Diario della Preghiera - Teofane il Recluso

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Salmo 71 (70) - Preghiera di un vecchio

[1] In te, Signore, mi sono rifugiato,
mai sarò deluso.
[2] Per la tua giustizia, liberami e difendimi,
tendi a me il tuo orecchio e salvami.
[3] Sii tu la mia roccia,
una dimora sempre accessibile;
hai deciso di darmi salvezza:
davvero mia rupe e mia fortezza tu sei!
[4] Mio Dio, liberami dalle mani del malvagio,
dal pugno dell’uomo violento e perverso.
[5] Sei tu, mio Signore, la mia speranza,
la mia fiducia, Signore, fin dalla mia giovinezza.
[6] Su di te mi appoggiai fin dal grembo materno,
dal seno di mia madre sei tu il mio sostegno:
a te la mia lode senza fine.
[7] Per molti ero un prodigio,
ma eri tu il mio rifugio sicuro.
[8] Della tua lode è piena la mia bocca:
tutto il giorno canto il tuo splendore.
[9] Non gettarmi via nel tempo della vecchiaia,
non abbandonarmi quando declinano le mie forze.
[10] Contro di me parlano i miei nemici,
coloro che mi spiano congiurano insieme
[11] e dicono: «Dio lo ha abbandonato,
inseguitelo, prendetelo: nessuno lo libera!».
[12] O Dio, da me non stare lontano:
Dio mio, vieni presto in mio aiuto.
[13] Siano svergognati e annientati quanti mi accusano,
siano coperti di insulti e d’infamia
quanti cercano la mia rovina.
[14] Io, invece, continuo a sperare;
moltiplicherò le tue lodi.
[15] La mia bocca racconterà la tua giustizia,
ogni giorno la tua salvezza,
che io non so misurare.
[16] Verrò a cantare le imprese del Signore Dio:
farò memoria della tua giustizia, di te solo.
[17] Fin dalla giovinezza, o Dio, mi hai istruito
e oggi ancora proclamo le tue meraviglie.
[18] Venuta la vecchiaia e i capelli bianchi,
o Dio, non abbandonarmi,
fino a che io annunci la tua potenza,
a tutte le generazioni le tue imprese.
[19] La tua giustizia, Dio, è alta come il cielo.
Tu hai fatto cose grandi: chi è come te, o Dio?
[20] Molte angosce e sventure mi hai fatto vedere:
tu mi darai ancora vita,
mi farai risalire dagli abissi della terra,
[21] accrescerai il mio onore
e tornerai a consolarmi.
[22] Allora io ti renderò grazie al suono dell’arpa,
per la tua fedeltà, o mio Dio,
a te canterò sulla cetra, o Santo d’Israele.
[23] Cantando le tue lodi esulteranno le mie labbra
e la mia vita, che tu hai riscattato.
[24] Allora la mia lingua tutto il giorno
mediterà la tua giustizia.
Sì, saranno svergognati e confusi
quelli che cercano la mia rovina.


Commento al Salmo


Il salmista vive in un tempo di gravi contrasti nei quali si trova coinvolto per la sua fedeltà a Dio. Probabilmente si è al tempo immediatamente precedente la presa di Gerusalemme e la deportazione a Babilonia. Le sofferenze di questo giusto avvengono in patria, per mano di suoi connazionali, che sono ormai ribelli a Dio e guardano ai culti idolatrici introdotti nel tempio (Cf. 2Re 21,4). Questo giusto si adopera per una riforma dei costumi che può vedersi nell’esito felice della riforma di Giosia.
Il salmista per rafforzare la sua fiducia in Dio non evoca le grandi opere di Dio verso la nazione, ma guarda alla sua storia. Egli è stato educato alla fede in Dio fin da quando la madre lo teneva stretto sul grembo: “Su di te mi appoggiai fin dal grembo materno, dal seno di mia madre sei tu il mio sostegno” E Dio lo ha accompagnato, lo ha istruito con la sua grazia, fin dalla giovinezza: “Fin dalla giovinezza, o Dio, mi hai istruito, ”. Il salmista trova motivo alla sua fedeltà proprio alla fedeltà di Dio su di lui.
La sua fedeltà è però odiata dagli empi, che lo osteggiano con accuse infamanti, lo privano di amici. Dalle disgrazie che gli hanno procurato i suoi avversari traggono il pensiero che Dio l‘abbia abbandonato, perché ingiusto e menzognero, e aizzano contro di lui la caccia all’uomo: “Dio lo ha abbandonato, inseguitelo, prendetelo: nessuno lo libera!”. Egli non ha altro rifugio che la preghiera: “Io, invece, continuo a sperare; moltiplicherò le tue lodi”. Egli, pur anziano e debole, e in pericolo, si dà forza, con l’aiuto di Dio, di annunciare la giustizia di Dio, la sua fedeltà alle promesse fatte, l’immutabilità della sua parola: “La mia bocca racconterà la tua giustizia, ogni giorno la tua salvezza, che io non so misurare”; “Venuta la vecchiaia e i capelli bianchi, o Dio, non abbandonarmi, fino a che io annunci la tua potenza, a tutte le generazioni le tue imprese".
La giustizia di Dio, dice il salmista, “è alta come il cielo”; cioè non è come quella umana, cedevole, imperfetta, ed esposta ai cedimenti.
Le angosce che Dio ha permesso si abbattessero su di lui sono state veramente grandi poiché dice: “Molte angosce e sventure mi hai fatto vedere: tu mi darai ancora vita, mi farai risalire dagli abissi della terra”. Dagli “abissi della terra”, per dire che la sua situazione è di un finito, di un morto, di cui nessuno più si preoccupa.
Ma la fede in Dio sostiene il salmista e pieno di ferma speranza dice: “Allora io ti renderò grazie al suono dell’arpa, per la tua fedeltà, o mio Dio; a te canterò sulla cetra, o Santo d’Israele”.

Pagina Indice Salmi



I Frutti dello Spirito Santo

Papa Fracesco: I Sette Doni dello Spirito Santo: Video e Testo Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio

Vedi anche un'altra catechesi:+
I Sette Doni Dello Spirito Santo: Sapienza - Intelletto - Consiglio - Fortezza - Scienza - Pietà - Timore di Dio

San Giovanni Paolo II:
Riflessione sui sette doni dello Spirito Santo - Catechesi del Santo Padre Giovanni Paolo II sui doni dello Spirito Santo "Regina Coeli" e "Angelus" pronunciati dal Santo Padre nel 1989

Don Divo Barsotti:
I Doni dello Spirito Santo Divo Barsotti è stato un presbitero, monaco e scrittore italiano, fondatore della Comunità dei Figli di Dio.

Novena Allo Spirito Santo Da pregare per nove giorni consecutivi qualsiasi volta si voglia dar lode, ringraziare o chiedere una grazia

Coroncina allo Spirito Santo



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento


Home Page


Come inserire un font di Google