Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina

Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti


GIOVEDÌ 23 Agosto 2012
Vangelo secondo Matteo (22,1-14)


Questo numero è stato interamente curato da:
VICARIO GENERALE - MONS. ENZO LUCCHESINI



Ascolta


Gesù riprese a parlare loro con parabole e disse: "Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. Mandò di nuovo altri servi con quest'ordine: "Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!". Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: "La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze". Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l'abito nuziale. Gli disse: "Amico, come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?". Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: "Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti". Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti".








Medita


Partecipare alla festa di nozze per il figlio del re, è davvero un privilegio straordinario; ma gli invitati della prima ora, i privilegiati, mostrano di non apprezzarlo. Si aggiunge lo sgarbo di ignorare persino il rinnovarsi dell’invito personale, e una crescente nonché inspiegabile odiosità che si manifesta quando l’invito diventa ordine ; si giunge addirittura, in qualche caso, all’insulto e alla violenza fisica nei confronti dei messaggeri. La risposta del re è spietata “fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme le loro città”. Una punizione esemplare: chi ne ascolta la narrazione o vede le conseguenze si guarderà bene dal ripetere un simile comportamento ! Visto che questa parabola è collocata da Matteo in coda a quella dei “contadini omicidi”, è impossibile non leggervi prima di tutto il cammino storico del popolo che era stato il prediletto, il primo chiamato, ma aveva perseguitato i profeti, portatori dei continui richiami di Dio. Ora, il rifiuto e la violenza stanno raggiungendo anche Gesù. L’asprezza della contestazione produrrà il rifiuto definitivo: verrà messo a morte “fuori della città” .Certamente la parabola non si limita a rimproverare un atteggiamento del passato, ma raggiunge anche noi che fin dall’inizio della vita, attraverso il Battesimo e l’opera materna della Chiesa, abbiamo ricevuto l’invito e siamo stati sollecitati a rispondere con riconoscenza. Siamo tra coloro che sono stati “raccolti ai crocicchi delle strade … buoni e cattivi…per partecipare alla festa “. O forse siamo “ l’uomo che non aveva l’abito nuziale”; un altro modo per non essere pienamente partecipi, per rifiutare. Purtroppo il rifiuto, l’ingratitudine continua, è di ogni tempo, “perché molti sono chiamati, ma pochi eletti”, e questo ci deve far riflettere perché se non abbiamo obbedito per amore, nasca in noi almeno il timore di andare incontro al pericolo di essere a nostra volta “rifiutati”, esclusi dal banchetto di nozze, condannati, e l’immagine diventa durissima, a finire dove “sarà pianto e stridore di denti”.




Preghiamo



Signore, Padre santo e buono, concedimi: un’intelligenza che ti conosca, un cuore che ti senta, uno spirito che ti gusti, un ardore che ti cerchi, una sapienza che ti trovi, un’anima che ti comprenda, occhi che ti vedano, una vita che ti sia gradita, una perseveranza che ti attenda, una morte santa. Donami la tua presenza, la santa risurrezione, una buona ricompensa: la vita eterna. - Da un libro di preghiere del IX secolo




Lista Cd e DVD Religiosi
Lista Cd e DVD Religiosi
 







Torna su: Home Page - Indice Mese di AGOSTO - 2012