Il Volto dell’Umile - Isacco di Ninive



Salmo 140 (139) - Contro i malvagi

[1] Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.
[2] Liberami, Signore, dall’uomo malvagio,
proteggimi dall’uomo violento,
[3] da quelli che tramano cose malvagie nel cuore
e ogni giorno scatenano guerre.
[4] Aguzzano la lingua come serpenti,
veleno di vipera è sotto le loro labbra.
[5] Proteggimi, Signore, dalle mani dei malvagi,
salvami dall’uomo violento:
essi tramano per farmi cadere.
[6] I superbi hanno nascosto lacci e funi,
hanno teso una rete sul mio sentiero
e contro di me hanno preparato agguati.
[7] Io dico al Signore: tu sei il mio Dio;
ascolta, Signore, la voce della mia supplica.
[8] Signore Dio, forza che mi salva,
proteggi il mio capo nel giorno della lotta.
[9] Non soddisfare, Signore, i desideri dei malvagi,
non favorire le loro trame.
Alzano [10] la testa quelli che mi circondano;
ma la malizia delle loro labbra li sommerga!
[11] Piovano su di loro carboni ardenti;
gettali nella fossa e più non si rialzino.
[12] L’uomo maldicente non duri sulla terra,
il male insegua l’uomo violento fino alla rovina.
[13] So che il Signore difende la causa dei poveri,
il diritto dei bisognosi.
[14] Sì, i giusti loderanno il tuo nome,
gli uomini retti abiteranno alla tua presenza.


Commento al Salmo


La tradizione fa risalire il salmo a Davide nel momento in cui veniva perseguitato da Saul o combattuto dal figlio Assalonne, ma la cosa non è probabile. Davide non si figurò mai uno scontro con Saul , ma piuttosto una fuga continua, aspettando l'intervento del Signore, e con Assalonne ebbe sentimenti paterni. Non c'è poi nel salmo la percezione di un fronte militare nemico, ma invece si percepisce la presenza di nemici nell'ambito del quotidiano, come nei salmi 53, 54, 55, 56, 57, 58; sono nemici che scatenano guerre “ogni giorno”, e non fronti fatti di truppe militari. Si tratta così di un pio Giudeo perseguitato a causa della sua rettitudine. Il salmo può collocarsi al tempo degli ultimi re di Gerusalemme.
I nemici del salmista agiscono striscianti, e nelle loro parole è nascosto veleno che uccide: “Veleno d'aspide è sotto le loro labbra”; il loro agire è fatto di trame, di tranelli, di trappole: “I superbi hanno nascosto lacci e funi, hanno teso una rete sul mio sentiero e contro di me hanno preparato agguati" essi maturano le loro azioni ostili “nel cuore”, cioè nel centro del loro essere.
Il salmista tuttavia confida in Dio: “<Tu sei il mio Dio; ascolta, Signore, la voce della mia supplica>” e domanda di essere difeso “nel giorno della lotta” in cui tenteranno di travolgerlo frontalmente.
Il salmista, alla fine, si apre alla visione del giubilo dei giusti, che “abiteranno alla tua presenza”, cioè nel cielo.
Una parte del salmo non entra a far parte della recitazione cristiana.
La “lotta” che il cristiano è chiamato a combattere è nel segno della croce. Egli non invoca sull'avversario “carboni ardenti” (Lc 9,4), ma perdono da Dio. Sarà Dio a fare giustizia al momento che lui sa, e nel modo che lui sa (Cf. 1Pt 2,23).

Pagina Indice Salmi


Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Le Parole di Papa Francesco Catechesi
Papa Francesco Catechesi sul “Padre nostro”

Papa Francesco Catechesi sugli Atti degli Apostoli

Papa Francesco Catechesi i Sette Doni dello Spirito Santo

Papa Francesco Catechesi i Dieci Comandamenti o Decalogo

Papa Francesco Catechesi La Speranza Cristiana


Iniziazione alla vita spirituale
Decisione iniziale e perseveranza. Se vuoi salvarti l’anima e acquistare la vita eterna, scuotiti dal torpore, fatti il segno della croce e di’: «Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen»

La Metanoia come condizione di base per accedere a Dio

Riflessioni Di Autori Antichi e Moderni
Letture Patristiche Padri della Chiesa - Dottori della Chiesa - Santi e Beati

Sant'Agostino - Lettera a Proba sul modo di pregare

Sermoni del Curato D'Ars Scritti Scelti

L'uomo in Preghiera
Catechesi sulla Preghiera di Benedetto XVI “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1)



Vangelo
di ogni Giorno
con Commento





Home Page