Entra 34 libri nella Collana Santi e Sante di Dio Collana Santi e Sante di Dio Biografie di «Santi» popolari - Edizioni San Paolo Sconto del 5% Libreria Edizioni Paoline Pisa


Libreria Paoline _ Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd
Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy
Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano


Omelia Domenicale e Festiva a cura
di Don Michele Cuttano

Home Page



Narrare la Fede ai Figli
Omelia Domenicale e Festiva

Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San Damiano in Argento


18 DVD


- Abramo
- Giacobbe
- Mosè
- Giuseppe
- Sansone e Dalila
- Genesi
- Salomone
- Davide
- Geremia
- Gesù
- Ester
- San Paolo
- San Pietro
- Giuseppe di Nazareth
- Tommaso
- Maria Maddalena
- Giuda
- San Giovanni


Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa
Braccialetto Rosario

Abbastanza grande per esser indossato come collana rosario
Rosario originale di Betlemme

Domenica 26 Settembre 2010 XXVI domenica del T.O. anno C

LETTURE: Am 6, 1.4-7; Sal 145; 1 Tm 6, 11-16; Lc 16, 19-31

È L’ORA DELL’AMORE


Anche il Vangelo di questa Domenica ci parla di un tempo presente della nostra vita che è fondamentale per le sorti del tempo futuro della nostra esistenza.
Vorrei ricordarvi, questo Vangelo proprio lo evidenzia chiaramente, che per il cristiano la vita eterna non è una debole e illusoria speranza, ma una certezza.
Detto questo vorrei invitarvi, come di consueto, ad una riflessione “fuori dalle righe”.
E’ una parabola che ci parla del rapporto fra le ricchezze e la povertà,
abbastanza attuale direi…
Sinceramente dobbiamo riconoscere che l’uomo ricco di questo Vangelo non fa nessuna cattiva azione!
Vive semplicemente con quello che possiede:
“C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti”
La parabola non dice assolutamente che queste sue ricchezze sono state ottenute facendo azioni malvagie…
Magari può aver ereditato questi beni, oppure un superenalotto inaspettato…
Insomma, nessun furto, non era uno strozzino, non si parla di evasione fiscale, nessuna tangente o bustarella che sia, non aveva operai trattati come schiavi, nessuna malavita organizzata,
a scanso di equivoci e tentazioni varie non era neppure un politico…
Un solo neo,
ma questo neo, sicuramente, lo abbiamo anche noi:
“Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta”
Che noia avere un poveraccio alla propria porta della vita.
Stranamente il Vangelo non specifica neppure se il povero chiedesse qualcosa al ricco e questi rifiutasse…
Cosa mai divide questo uomo ricco dal povero?
Una porta.
Il ricco da una parte della porta il povero dall’altra parte.
In fondo pochi metri l’uno dall’altro.
La distanza “fisica” su questa terra fra gli uomini è così insignificante.
Il Vangelo è però molto descrittivo negli abiti dei due uomini, del loro stato di salute e della compagnia che avevano.
Il ricco vestito bene, che mangia in lauti banchetti, quindi in compagnia;
il povero che non gode di ottima salute, direi affamato e in compagnia di cani.
Di fronte a questa situazione direi disperata del povero, stranamente, questi, nella prima parte del Vangelo, ha un qualcosa in più rispetto all’uomo ricco:
Un nome, il povero si chiama Lazzaro, a quanto pare è conosciuto per nome da Dio.
Il ricco, invece, non ha un nome.
Si potrebbe anche chiamare Michele, Luigi, Francesco, Cristina, Angela…
C’è una realtà che, senza molti preamboli, entra in scena e li coglie entrambi senza più differenze:
la morte.
Direbbe il grande Totò “ ‘A Livella”
E in questa situazione le cose cambiano, di brutto.
Iniziano delle belle chiacchierate chiarificatrici.
Tutto viene svelato per il ricco e per il povero
e si apre anche per noi una finestra inaspettata su una realtà della nostra vita che non abbiamo mai esplorato abbastanza perché non desideriamo ascoltare certe risposte, potremmo “guastarci il palato” del nostro vivere quotidiano.
Magari avvenisse questo,
che miracolo per la nostra vita se questo Vangelo venisse ad interrogare proprio noi;
se questo Vangelo fosse la nostra storia attuale.
Se noi oggi riconoscessimo di avere le vesti di bisso e banchettare lautamente
Perché la nostra storia oggi si può cambiare!
“Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”.
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti”
Ed è infatti questo il senso più profondo di questo Vangelo:
Esaminarci e, laddove ci ritrovassimo nell’uomo ricco, cambiare vita.
Sai, c’è un passaggio da fare oggi,
un passaggio per una via stretta
che ci permetterà di vedere, oggi, il fratello povero,
di ascoltare, oggi, le sue parole,
di accogliere, oggi, il suo bisogno,
di abbattere, oggi, quella porta che divide l’uomo ricco da Lazzaro,
di sentire Lazzaro non come un migrante a cui rivolgere il nostro “tiro a segno” indegnamente legalizzato dai nostri miseri consessi umani,
di aumentare, oggi, la nostra famiglia con i fratelli che Dio ci ha donato ma che noi non riconosciamo come fratelli.
Sapete ci sono degli inganni che nascono nei nostri cuori e fermano questo nostro passaggio.
Il primo inganno è quello del tempo.
Noi siamo convinti che il tempo opportuno per riconoscere Lazzaro come nostro fratello sia il “domani”.
Questo brano è inesorabile:
Oggi è il tempo in cui noi dobbiamo agire perché domani non sarà più possibile per noi ritornare indietro.
Lo dice con estrema chiarezza il Vangelo: “coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”.
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”
Il tuo oggi è il tempo opportuno, l’unico che ti viene concesso e in cui tu devi decidere.
C’è un altro inganno che ci coglie:
quello di non sentirci noi quell’uomo ricco e quindi di “delegare” ai veri ricchi l’accoglienza e la cura di Lazzaro.
Sai, anche in questo il Vangelo è chiaro,
non presenta una via di mezzo fra l’uomo ricco e Lazzaro.
E allora lasciati interrogare dal Vangelo:
Sei forse tu il signor Lazzaro che viene descritto nel Vangelo con dovizia di particolari?
“Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe.”
Se non sei Lazzaro, sei l’altro uomo!
Non c’è il terzo uomo dove sei abituato ad andarti a rifugiare quando la “suonata” non ti conviene,
quello che in fondo si lava le mani perché in tutto questo lui non c’entra!
Ci siamo abituati a percepire la realtà che ci circonda come se stessimo seduti dietro ad una televisione…
possiamo spegnere il televisore o cambiare canale e tutto rimane fuori dalla nostra porta!
Sai, se proprio lo vuoi sapere il ricco anche su questa terra è un poveraccio se valuta la sua pancia piena più importante dell’Amore di Dio e del fratello.
Sai, in fondo la più grande opportunità che la vita ti ha concesso è…
incontrare Lazzaro, sì incontrare Lazzaro e incontrare in lui Cristo.

servo ufficialmente dichiarato inutile



Home Page . Torna su OMELIA Domenicale
Libreria Paoline _ Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd
Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy
Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano



Omelia domenicale, Omelia Festiva, Omelia della domemica, Omelia per la Lirugia Festiva, Omelia Liturgia di Domenica,
Omelia Festiva, Omelia e commento al Vangelo della domenica, Omelia per i Fedeli