Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!

Omelia Domenicale e Festiva a cura di Don Michele Cuttano

Iscriviti Mailing List
Inserisci il tuo Nome e Indirizzo E-Mail:
Nome:
Email:
Iscriviti Cancellati



Narrare la Fede ai Figli Omelia Domenicale e Festiva

Entra - Di chi è la colpa - comunità di caresto
CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San Damiano in Argento

Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa
Braccialetto Rosario

Abbastanza grande per esser indossato come collana rosario
Rosario originale di Betlemme

Il Libro Consigliato


Domenica 27 Maggio 2012 Pentecoste anno B

LETTURE: At 2,1-11; Sal 103; Gal 5,16-25; Gv 15, 26-27; 16, 12-15

LE FALSE PROMESSE



C’è un Vento impetuoso per l’anima che ha il potere di sradicare tutte le morti che ci portiamo dentro!
Vorrei poter trovare le parole giuste per parlarvi della Pentecoste;
Vorrei poter trovare le parole giuste per fare entrare nei nostri cuori una nuova speranza.
Sono giorni che stiamo vivendo così pieni di incertezze.
Tutti alla ricerca di soluzioni a problemi che stanno diventando sempre più oppressivi…
Senza voler mettere in dubbio la bontà e la veridicità dei tanti progetti e neppure l’effettiva possibilità e volontà di realizzarli, penso spesso alla mia città, alla nostra società, al nostro mondo come sarebbe diverso se…
Ed invece mi rendo conto che ha preso dimora in noi una sottile amarezza, una incertezza di vita, una delusione che si è radicata ben bene nell’anima di molti.
Non voglio parlarvi delle pecche di questa o di quell’altra classe di amministratori, delle difficoltà sociali che contraddistinguono i nostri giorni.
Queste mie righe sono per la Parola di Dio.
Dio avrà pure una speranza concreta, realizzabile per noi?
Penso che i discepoli di Cristo avevano dei sentimenti molto simili ai nostri attuali.
Delusi nelle aspettative umane, stanchi, stanchi soprattutto moralmente, con l’impressione di aver corso invano sulla strada sbagliata, con la convinzione che tutto è da rifare.
Sapete, in molti mi confidano proprio questi sentimenti e quante volte anche per me è difficile non affogare in questa palude che è la delusione e lo scoraggiamento…
I discepoli si trovavano tutti nello stesso posto, un posto chiuso, si erano curvati su loro stessi a causa della situazione difficile.
Ma succede qualcosa di straordinario, un evento che cambia totalmente lo stato d’animo di questi uomini come me e come te:
“Venne all’improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano”.
E per noi, questo vento, c’è pure?
Dio che non si fa i “fatti suoi”, irrompe nelle storie di questi uomini!
Dio irrompe anche oggi nella nostra storia?
I cristiani diventano i “portatori” di una speranza nuova:
“Quando verrà il Consolatore che io vi manderò dal Padre…”
I cristiani ricevono il Consolatore e diventano loro stessi testimoni del Consolatore!
Di fronte a questa vita nuova c’è però una cosa che Dio si aspetta da noi, Dio vuole da noi una risposta. Dio si aspetta il mio ed il tuo “Sì”.
Attenzione, la nostra vita può essere, come l’inferno, “lastricata di buone intenzioni”.
Capiamoci bene, non si tratta di aderire mentalmente ad un Dio meraviglioso, un Dio da custodire nelle parrocchie e nei gruppi parrocchiali che frequentiamo, si tratta di vivere Dio!
Si tratta di mettersi in cammino, come i primi discepoli che abbandonano il luogo “sicuro”dove si erano rifugiati.
Non è che uno si mette dietro ad un computer, scrive una pagina per internet e diventa cristiano…e il mondo cambia…
Così cerchi di realizzare solo te stesso, alzi la tua persona ma al mondo non porti niente e a Dio non servi.
“Il mondo non ha bisogno di maestri ma di testimoni”, sono le parole di un grande Papa.
Ognuno di noi ha delle responsabilità riguardo al posto che occupa nella società:
Il Sindaco da Sindaco;
l’Operatore ecologico da Operatore ecologico;
il medico da medico;
l’impiegato da impiegato;
il prete da prete…
Ma ognuno di noi ha una responsabilità che va oltre il sociale ed investe tutta la sfera umana:
Il Cristiano ha delle responsabilità molto precise…
Il cristiano prega per il luogo dove il Signore lo fa vivere;
