Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!



Ti amo Signore mia forza, Signore, mia roccia, sal.17 (18) Il Vangelo di ogni giorno con il commento
 

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO il corcifisso di San Francesco
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

Prodotti Artigianato America Latina

Cristo il Buon Pastore  Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo nella Comunita' Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Artigianato Equosolidale America Latina
Cristo Risorto Tau Artigianato Equosolidale America Latina
Croce Colomba di Pace Artigianato Equosolidale America Latina
Crocifisso Artigianato Equosolidale America Latina
Tavoletta Battesimo Artigianato Equosolidale America Latina

Artigianato Equosolidale Crocifissi per Camerette Bimbi Oggeti di Arredo Sacro Per Nascite Comunioni Battesimo 8 Articoli e Formati Diversi Per la Cameretta dei Vostri Figli, Amici e/o Parenti


VENERDÌ 17 Agosto 2012
Vangelo secondo Matteo (19,3-12)


Questo numero è stato interamente curato da:
VICARIO GENERALE - MONS. ENZO LUCCHESINI



Ascolta


Allora gli si avvicinarono alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: "È lecito a un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?". Egli rispose: "Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina e disse: Per questo l'uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne? Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l'uomo non divida quello che Dio ha congiunto". Gli domandarono: "Perché allora Mosè ha ordinato di darle l'atto di ripudio e di ripudiarla?". Rispose loro: "Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all'inizio però non fu così. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un'altra, commette adulterio".
Gli dissero i suoi discepoli: "Se questa è la situazione dell'uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi". Egli rispose loro: "Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca".











Medita


Due cristiani che prendono in mano questa pagina, magari quando il loro amore sta faticando, cosa dovrebbero fare? Magari leggerla e rileggerla mettendosi in ascolto, in atteggiamento di preghiera, e poi domandarsi se è la propria “durezza di cuore” che impedisce di comprenderla, cioè di farla propria fino in fondo, per sempre. Chi vuole “sposarsi nel Signore” come scrive Paolo, non può pretendere di togliere dalla parola “nemmeno un segno o uno iota”; e questo ce l’ha detto lo stesso Gesù.. Non resta spazio per interpretazioni personali, per giustificazioni del tipo “lo fanno tutti”. Il Signore ha parlato non per rovinarci la vita, per rubarcela sottomettendoci come schiavi, ma per indicare ai suoi amici la via del bene, quindi della conquista della serenità e della pace. Il cammino comincerà da quel giorno più o meno magico in cui avviene l’incontro che fa sembrare l’altro come l’unico per la nostra vita. Poi ci sarà un tempo per verificare che è davvero “unico” per tutti e due; lo farà con mente e cuore, ragione e sentimento. Infine stamperà nella mente e nel cuore le tre qualifiche che rendono cristiano, via alla gioia eterna, il matrimonio che ha celebrato: uno, indissolubile, fecondo. Così, anche nei momenti di crisi, riscoprirà che Dio vuole farci amare, come ama lui, anche chi non è bello e buono come lui; ama e si dona rendendo anche la croce luogo e strumento del suo infinito amore. Poi l’ultima parte della pagina ci dice apre un'altra via, ancora più radicale, per saziarci dell’Amore; l’ha percorsa lo stesso Gesù, pur essendosi fatto uomo come noi: donarci interamente al Regno. In ogni caso tutta la vita serve per imparare ad essere sposi; come pure a consacrarci davvero e interamente al Regno, portando le nostre e le altrui debolezze.




Preghiamo



Signore, noi due, vorremmo imparare a diventare uno, in Te; questa è la meta del nostro amore; ce l’hai insegnata Tu e solo così potremo assaporare tutta la ricchezza e la gioia dell’amore. Ma siamo due, nella mente, nel cuore, nel corpo; e qualche volta insistiamo troppo sulle diversità, fino ad esasperare i toni, fino a volerci impadronire dell’altro. Signore, cosa vuol dire essere uno? Come fare dell’altro una parte di me? Come capire che è tuo dono? Come accoglierlo nell’ordine e nella gioia, ogni giorno? Insegnaci, Signore, a starti vicino, stretti stretti sul grande cammino, che abbiamo intrapreso in tre, anche con Te, quando il passo diventa faticoso e la speranza sembra non guidarci più. - Don Enzo.




Lista Cd e DVD Religiosi
Lista Cd e DVD Religiosi
 







Torna su: Home Page - Indice Mese di AGOSTO - 2012