Libreria Edizioni Paoline Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia di Gerusalemme in Cuoio e Argento _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd - Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy _ Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario Originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano _ Libro consigliato _ DVD Film Religiosi _ DVD Film Religiosi a Cartoni Animati _ Santi e Sante di Dio Biografie _ Classici della Spiritualità Cristiana _ Libri di Formazione Ragazzi - UMANA e CULTURALE _ Collana Economica dello Spirito _ Libro Segnalato Tema Famiglia

"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II


Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento




CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San Damiano in Argento




Quadri Sacri realizzati con lastre di Argento 925% Clic per Info

Croce di San Benedetto

Croce di S. Benedetto

Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria


MERCOLEDÌ 2 Febbraio 2011
Vangelo secondo Luca ( 2,22-40)


Il mese di Gennaio è stato interamente curato da:
Maila Dell'Unto, Luigi Cioni,
Barbara Pandolfi e Beatrice Taddei



Ascolta


Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, come è scritto nella Legge del Signore: ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore.
Ora a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Israele; lo Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore. Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, lo prese tra le braccia e benedisse Dio:
"Ora lascia, o Signore, che il tuo servo
vada in pace secondo la tua parola;
perché i miei occhi han visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli,
luce per illuminare le genti
e gloria del tuo popolo Israele".
Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: "Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima".
C'era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto col marito sette anni dal tempo in cui era ragazza, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.
Quando ebbero tutto compiuto secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nazaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era sopra di lui.

Lectio Divina sul Vangelo della Domenica Lectio Divina
sul Vangelo della Domenica a cura di fra Vincenzo Boschetto

Medita


Giuseppe e Maria portano Gesù, appena nato, al tempio per adempiere alle norme della Legge. Avrebbe dovuto essere la presentazione di un bambino qualunque, un ebreo come tutti gli altri. Ma di fronte al Tempio ecco che il vecchio Simeone, "uomo giusto e timorato di Dio", rivela qualcosa di diverso, di straordinario, di unico e irripetibile. Questo bambino non è un bambino qualunque ma è " la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele". E non è solo Simeone a stupire i genitori di Gesù e a lasciarli meravigliati. Anche la profetessa Anna, che aveva dedicato quasi tutta la sua vita a servire il Signore presso il tempio, proclama le lodi di questo fanciullo, additandolo come strumento di redenzione di Gerusalemme.

Le parole di queste due persone, sante e giuste di fronte a Dio, lasciano molti interrogativi nei cuori di Giuseppe e Maria. Interrogativi che solo più tardi avrebbero avuto una risposta, solo con il tempo e con l'età adulta di Gesù avrebbero avuto un senso..
Ancora una volta è la fede e la vicinanza a Dio, la comunione profonda di anima e cuore con il Signore, che permette a Simeone e Anna di vedere oltre il presente, di scorgere in questo bambino il segno di Dio, la sua presenza e la sua Parola.
Così anche a noi occorre un'apertura di cuore vera e sincera, anche a noi serve avere la fede che si affida, che crede senza riserve, solo così incontreremo Dio nel mondo, nella vita di ogni giorno, nelle difficoltà e nelle incertezze.
E riuscire a rendere la nostra vita una comunione continua con Dio, significa trasformarci e diventare autentici testimoni della sua salvezza.

Per Riflettere


Sappiamo riconoscere la presenza di Dio nel mondo? Nei fratelli? Negli avvenimenti?



Clic Per Maggiori Info - Libri di Ravasi Gianfranco - Libreria Edizioni Paoline Pisa
Libreria Edizioni Paoline Pisa La Nostra Selezione di Libri di Gianfranco Ravasi con Sconto dal 10 al 15%



Ricerca personalizzata



Una Pillola per lo Spirito
Servizio di Mailing_Giornaliero
Archivio E-Mail Inviate
     
OSPITALITA' CONVENTUALE - Elenco: ABBAZIE, CONVENTI, MONASTERI IN ITALIA


Torna su: Home Page - Indice mese di Febbraio - 2011