Diario della Preghiera - Teofane il Recluso

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Salmo 55 (54) - Preghiera del callunniato

[1] Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Maskil. Di Davide.
[2] Porgi l’orecchio, Dio, alla mia preghiera,
non nasconderti di fronte alla mia supplica.
[3] Dammi ascolto e rispondimi;
mi agito ansioso e sono sconvolto
[4] dalle grida del nemico, dall’oppressione del malvagio.
Mi rovesciano addosso cattiveria
e con ira mi aggrediscono.
[5] Dentro di me si stringe il mio cuore,
piombano su di me terrori di morte.
[6] Mi invadono timore e tremore
e mi ricopre lo sgomento.
[7] Dico: «Chi mi darà ali come di colomba
per volare e trovare riposo?
[8] Ecco, errando, fuggirei lontano,
abiterei nel deserto.
[9] In fretta raggiungerei un riparo
dalla furia del vento, dalla bufera».
[10] Disperdili, Signore, confondi le loro lingue.
Ho visto nella città violenza e discordia:
[11] giorno e notte fanno la ronda sulle sue mura;
in mezzo ad essa cattiveria e dolore,
[12] in mezzo ad essa insidia,
e non cessano nelle sue piazze sopruso e inganno.
[13] Se mi avesse insultato un nemico,
l’avrei sopportato;
se fosse insorto contro di me un avversario,
da lui mi sarei nascosto.
[14] Ma tu, mio compagno,
mio intimo amico,
[15] legato a me da dolce confidenza!
Camminavamo concordi verso la casa di Dio.
[16] Li sorprenda improvvisa la morte,
scendano vivi negli inferi,
perché il male è nelle loro case e nel loro cuore.
[17] Io invoco Dio
e il Signore mi salva.
[18] Di sera, al mattino, a mezzogiorno
vivo nell’ansia e sospiro,
ma egli ascolta la mia voce;
[19] in pace riscatta la mia vita
da quelli che mi combattono:
sono tanti i miei avversari.
[20] Dio ascolterà e li umilierà,
egli che domina da sempre;
essi non cambiano e non temono Dio.
[21] Ognuno ha steso la mano contro i suoi amici,
violando i suoi patti.
[22] Più untuosa del burro è la sua bocca,
ma nel cuore ha la guerra;
più fluide dell’olio le sue parole,
ma sono pugnali sguainati.
[23] Affida al Signore il tuo peso
ed egli ti sosterrà,
mai permetterà che il giusto vacilli.
[24] Tu, o Dio, li sprofonderai nella fossa profonda,
questi uomini sanguinari e fraudolenti:
essi non giungeranno alla metà dei loro giorni.
Ma io, Signore, in te confido.


Commento al Salmo


La situazione che il salmo presenta quella di un giusto perseguitato dentro la sua città. Egli rimane fedele a Dio pur avendo attorno a sé la violenza e il sopruso. Il potere regale di Gerusalemme è profondamente deformato e la grande maggioranza degli abitanti della città si è adeguata alla situazione di corruzione imperante, cosicché anche gli amici spesso tradiscono l’amico. Fuori della città ci sono i venti di guerra portati da Nabucodonosor (605-5629) mentre la città è diventata, in nome della compattezza difensiva, una prigione da cui nessuno può scappare: “Giorno e notte fanno la ronda sulle sue mura”. Per fuggire bisognerebbe avere le ali: “Chi mi darà ali come di colomba per volare e trovare riposo?”. Il giusto del salmo cerca di portare attorno a sé il ravvedimento, ma contro di lui si alza il grido d’insulto del nemico, il cumulo di calunnie dell’empio, e l'attentato alla sua vita. Ma il giusto perseguitato e senza quasi scampo invoca l'assistenza di Dio: “riscatta la mia vita da quelli che mi combattono”. I malvagi non riescono ad eliminarlo perché Dio agisce contro di loro: “Dio ascolterà e li umilierà”.
Il salmista descrive un empio in azione: “Più untuosa del burro è la sua bocca, ma nel cuore ha la guerra; più fluide dell’olio le sue parole, ma sono pugnali sguainati”. L’empio ha un parlare sicuro, suadente, senza intoppi che rivelino disagio. E’ annientato nel male, non ha i tratti emotivi di chi è preso ancora dall’urlo della sua coscienza e così le sue parole escono fluide, morbide, ma nello stesso tempo sono taglienti come spade. Di fronte a questo altro non si può fare che rifugiarsi nel Signore: “Affida al Signore il tuo peso ed egli ti sosterrà, mai permetterà che il giusto vacilli". Il giusto non dubita: gli empi non vinceranno contro Dio. Egli sa che prima di lui è combattuto Dio in lui.
Tutta la forza del giusto del salmo viene espressa nelle sue ultime parole: “Ma io, Signore, in te confido”.

Pagina Indice Salmi


Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Papa Francesco Catechesi sul “Padre nostro”

Papa Francesco Catechesi sugli Atti degli Apostoli

Papa Francesco Catechesi i Sette Doni dello Spirito Santo

Papa Francesco Catechesi i Dieci Comandamenti o Decalogo

Papa Francesco Catechesi La Speranza Cristiana


Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio

Riflessioni Di Autori Antichi e Moderni
Letture Patristiche Padri della Chiesa - Dottori della Chiesa - Santi e Beati

Sant'Agostino - Lettera a Proba sul modo di pregare

Sermoni del Curato D'Ars Scritti Scelti

L'uomo in Preghiera
Catechesi sulla Preghiera di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento





Home Page