Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18)
Il Vangelo di ogni giorno con il commento
Fai conoscere questo Servizio Passa Parola








DOMENICA 8 Febbraio 2009
Vangelo secondo Marco (1,29-39)
   
 


Ascolta


In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, si recò in casa di Simone e di Andrea, in compagnia di Giacomo e di Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli. Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portarono tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano afflitti da varie malattie e scacciò molti demoni; ma non permetteva ai demoni di parlare, perché lo conoscevano. Al mattino si alzò quando era ancora buio e, uscito di casa, si ritirò in un luogo deserto e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce e, trovatolo, gli dissero: "Tutti ti cercano!". Egli disse loro: "Andiamocene altrove, per i villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!". E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demoni.



Il mese di Febbraio è stato interamente curato da: Chiara Sani
 


Medita


Solo due suggestioni vorrei cogliere in questo brano così stimolante: la guarigione della suocera di Pietro e la preghiera di Gesù in un luogo deserto. La suocera di Simone è a letto ammalata, forse c'è un po' di preoccupazione in casa, tanto che tutti si rivolgono al Maestro appena entrato per avere aiuto. Gesù le prende la mano, la fa alzare e subito ella si mette a servirlo, guarita. C'è un contatto, un sollevarsi della donna, la guarigione: non sono anche tappe di ogni guarigione spirituale? Gesù ci tocca, ci raggiunge, ci solleva dal peccato, dalla dimenticanza della nostra dignità e ci fa suoi servi, davvero liberi e salvati. E poi quella preghiera in disparte, nel nascondimento, durante la quale Gesù ci presenta al Padre, ci offre al Padre attraverso di sé e attraverso il suo dono, il suo sacrificio. Così poi il Signore torna a predicare, ad annunciare quell'amore a cui, Amore Egli stesso, si è abbeverato nella preghiera segreta.


Per Riflettere
 

So pensare a quante volte Gesù mi ha guarito attraverso il perdono sacramentale, attraverso la sua Parola? So pregare per i fratelli, raccomandandoli, con tutte le loro necessità, al Padre celeste?





Home Page