Entra 34 libri nella Collana Santi e Sante di Dio Collana Santi e Sante di Dio Biografie di «Santi» popolari - Edizioni San Paolo Sconto del 5% Libreria Edizioni Paoline Pisa

"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II
Libreria Edizioni Paoline Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia di Gerusalemme in Cuoio e Argento _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd - Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy _ Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario Originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano _ Libro consigliato _ DVD Film Religiosi _ DVD Film Religiosi a Cartoni Animati _ Santi e Sante di Dio Biografie _ Classici della Spiritualità Cristiana _ Libri di Formazione Ragazzi - UMANA e CULTURALE _ Collana Economica dello Spirito _ Libro Segnalato Tema Famiglia

Omelia Domenicale e Festiva a cura di Don Michele Cuttano

Iscriviti Mailing List
Inserisci il tuo Nome e Indirizzo E-Mail:
Nome:
Email:
Iscriviti Cancellati



Narrare la Fede ai Figli Omelia Domenicale e Festiva

Entra - Di chi è la colpa - comunità di caresto
CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San Damiano in Argento

Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa
Braccialetto Rosario

Abbastanza grande per esser indossato come collana rosario
Rosario originale di Betlemme

Il Libro Consigliato
Domenica 23 Ottobre 2011 XXX Domenica del T. O. Anno A

LETTURE: Es 22,20-26; Sal 17; 1 Ts 1,5c-10; Mt 22,34-40

PERDUTO AMOR ( ma sempre a te io penserò)


