Articoli Religiosi, Paramenti Sacri, Libri e Gadget Religiosi

Il Santo del Calendario:
Omelia Domenicale e Festiva a cura
di Don Michele Cuttano



CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San Damiano in Argento

Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa
Braccialetto Rosario in Argento



Abbastanza grande per esser indossato come collana rosario
Rosario originale di Betlemme



Domenica 15 Dicembre 2013 III Domenica di Avvento-Anno A


Letture: Isaia 35,1-6.8.10; Salmo 145; Giacomo 5,7-10; Matteo 11,2-11


CHIEDIMI SE SONO FELICE




A cosa accosteremmo il pensiero della felicità?
Si accettano solo risposte sincere…
Alla buona salute, certamente;
Ad posto sicuro di lavoro, anzi meglio un biglietto gratta e vinci milionario;
Una lei o un lui che ci ami;
Ad un aspetto fisico gradevole, nessuna obesità, nessun naso ( o altro) da rifare…
Volete sapere la verità?
Felicità e gioia, come sono spesso estranee queste realtà dai nostri vissuti di tutti i giorni.
Abbiamo quasi paura a pronunciare questa parola: f-e-l-i-c-i-t-à!
Sì, ma concretamente, oggi, dove stiamo ricercando gioia?
Come singoli, come famiglie, come collettività,
a chi abbiamo affidato i nostri desideri migliori?
Non è per fare il sociologo o lo psicologo o, peggio che andar di notte, l’economista …
ma nell’essere felici molto dipende a chi hai affidato la tua vita, cosa ti aspetti e in cosa hai investito il tuo tutto.
I peggiori fallimenti della nostra vita non nascono nella nostra incapacità di impegnarci per realizzare un qualcosa, ma nascono proprio nella infondatezza e inganno del progetto stesso!
Non basta dire che si cerca solo pace e serenità, ma bisogna vedere che progetto, attraverso quale strada hai pensato di raggiungere questi sacrosanti obiettivi di una esistenza!
Certo, noi che ci sentiamo con i piedi ben piantati per terra, pensiamo alla nostra vita che è bella solo se fatta di successi, soldi, donne o uomini da conoscere e consumare, da babbo natale che porta i regali e guai se qualcuno svela ai nostri figli che babbo natale è una vuota invenzione.
Queste sono le “voci del mondo”. E i cristiani che pensano, cosa rincorrono?
Anche noi a rincorrere e ad affannarci dietro a queste realtà che ci impoveriscono di vita?
Sapete qual è la motivazione più importante della nostra gioia?
“Sei tu colui che deve venire o dobbiamo attenderne un altro?”
La fonte della nostra gioia è proprio questa: Attendere Cristo che viene in noi.
Di fronte ai fatti della vita dovremmo sempre interrogarci, chiederci se è Cristo che viene attraverso la nostra storia umana
E’ una domanda che ci porta ad un bivio dove ci sono due strade da percorrere.
Già due strade;
la vita ci presenta sempre due strade. Un accogliere o un rifiutare. E’ naturale che questo avvenga.
E’ assolutamente normale che nascano in noi degli interrogativi, delle indecisioni.
La fede non è un dubbio ma continuamente interroga.
Cerca la “risposta della vita” non dentro di te, nelle tue certezze, ma rivolgiti a Cristo.
Ogni uomo deve scegliere a chi porgere la domanda “che senso ha la propria esistenza”.
Puoi porgerla a te stesso e al mondo e allora avrai una risposta costruita da mani d’uomo.
Con una intelligenza umana, con delle certezze fortemente minate di cui ti accorgi degli inganni quando è poi troppo tardi.
Voglio fare degli esempi concreti, è giusto essere chiari fino in fondo altrimenti noi cristiani per primi rischiamo di essere dei viandanti senza meta.
Se sei nella sofferenza atroce, quella incurabile che attende solo la morte del corpo;
chiedi che senso ha la tua vita al mondo e chiedilo a Dio…Avrai la stessa risposta?
Non penso proprio!
Davanti ad un figlio perso, che non vedi una via d’uscita, che ti rovina la vita, che ti porta a dire al mattino quando sarà sera e la sera quando sarà il mattino;
chiedi che senso ha la tua vita mondo e chiedilo a Dio.
Avrai la stessa risposta? Non penso proprio!
Davanti ad un matrimonio fallito, ad una moglie o un marito che ti passa tradimenti fisici e tradimenti dell’anima come un pane quotidiano; chiedi che senso ha la tua vita al mondo e chiedilo a Dio. Avrai la stessa risposta? Non penso proprio!
Oggi, concretamente che cosa attendi nella tua storia personale?
La fonte della felicità o dell’infelicità dell’uomo non è nel suo vissuto ma è nelle mani di chi lui affida la sua vita.
“Nelle mani di chi ho consegnato la mia vita?”
Quando si ritorna a questo interrogativo sulla propria vita spesse volte si è arrivati in fondo nel senso che abbiamo fatto tante di quelle esperienze che ci hanno strappato a brandelli l’anima e il corpo… Ma credimi, diventa un nuovo punto di partenza;
a questo punto si può ricominciare una nuova vita perché la risposta di Cristo per noi è:
“Andate e riferite a Giovanni ciò che voi udite e vedete: I ciechi ricuperano la vista, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi riacquistano l'udito, i morti risuscitano, ai poveri è predicata la buona novella, e beato colui che non si scandalizza di me.”
Non ti offendere, non ti scandalizzare ma in quei ciechi e storpi e lebbrosi e sordi e morti e poveri ci siamo io e te.
“Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Che cosa dunque siete andati a vedere?”
Di fronte al Vangelo ogni storia diventa un progetto di vita e non una vita sbattuta qua e là dal vento delle passioni o dai pruriti del mondo.
Anche una vocazione può perdere il suo senso se escludi Cristo e lo riduci ad un semplice distintivo esterno o a un “don” davanti al nome!
Ricevere Cristo nella propria vita; questo tempo di Avvento è qualcosa di tremendamente serio.
Perché poi quando rientri a casa tua, quando ti chiudi nel silenzio della tua anima…
le vetrine ricolme di doni e i canti e le luci per le strade e tutti i panettoni del mondo e tutte le pur belle sciocchezze delle voci del mondo ci lasciano un vuoto interiore terribile.
Sai, non è colpa delle cose del mondo; il problema è che il posto vuoto nel nostro cuore è a forma di Cristo, solo Lui può riempirlo pienamente
La gioia in noi è solo e semplicemente e stupendamente e unicamente Dio con noi.

un servo inutile





Torna Indietro Pagina Indice Omelie





Turibolo Navicella e Porta Turibolo Artigianato Italiano




Foderina Per la Bibbia di Gerusalemme in Vera Pelle disponibile in 4 colori




Vestine e Candele Rito Battesimo




Patene Dorate e Incise Prodotto finemente lavorato da artigiani italiani




Home Page