il cristiano porta la speranza;
il cristiano porta la gioia;
il cristiano porta la Pace;
il cristiano si offre per amore;
il cristiano sa ascoltare le sofferenze del prossimo;
il cristiano non esce prima dall’ufficio chiedendo al collega di farsi timbrare il cartellino;
il cristiano non ha bisogno di indagini della Guardia di Finanza che gli fanno sentire il fiato sul collo per pagare le tasse;
il cristiano accoglie l’uomo che viene da lontano alla ricerca di speranza di vita;
il cristiano prende il male dei cattivi su di sè;
il cristiano porta il perdono;
il cristiano se entra in politica non si fa corrompere, non si comporta da ladrone come gli altri;
il cristiano trasmette la fede, la certezza della vita eterna!
Ora, cari fratelli, noi siamo portatori di questo Spirito Santo che riceviamo da Dio?
C’è un fuoco che arde in noi?
Oppure la nostra vita è caratterizzata da un grigiore spirituale soffocante che è la camera a gas dell’anima?
Quante volte ci siamo rinchiusi nel cenacolo della nostra indifferenza per poi, quando la vita ci presenta eventi drammatici, fare il classico “Gossip” di paese, che è la cosa più squallida che esista?
Quante volte siamo scappati davanti ad una persona che aveva solo bisogno di essere ascoltata, di sentirsi semplicemente un “essere umano”?
Ognuno di noi deve rivedere la propria condotta, misurarla con i Doni dello Spirito Santo, rivisitarla alla luce del comandamento di Dio:
Amerai il Signore Dio tuo …e il prossimo tuo come te stesso!
Lo Spirito Santo viene a spalancare le porte delle nostre parrocchie, porta tutti noi a scomodarci ed andare verso il prossimo, verso gli ultimi, verso quelli che hanno perso la speranza.
Guai a noi quando, come Chiesa, ci barrichiamo dietro le porte opponendoci allo Spirito Santo che vuole entrare!
Tacciano le parole dei cristiani sterili, i cristiani non fecondati dallo Spirito Santo, quei cristiani che cercano solo di far crescere il proprio gruzzoletto umano fatto di denaro o impudicizie varie!
Entrino in campo i cristiani mossi dallo Spirito Santo che hanno il coraggio di annunciare a tutti che questo mondo si è perso, ha rubato la dignità all’essere umano proclamando che tutto è lecito se piace al nostro ventre e alle nostre tasche!
E’ questo il momento in cui i cristiani scendono in campo dicendo la Verità di Dio sulla famiglia, sull’apertura alla vita e sulla sessualità, sui ruoli dei genitori, sul denaro, sull’economia, sull’omertà che attanaglia il nostro vivere.
Basta con i compromessi e i silenzi che sono un collaborare con il male.
Il primo passo è tagliare come cristiani ogni vincolo di riconoscenza che nasce dal denaro e da ogni idolatria.
Finchè ci saranno questi guinzagli il cristiano sarà come un cane al guinzaglio del padrone di turno!
La vita della Chiesa viene da Dio e non da un vitello d’oro!
Meglio essere poveri socialmente che essere poveri di Dio, se proprio volete saperlo è meglio una Chiesa vestita di stracci così può facilmente rivestirsi di Cristo!
Come Chiesa siamo chiamati ad amministrare non i beni di questo mondo ma ad amministrare l’unica vera ricchezza che portiamo: CRISTO!
E’ importante, fondamentale, fare formazione, organizzare convegni, organizzare processioni, attuare tutte quelle iniziative che facciano crescere ma, queste, devono essere dei trampolini di lancio per il cristiano, non delle vuote vetrine.
Sono stanco stanco stanco di convegni e predicatori vari che parlano parlano e poi per primi sfuggono dal contatto quotidiano con il prossimo sofferente e non prendono il peso quotidiano della propria Croce!
Ecco, arrabbiatevi pure con me per quello che ho scritto, in fondo potete pure non leggere o andare a lamentarvi da qualcuno.
Lo Spirito della Pentecoste è andare verso il mondo per portare il Lieto Annuncio, andare verso il prossimo che ha perso il vero senso della vita.
Credetemi, ora è il momento opportuno.
un servo inutile



La Fede Comincia a Casa

3 LIBRI

sconto
15%

Maria
e Mark
Holmen
Entra Cliccami Entra Cliccami Entra Cliccami
  La Preghiera
Per i papà
Per le mamme





Home Page . Torna su OMELIA Domenicale