Se fossi un fedele di un’altra religione non cristiana e per curiosità (o per mano di Dio) mi trovassi ad entrare in una Chiesa cattolica, ascoltando il Vangelo di questa Domenica, direi proprio così:
“Voglio conoscere questo Dio e i suoi seguaci…”.
Sì, carissimi, il Vangelo di questa Domenica spiazza e prende in contropiede tutti.
Anche questa volta dobbiamo “ringraziare” il solito fariseo di turno..:
“Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?”
Gesù dona a tutta l’umanità una risposta che gli esce dal cuore e che cambierà il corso della storia:
“Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti.”
Potrebbe già bastare ma …
a Gesù non basta, va oltre, oltre tutte le mentalità umane e aggiunge:
“E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipende tutta la legge e i profeti”.
E’ una delle pagine più importanti della storia dell’umanità.
Fino allora la legge che si applicava riguardante il prossimo era quella del taglione:
Occhio per occhio, dente per dente.
In realtà quando ci giriamo intorno e osserviamo quello che capita nel mondo, nelle nostre storie quotidiane ci verrebbe da dire che è ancora questa la legge valida nei confronti del prossimo, quello che tu mi fai io faccio a te!
Gesù ci proietta in una dimensione che è divina ma che è anche umana.
Queste parole danno all’uomo il suo vero imprinting che nasce dallo sguardo del suo Creatore, spingono l’uomo alla sua vera realizzazione: Amare come Dio ci ama.
Cristo unisce l’amore a Dio all’amore al prossimo, ci presenta un amore nella dimensione della Croce: una dimensione verticale (amare Dio) ed una dimensione orizzontale (amare il prossimo), un amore a forma di Croce, appunto.
Cari fratelli, come al solito cerchiamo di scendere in profondità, nelle nostre realtà quotidiane.
Quando si dice amore si pensa a tante cose, a volte anche ad un sacco di sciocchezze legate quasi sempre a “pruriti di passaggio”, legati alle stagioni della nostra vita.
Il mondo intende l’amore come uno scambio di piaceri, non solo fisici, legati da un “dare ed un avere”.
E quando termina questo scambio poi…succede di tutto!
Guarda la televisione, leggi i giornali, ascolta la gente per strada…
Tutti hanno questa parola in bocca, tutti la usano.
E tutti la intendono a modo proprio.
Una espressione di un’artista italiano descrive queste situazioni nella maniera più calzante:
“L’amore è bello finché dura…”
E quando termina c’è da aspettarsi il classico “Game over”, già, si gioca daccapo…
Nessuno ha il coraggio di dirlo ma è così che lo abbiamo ridotto nei nostri quotidiani.
E Dio, Dio che intende per Amore?
Amare è gioia per il bene dell’altro, il contrario dell’invidia.
E’ qualcosa che non si esprime solo con la bocca lodando (il contrario della critica, del pettegolezzo) ma si concretizza anche con le mani, ponendosi al servizio dell’altro.
Si manifesta più con i fatti che con le parole:
“Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità” 1Gv 3,18.
Chi ama in questa dimensione non è più “padrone” del prossimo ma diventa fratello.
Sì, anche fra marito e moglie!
Gesù c'insegna in questo Vangelo che l’amore appartiene al cuore, alla vita e alla mente.
Appartiene al cuore perché, come ben sai, quando si ama, si pensa sempre alla persona amata, ogni sorriso è per lei, cammini per strada e il suo volto è in te, la porti sempre nel cuore(almeno a me capita così);
Appartiene alla vita perché, quando ami, tutte le tue energie sono per la persona amata, ogni tua azione è per lei (almeno a me capita così);
Appartiene alla mente perché ogni tua intelligenza la usi per la persona che ami, magari la persona che ami è proprio bruttina ma tu la vedi come la persona più incantevole del mondo perché la tua mente ha trasformato persino i tuoi occhi(stavolta non dico capita anche a me perché la persona che amo è proprio stupenda!).
Questo amore dà vita non solo al rapporto matrimoniale ma ad ogni rapporto con il prossimo.
Pensa per un attimo se amassimo il collega d’ufficio come Gesù ci ama;
Pensa se amassimo quel particolare vicino di casa come Gesù ci ama;
Pensa se amassimo quel parente come Gesù ci ama;
Pensa se amassimo il nostro parroco o quel determinato sacerdote come Gesù ci ama;
Pensa se amassimo quell’uomo del semaforo come Gesù ci ama;
Pensa se amassimo quel fratello che incontriamo sempre per strada, quello che va in giro con la tromba, come Gesù ci ama;
Pensa se amassimo la nostra storia quotidiana come Gesù ci ama!
E’ un amore che investe tutti i campi della vita: la politica, la scienza, la scuola, il commercio!
Ma chi lo ha detto che il mondo dell’economia deve fre a meno dell’Amore di Dio?
Ma chi lo ha detto che il mondo della politica deve fare a meno dell’Amore di Dio?
Ma chi lo ha detto che il mondo della scuola deve fare a meno dell’Amore di Dio?
Ma chi lo ha detto che nel divertirsi si deve fare a meno dell’Amore di Dio?
Si può fare “economia” anche tenendo presente l’amore verso Dio e verso il prossimo, certo non ci sarebbero crolli in borsa e ruberie varie…
Attenzione, quando in una qualsiasi situazione di vita ci dicono che Dio non può entrarci è solo e semplicemente perché quello che si fa è una porcheria.
E’ come una prova del nove:
Se Dio non può entrarci è perché c’è qualche cosa che a Dio non piace e, se non piace a Dio, sicuramente ci sarà un “prossimo” che ne riceverà del male.
Ti sembrerà strano ma a volte per donarsi al prossimo basta poco.
Nel mio ministero mi rendo conto che una delle sofferenze più grandi nasce dalla solitudine, dalla mancanza di un dialogo, di un sorriso, di una mano che ti aiuta in un momento particolare.
Tutti i cristiani sono chiamati ad amare Dio con tutte le forze ed il prossimo come se stessi, avere amore per Dio e non averlo per il prossimo è un fastidioso, stupido, insignificante, banale, vuoto scandalo che diamo al mondo.
Il raccontino che vi dono questa settimana è così ingenuo ma, credimi, a volte basta veramente poco.
Vi è una leggenda in Irlanda che racconta di un povero conta¬dino, "sempre lieto e compagno di allegria", che giunto alla fine dei suoi giorni, si trovò di fronte al Giudizio universale. Era quasi disperato perché aveva molte marachelle sulla coscienza. Sentiva che il Giudice, assegnando qualcuno tra i beati diceva: "Avevo fame, e tu mi hai sfamato. Vieni nella mia gloria", oppu¬re: "Avevo freddo, e tu mi hai rivestito", o anche: «Avevo sete, e tu hai calmato la mia arsura"... Insomma si capiva che ogni opera buona fatta al prossimo per amor di Dio era subito pre¬miata. Il contadino tremava perché non ricordava di aver mai beneficato quel Giudice sfolgorante di bellezza e di luce: quan¬do venne il suo turno, egli fu inviato tra i beati. «Che cosa mai gli avrò fatto di buono?", si chiedeva umilmente. E il Giudice esclamò: «Ero triste un giorno, e tu mi hai sorriso; ero addolo¬rato e mi hai consolato con un lieto discorso; ero turbato, e tu mi hai rallegrato. Entra, benedetto, nel gaudio del tuo Signore".
Credimi, per amare non è indispensabile versare tanti soldi ma, per amare, ci vuole qualcosa di molto di più
semplicemente Dio nel cuore.
E Dio nel cuore significa TUTTO!

servo inutile

La Fede Comincia a Casa

3 LIBRI

sconto
15%

Maria
e Mark
Holmen
Entra Cliccami Entra Cliccami Entra Cliccami
  La Preghiera
Per i papà
Per le mamme



Home Page . Torna su OMELIA Domenicale

 


Lista Cd e DVD Religiosi
Lista Cd e DVD Religiosi
Vivere la Liturgia
Home Page Entra Sconto 15% Vivere la Liturgia Libri Commenti Esegetici e Teologici alle Letture Festive Anno B - Entra Sconto 15%