CROCEFISSO DI SAN DAMIANO

Crocifissi San Damiano in Argento, Legno e in Vetro di Murano Varie Misure



VOGLIO CONFESSARMI BENE!
"Ti aiuti la Madonna a riconciliarti con Dio, col tuo prossimo, con te stesso, con la vita" dal Santuario di Montenero - Livorno
/ Il Santo del Calendario:

Video Catechesi - La Preghiera del Cuore di Padre Serafino TognettiVideo Catechesi di Padre Serafino Tognetti membro della Comunità dei Figli di Dio. Una comunità di monaci nel mondo. - 1. La Preghiera del Cuore - 2. La potenza della Preghiera - 3. Il Fondamento È L'umiltà - 4. La Vita nello Spirito Santo

Ascolta e Medita Aprile 2017- Questo mese è stato curato da: Cristina e Francesco Scigliano Arcidiocesi di Pisa Centro Pastorale per l'Evangelizzazione e la Catechesi

Torna su: Indice Mese APRILE 2017



Venerdì 7 aprile 2017
Ger 20, 10-13; Sal 17
Vangelo secondo Giovanni (10, 31-42)
San Giovanni Battista de la Salle


Preghiera Iniziale


Ti amo, Signore, mia forza,
Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore.
Mio Dio, mia rupe, in cui mi rifugio;
mio scudo, mia potente salvezza e mio baluardo.
Invoco il Signore, degno di lode,
e sarò salvato dai miei nemici.
Nell'angoscia invocai il Signore,
nell'angoscia gridai al mio Dio:
dal suo tempio ascoltò la mia voce,
a lui, ai suoi orecchi, giunse il mio grido.
(Salmo 17)


Ascolta Vangelo


In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?».
Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un'opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio». Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: “Io ho detto: voi siete dèi”? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata –, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: “Tu bestemmi”, perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre».
Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.




Medita


Ancora una volta Gesù si scontra con i “sapienti” del tempo. La buona notizia annunciata in maniera così diretta e trasparente spaventa chi si è costruito delle false certezze e da quell'annuncio ha qualcosa da perdere: una posizione sociale da mantenere (ed esibire), la Legge anteposta alle persone, una fede a misura d'uomo ma che ben poco ha di Dio. “Abramo ha avuto un prima e un dopo; ma è proprio della verità di esistere sempre” (Gv 14, 6), poiché per essa nulla comincia e poi finisce. Ma non tutti sono pronti ad accogliere nel proprio cuore le parole di eternità che nostro Signore ci ha annunciato.
Prendono delle pietre per lapidarlo: molto spesso non facciamo lo sforzo di provare a capire chi è diverso da noi. L'unica nostra misura è un atteggiamento di chiusura e di rigetto, e con arroganza siamo disposti a “lapidare” nella vita di tutti i giorni ciò che potrebbe intaccare le nostre piccole sicurezze. Ma ancora una volta l'atteggiamento di Gesù è sorprendente: “Si nascose e uscì dal tempio”. Il Figlio di Dio fugge dai persecutori nascondendosi, quasi come fosse un ladro, mentre avrebbe potuto usare la sua potenza divina. Che senso ha tutto ciò? Gesù, fattosi uomo fra gli uomini, il nostro Redentore, ci dice alcune cose con la parola ed altre con l'esempio. E questo è veramente un esempio di estremo valore: fuggire con l'umiltà l'odio degli orgogliosi, anche quando potremmo opporre resistenza. Nessuno dunque reagisca nel ricevere affronti, nessuno ricambi l'insulto con l'insulto. Poiché è più glorioso, secondo l'esempio di Dio, evitare un'ingiuria tacendo che voler avere il sopravvento contrattaccando.





Per Riflettere

Entro nel mio tempio interiore e faccio spazio alla Verità. Mi faccio umile e lascio che il mio pensiero si conformi a quello di Gesù e non a quello dei dottori della legge.

Grazia in quell'ora, in cui la morte fu inghiottita dalla vittoria.
Non gli uomini hanno fatto qui qualcosa,
no, soltanto Dio lo ha fatto.
Egli ha percorso la via verso gli uomini con infinito amore.
Ha giudicato ciò che è umano.
E ha donato grazia al di là del merito.
(Dietrich Bonhoeffer)







Torna su: Indice Mese Aprile 2017
Icone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Greche Originali Serigrafia su Foglia OroIcone Originali Greche
Copie fedeli e austeri stile bizantino (Scuola Cretese – Teofanis) realizzate da padre Pefkis, agiografo diplomato dell’Accademia Ecclesiastica del Monte Santo (località Athos) con colori autentici e tradizionali con foglio dorato, su tela e legno invecchiato

Home Page



Home Page