Articoli Religiosi, Paramenti Sacri, Libri e Gadget Religiosi

Il Santo del Calendario:
Narrare la fede ai figli
Essere Genitori a cura di Don Michele Cuttano



E-Mail
Michele Cuttano

Tuo figlio/a
ti pone delle domande? Se lo desideri don Michele è sempre a tua disposizione
con la sua e-mail.







Domenica 23 febbraio 2014 VII domenica Tempo Ordinario - Anno A


Letture: Levitico 19, 1-2. 17-18; Salmo 102; 1 Corinzi 3, 16-23; Matteo 5, 38-48

ALL’ALBA VINCERO’



Certamente abbiamo ascoltato in questi ultimi tempi notizie di cronaca che ci parlano di tanta violenza nella società, fra uomini adulti e anche fra giovani, fra ragazzi.
E’ tremendo, vero?
A volte abbiamo paura e pensiamo sinceramente che dobbiamo difenderci, dobbiamo saperci difendere.
Sembra che nelle nostre città valga la legge del più forte, se ricevi un’offesa la devi ricambiare aumentata…
Poi si fanno i conti.
Nella vita è sempre così, in ogni situazione si agisce e poi si fanno i conti e solo in quel momento si riscontra se le azioni fatte ci hanno portato gioia, benessere;
o se invece ci hanno portato solo tristezze e disperazione.
Giunti a questo punto è troppo tardi per tornare indietro.
Quante persone hanno pensato nella loro vita di risolvere una questione con la violenza, con la forza, con l’odio.
All’inizio sembra la soluzione migliore…
poi, inevitabilmente, si pagano le conseguenze.
Sembra che non ci siano altre vie:
il male si vince con il male, una bella canzone di Celentano ci direbbe che
“è la legge di questa atmosfera che sfuggire non puoi fino a quando tu vivi...”
E Gesù che dice?
“Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello.”
Avete sentito che botta forte?
Questa Parola di Gesù è la botta più forte di tutta l’umanità, la rivoluzione più rivoluzione di tutti i tempi!
Essere cristiani non è uno scherzo, una passeggiata in prima classe, isolati da quello che succede intorno a noi,
anzi.
Il cristiano vive nel mondo in ogni situazione,
senza scappare o nascondersi.
Si può essere cristiani in ogni ambiente,
Gesù ce lo ha mostrato concretamente,
si può essere Figli di Dio,
anche quando si riceve il male!
Attenzione il male non si scusa mai,
si denuncia sempre,
si dice sempre la verità,
non lo si nasconde mai.
Ma per vincere sul male il cristiano ama come Gesù.
Di fronte ai grandi problemi che incontriamo tutti i giorni noi dobbiamo scegliere,
dobbiamo scegliere se essere uomini mortali o uomini straordinari, di Dio.
Se sentiamo veramente nel nostro cuore la tristezza davanti a tanta violenza, a tanto male,
non possiamo restare indifferenti,
siamo chiamati ad essere testimoni di un Amore che il mondo non conosce.
Questo amore non si racconta, non si trova certamente in un gioco alla play station…
Ma si trova nel mio e nel tuo cuore,
sì, hai capito bene,
l’Amore di Cristo si trova nel tuo cuore!
Lo possiamo vivere da subito, senza aspettare.
Già da ora in famiglia, a scuola, fra amici.
L’amore di Gesù in primo luogo cerca la verità, sempre,
mai la menzogna.
E la verità ci porta a chiamare il male per nome!
Il cristiano è prudente ma coraggioso.
Non cerca l’eroismo delle grandi azioni,
quelle lasciamole alla polvere di questo mondo,
ma cerca e trova un eroismo ancora più grande:
La forza di Amare tutti i giorni, nel proprio piccolo,
incominciando dalle persone che ci sono accanto.
Sei di Gesù e vuoi cambiare il mondo?
Allora perdona di cuore…
Quell’amico, tuo fratello, il tuo professore…
E’ un cammino che inizia e non termina mai,
ma sperimenterai la vera gioia.
Buon cammino con Gesù.
un servo inutile





Torna Indietro





Assortimento e scelta di Servizi per Acqua e Vino Santa Messa





Set - SERVIZIO SANTA MESSA




Teche Porta Ostie







Home Page