Diario della Preghiera - Teofane il Recluso

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Salmo 97 (96) - Il Signore trionfa

[1] Il Signore regna: esulti la terra,
gioiscano le isole tutte.
[2] Nubi e tenebre lo avvolgono,
giustizia e diritto sostengono il suo trono.
[3] Un fuoco cammina davanti a lui
e brucia tutt’intorno i suoi nemici.
[4] Le sue folgori rischiarano il mondo:
vede e trema la terra.
[5] I monti fondono come cera davanti al Signore,
davanti al Signore di tutta la terra.
[6] Annunciano i cieli la sua giustizia,
e tutti i popoli vedono la sua gloria.
[7] Si vergognino tutti gli adoratori di statue
e chi si vanta del nulla degli idoli.
A lui si prostrino tutti gli dèi!
[8] Ascolti Sion e ne gioisca,
esultino i villaggi di Giuda
a causa dei tuoi giudizi, Signore.
[9] Perché tu, Signore,
sei l’Altissimo su tutta la terra,
eccelso su tutti gli dèi.
[10] Odiate il male, voi che amate il Signore:
egli custodisce la vita dei suoi fedeli,
li libererà dalle mani dei malvagi.
[11] Una luce è spuntata per il giusto,
una gioia per i retti di cuore.
[12] Gioite, giusti, nel Signore,
della sua santità celebrate il ricordo.


Commento al Salmo


Il salmo comincia con la proclamazione della regalità attiva di Dio. Tutta la terra è invitata all'esultanza, come pure le isole lontane (i lidi) del Mediterraneo (Cf. Ps 71,10; Is 42,4.10.12: 66,19).
Dio è visto in un trono sulle nubi, che in tempesta trasvolano i territori delle nazioni; egli è Dio dell'universo. Il tema di Dio che avanza nella tempesta è già noto al salterio (Ps 17; 28). La sua avanzata è irresistibile, possente, niente può resistere, la sua potenza è al servizio del suo diritto di sovrano e alla sua giustizia: “Un fuoco cammina davanti a lui e brucia tutt'intorno i suoi nemici. Le sue folgori rischiarano il mondo: vede e frema la terra. I monti...”.
La tempesta, gloria del Signore che trasvola sovrana i territori, smentisce gli adoratori di statue, che si rivolgono a pietre scolpite: Dio è vivo, unico, ed è sovrano di tutto.
Il salmista con impeto invoca che "si vergognino tutti gli doratori di statue e chi si vanta del nulla degli idoli”; e con l'immagine poderosa degli dei che si prostrano a Dio chiede che i culti idolatrici si liberino dalle loro menzogne e si indirizzino al vero ed unico Dio: “A lui si prostrino tutti gli dei!”. “Perché tu, Signore, sei l'Altissimo su tutta la terra, eccelso su tutti gli dei” afferma il salmista, volendo dire che i demoni che agiscono all'ombra degli idoli, sono i bassissimi, davanti a colui che è l'Eccelso, l'Altissimo.
Dio è potente e i suoi fedeli saranno strappati dalle mani degli empi che impongono i loro idoli, cioè dagli Assiri e dagli Egiziani, che operavano nell'area Palestinese: “Egli custodisce la vita dei suoi fedeli, li libererà dalle mani dei malvagi”.
La battaglia contro gli idoli adorati dai malvagi è condotta da Dio per mezzo di un re che è punto di riferimento per i giusti: “una luce è spuntata per il giusto”. Questa luce è identificabile con il re di Gerusalemme Giosia (640-609 a.C.), che condusse in Israele una decisa campagna contro l'idolatria (2Re 22,1s). Egli è una figura di Cristo.
Noi, Chiesa, non abbiamo solo di fronte genti che adorano idoli di pietra o legno o metallo; noi abbiamo in occidente anche idoli-uomo, che vengono adorati dale folle. Questi falsi dei in carne e ossa “si prostrino a Dio”. Rallegriamoci, noi, che siamo in Cristo, che apparteniamo alla Chiesa, di cui Sion è una figura. Amiamo Gesù Cristo, “egli custodisce la vita dei suoi fedeli”; egli ci libera “dalle mani dei malvagi”; lui, che regna e che viene sulle nubi del cielo (Cf. Mt 24,30; 26,64) a vincer per mezzo della Chiesa le fortezze del peccato, per poi un giorno venire lui stesso a porre fine agli empi della terra con la fine del mondo (Cf. Gl 2,1s; Sof ,1-3; Ap 1,14).

Pagina Indice Salmi


Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Papa Francesco Catechesi sul “Padre nostro”

Papa Francesco Catechesi sugli Atti degli Apostoli

Papa Francesco Catechesi i Sette Doni dello Spirito Santo

Papa Francesco Catechesi i Dieci Comandamenti o Decalogo

Papa Francesco Catechesi La Speranza Cristiana


Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio

Riflessioni Di Autori Antichi e Moderni
Letture Patristiche Padri della Chiesa - Dottori della Chiesa - Santi e Beati

Sant'Agostino - Lettera a Proba sul modo di pregare

Sermoni del Curato D'Ars Scritti Scelti

L'uomo in Preghiera
Catechesi sulla Preghiera di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento





Home Page