Diario della Preghiera - Teofane il Recluso

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Salmo 6 - Implorazione nella prova

[1] Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Sull’ottava. Salmo. Di Davide.
[2] Signore, non punirmi nella tua ira,
non castigarmi nel tuo furore.
[3] Pietà di me, Signore, sono sfinito;
guariscimi, Signore: tremano le mie ossa.
[4] Trema tutta l’anima mia.
Ma tu, Signore, fino a quando?
[5] Ritorna, Signore, libera la mia vita,
salvami per la tua misericordia.
[6] Nessuno tra i morti ti ricorda.
Chi negli inferi canta le tue lodi?
[7] Sono stremato dai miei lamenti,
ogni notte inondo di pianto il mio giaciglio,
bagno di lacrime il mio letto.
[8] I miei occhi nel dolore si consumano,
invecchiano fra tante mie afflizioni.
[9] Via da me, voi tutti che fate il male:
il Signore ascolta la voce del mio pianto.
[10] Il Signore ascolta la mia supplica,
il Signore accoglie la mia preghiera.
[11] Si vergognino e tremino molto tutti i miei nemici,
tornino indietro e si vergognino all’istante.


Commento al Salmo

Il salmo si presenta come preghiera nel tempo di prolungate sofferenze, infatti l’orante dice che i suoi occhi “si consumano e invecchiano fra tante mie afflizioni”. L’orante si presenta a Dio colpevole di peccati che meritano sdegno, ma ha grande fiducia nella misericordia di Dio. Egli è logorato dai dispiaceri e vede profilarsi innanzi tempo la tomba. Egli presenta a Dio il suo desiderio di vivere per lodare il Signore nella gioia e nella pace. L’orante dice: “Nessuno tra i morti ti ricorda. Chi negli inferi canta le tue lodi?”; parole queste che presentano come egli si figurava la vita nell’aldilà. L’anima separatasi dal corpo andava nello sheol, che è quello che noi abbiamo chiamato, a proposito dei bimbi non battezzati, “limbo” (ma ora è appurato che avendo Cristo dato la vita per tutti, ed essendo il sommo ed eterno sacerdote, egli stesso battezza, senza acqua, ma con lo Spirito, i piccoli non battezzati). Nello sheol il rapporto con Dio non era più nel cammino della vita terrena, e mancando la grazia santificante la relazione con lui era come inerte, pur in attesa dei cieli aperti.
Le parole del salmista, per noi che le recitiamo in Cristo, significano unicamente, in un momento nel quale le avversità sono continue e logoranti, il desiderio di potere lodare il Signore nella sicurezza ottenuta. Esse indicano per noi la prima espressione della preghiera di Gesù nell’orto degli ulivi (Mt 26,39): “Padre mio, se è possibile, passi via da me questo calice!”. A questa prima espressione noi non disgiungiamo la seconda: “Però non come voglio io, ma come vuoi tu!”.

Pagina Indice Salmi


Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Papa Francesco Catechesi sul “Padre nostro”

Papa Francesco Catechesi sugli Atti degli Apostoli

Papa Francesco Catechesi i Sette Doni dello Spirito Santo

Papa Francesco Catechesi i Dieci Comandamenti o Decalogo

Papa Francesco Catechesi La Speranza Cristiana


Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio

Riflessioni Di Autori Antichi e Moderni
Letture Patristiche Padri della Chiesa - Dottori della Chiesa - Santi e Beati

Sant'Agostino - Lettera a Proba sul modo di pregare

Sermoni del Curato D'Ars Scritti Scelti

L'uomo in Preghiera
Catechesi sulla Preghiera di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento





Home Page