Entra 34 libri nella Collana Santi e Sante di Dio Collana Santi e Sante di Dio Biografie di «Santi» popolari - Edizioni San Paolo Sconto del 5% Libreria Edizioni Paoline Pisa

"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II

Libreria Edizioni Paoline Servizio S. Messa _ Quadri Argento _ Croce San Damiano _ Icone in Argento _ Foderina per Bibbia di Gerusalemme in Cuoio e Argento _ Croce di S. Benedetto _ Bibbia Dvd - Foderina per la Liturgia delle Ore in 4 volumi _ Prodotti Naturali del Monastero Cistercense di Valserena _ Camicia Sacerdotale Clergy _ Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski _ Rosario Originale di Betlemme _ CD_Canto_Gregoriano _ Libro consigliato _ DVD Film Religiosi _ DVD Film Religiosi a Cartoni Animati _ Santi e Sante di Dio Biografie _ Classici della Spiritualità Cristiana _ Libri di Formazione Ragazzi - UMANA e CULTURALE

Omelia Domenicale e Festiva a cura
di Don Michele Cuttano

Home Page



Narrare la Fede ai Figli
Omelia Domenicale e Festiva

Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San Damiano in Argento


18 DVD


- Abramo
- Giacobbe
- Mosè
- Giuseppe
- Sansone e Dalila
- Genesi
- Salomone
- Davide
- Geremia
- Gesù
- Ester
- San Paolo
- San Pietro
- Giuseppe di Nazareth
- Tommaso
- Maria Maddalena
- Giuda
- San Giovanni


Braccialetto Rosario in Argento e Cristalli Swarovski con Croce e Medaglia Miracolosa
Braccialetto Rosario

Abbastanza grande per esser indossato come collana rosario
Rosario originale di Betlemme

5 Dicembre 2010 II Domenica di Avvento anno A

LETTURE: Is 11,1-10; Sal 71; Rm 15,4-9; Mt 3,1-12

BEYOND THE BLUE HORIZON (OLTRE L’ORIZZONTE BLU)


