Diario della Preghiera - Teofane il Recluso

Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Salmo 20 (19) - Preghiera per il Re

[1] Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.
[2] Ti risponda il Signore nel giorno dell’angoscia,
ti protegga il nome del Dio di Giacobbe.
[3] Ti mandi l’aiuto dal suo santuario
e dall’alto di Sion ti sostenga.
[4] Si ricordi di tutte le tue offerte
e gradisca i tuoi olocausti.
[5] Ti conceda ciò che il tuo cuore desidera,
adempia ogni tuo progetto.
[6] Esulteremo per la tua vittoria,
nel nome del nostro Dio alzeremo i nostri vessilli:
adempia il Signore tutte le tue richieste.
[7] Ora so che il Signore dà vittoria al suo consacrato;
gli risponde dal suo cielo santo
con la forza vittoriosa della sua destra.
[8] Chi fa affidamento sui carri, chi sui cavalli:
noi invochiamo il nome del Signore, nostro Dio.
[9] Quelli si piegano e cadono,
ma noi restiamo in piedi e siamo saldi.
[10] Da’ al re la vittoria, Signore;
rispondici, quando t’invochiamo.


Commento al Salmo

Il presente salmo è una preghiera augurale per il re al quale l’orante è legato. Egli prega per il capo del suo popolo che con coraggio e giustizia vive l’alleanza con Dio. Il re è in una difficoltà estrema, che viene chiamata nella fede “angoscia”.
L’aiuto gli giungerà con certezza, dal santuario celeste, “dal suo cielo santo”, e dall’alto di Sion, cioè dal rialzo collinare dove sorgeva il tempio.
L’aiuto di Dio ci viene dal cielo, e dall’intensa unione con Cristo presente sugli altari, nelle chiese.
L’orante dice: “Si ricordi…”. Dio nella sua misericordia ha infinita voglia di esaudire le preghiere di chi a lui si rivolge con fede, perciò l’orante lo invoca con fiducia affinché doni aiuto al re ricordando le sue “offerte e olocausti”, e continui a gradirli, poiché essi sono autentici solo se compiuti nell’obbedienza e nell’amore.
La gioia del re per “la sua vittoria”, ottenuta in difficoltà estreme, sarà la gioia di tutti. Tutti ne trarranno forza, coraggio, e così “nel nome del nostro Dio alzeremo i nostri vessilli”. I capi cristiani per davvero devono saper entusiasmare con la loro fede i sottoposti e i sottoposti pregare per loro perché siano vincenti nelle mille difficoltà che comporta il governo, e ci sia comunione di rispetto, nella carità, tra di loro - tra di noi - poiché tutti quelli in Cristo sono diventati di stirpe regale, sacerdotale e profetica (Cf. 1Pt 2,9).

Pagina Indice Salmi


Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Papa Francesco Catechesi sul “Padre nostro”

Papa Francesco Catechesi sugli Atti degli Apostoli

Papa Francesco Catechesi i Sette Doni dello Spirito Santo

Papa Francesco Catechesi i Dieci Comandamenti o Decalogo

Papa Francesco Catechesi La Speranza Cristiana


Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio

Riflessioni Di Autori Antichi e Moderni
Letture Patristiche Padri della Chiesa - Dottori della Chiesa - Santi e Beati

Sant'Agostino - Lettera a Proba sul modo di pregare

Sermoni del Curato D'Ars Scritti Scelti

L'uomo in Preghiera
Catechesi sulla Preghiera di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento





Home Page