ``interessata'', brilla di fronte a Gesù, che percepisce quel tocco speciale di fronte a tutta la folla che lo pigia. Questa è la fede che rende la donna ``guarita dal male''.




Lista Cd e DVD Religiosi
Lista Cd e DVD Religiosi
 




Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa 8 Colori disponibili: Fuxia, Giallo, Ametista chiara, Rosa, Ametista, Verde, Acqua e Bianco




Torna su: Home Page - Indice Mese di FEBBRAIO - 2013