C’è un uomo di Dio che compare in un deserto…
Il deserto interiore della nostra anima affollato esternamente da tante voci che spingono in noi fino a stordirci.
In questo posto da cui cerchiamo di sfuggire, se riusciamo ad entrarci, c’è una voce per me e per te:
«Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!»
E’ la Voce che ci riporta da una religione di parola senza Dio e lontana da Dio,
alla Fede che è vivere Dio uniti a Dio.
Forse sentiamo Giovanni il Battista e il suo gridare così lontano dai nostri giorni
“Giovanni portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano locuste e miele selvatico.”
Giovanni è l’uomo rivestito da Dio che invita l’uomo di questo tempo a farsi rivestire da Dio.
E’ una parola:
Farsi rivestire da Dio quando siamo già coperti abbondantemente da tutt’altri vestiti;
e che vestiti!
Quanti abiti di questo mondo indossiamo che ci spogliano della nostra vera natura,
Dei vestiti esterni che ci spogliano l’anima e ci lasciano in una solitudine disperata.
Abbiamo barattato Dio con quanto Dio ha creato.
“Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!”
Che via stai preparando a Dio e che strada stai raddrizzando della tua vita?
Già tutto pronto e raddrizzato?
Sei tutto ingannato!
L’inganno è proprio il pensare che il male non ci appartiene, che poi non siamo così lontani da Dio.
Ed invece siamo disperatamente soli e lontani dalla vita.
C’è un deserto che non è quello intorno a noi, fuori di noi;
c’è un deserto che è dentro di noi,
il deserto di essere senza amore.
Questo posto, questo nostro cuore sa tanto di una vita ripiena di morte.
Di un vivere che non vedi l’ora che cambi, a volte anche che termini.
Il sentirsi ripieni è il male più grande da affrontare.
E’ la prima via da preparare dentro di noi:
“Convertitevi” significa invertire il nostro cammino.
Noi scappiamo dalla Presenza di Dio;
quotidianamente ripercorriamo i passi del primo uomo di fronte al proprio peccato;
di fronte all’amara scoperta della debolezza l’uomo si allontana da Dio.
Ed è questo il nostro dire “sì” alla catechesi di satana.
E’ il nostro allontanarci da Dio la morte vera, la disperazione di una vita.
“Convertitevi” è il grido che la nostra anima sconfitta sta attendendo.
Sapete, forse non ce lo hanno mai descritto così:
“Convertitevi” è un grido di vittoria.
E’ il grido del nostro nuovo esodo.
Uscire dalla propria idea di Dio che ci siamo costruita come adattamento al nostro vivere di peccato.
Quanto siamo stati abili nel costruire un dio atto per noi…
In realtà abbiamo fatto i garzoni al demonio.
Abbiamo lasciato che lui costruisse (devastasse) in noi.
Quante volte nelle tenebre ci siamo ostinati nel ricercare la luce.
Quante volte nel peccato abbiamo cercato la felicità;
Quante volte nei tradimenti coniugali abbiamo cercato la prova di un Dio fallace con noi;
Quante volte, da abili conoscitori della Parola, abbiamo stravolto la verità per rendere luminoso il nostro buio interiore ed ingannare e sedurre il prossimo;
Ed infine ci siamo riusciti ma, a caro prezzo:
abbiamo dovuto rinunciare alla vita!
“Vedendo però molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha suggerito di sottrarvi all'ira imminente?”
La Parola di Dio è tagliente, non a riguardo per il male, lo smaschera per riportarci in vita.
Sapete, non basta, ce lo dice il Vangelo, andare dal Battista e ricevere il Battesimo se il cuore non è convertito.
Se la nostra vita non cambia, non serve.
Caro fratello,
caro Michele,
non è l’ira di Dio che dobbiamo temere perché questa non è rivolta contro di noi.
L’ira di Dio non è come quella misera umana:
è rivolta contro il nostro male e segna l’inizio della fine di questo se...
Tu lo vuoi!
Sì, a questo punto la scelta, il tuo “sì” con la vita lo devi e puoi costruirlo solo tu.
Cosa mai può venire di bene dal nostro tronco morto?
Sai, Cristo ha scelto proprio il tuo tronco morto per venire al mondo.
Il nostro desiderio apre la porta della nostra vita a Cristo.
Cristo viene in noi ascoltando il desiderio della nostra anima.
D’altronde, onestamente, cosa altro mai potremmo offrirGli?
Non importa quanta strada hai percorso per allontanarti da Dio,
importa solo che “Oggi” rivolgiamo il nostro cammino verso Cristo.
Che Parola Dio ci dona questa Domenica:
“Fate dunque frutti degni di conversione…”
E’ inutile cercare ricette o metodi o scorciatoie.
Fai le opere di Dio da oggi, senza rivolgerti più alle opere di morte.
Laddove c’è il tuo peccato abbandonalo;
non esistono programmi di dieta dal peccato;
non esistono mezze decisioni o percorsi “soft”.
Se sei avvezzo al rubare: non rubare più e restituisci i furti fatti;
Se sei un violento non usare più le mani o le parole violente e chiedi perdono a chi hai fatto del male;
Se hai l’amante, lasciala e torna da tua moglie, dalla famiglia che Dio ti ha donato;
Se sei un politico…
Se sei un sindacalista…
Se sei un prete…
Se sei di Dio ritrova la Strada di Dio nella tua vita abbandonando il male.
Certo, che se stiamo ancora a desiderare di cibarci delle carrube dei porci…
“Egli ha in mano il ventilabro, pulirà la sua aia e raccoglierà il suo grano nel granaio…”
Il Giudizio di Dio su di noi è fatto con il ventilabro,
trattiene il bene…
“…ma brucerà la pula con un fuoco inestinguibile.”
e disperde e brucia il male.
Stacciamoci dal male, oggi.

semplicemente un servo inutile, in fila con i peccatori, per accogliere Cristo.




Home Page . Torna su OMELIA Domenicale