Articoli Religiosi, Paramenti Sacri, Libri e Gadget Religiosi

Il Santo del Calendario:
Narrare la fede ai figli
Essere Genitori a cura di Don Michele Cuttano



E-Mail
Michele Cuttano

Tuo figlio/a
ti pone delle domande? Se lo desideri don Michele è sempre a tua disposizione
con la sua e-mail.







Epifania del Signore Anno A


LETTURE: Is 60,1-6; Sal 71; Ef 3,2-3a.5-6; Mt 2,1-12

INVITO AL VIAGGIO, IL VIAGGIO DELLA VITA.



Ecco, io non vorrei deludere i vostri cuori ma devo darvi una notizia:
La befana non ha nulla a che fare con il Natale e con l’Epifania;
per essere sinceri (a parte qualche apparizione mattutina della mamma…) la befana non esiste proprio…
Bè, però c’è pure una bella notizia:
I doni con la festa dell’Epifania c’entrano eccome…
E’ proprio il Vangelo di questa Domenica che ce lo dice!
Vediamo subito di capire che significa questa parola strana: “Epifania”
Epifania significa “manifestazione”.
Gesù si manifesta, si fa incontrare da tutte le genti del mondo.
Nel giorno di Natale i primi ad incontrarlo sono stati dei pastori, della gente che si trovava nel luogo dove è nato Gesù.
Ora arrivano degli uomini da molto lontano, che avevano culture molto diverse dal popolo d’Israele:
Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandavano: «Dov'è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella…”
I Magi erano delle persone molto colte, degli studiosi, che amavano osservare anche i movimenti delle stelle, insomma erano veramente in gamba.
Questi uomini avevano un grande desiderio nel cuore:
Conoscere Dio.
Questo desiderio li mette in cammino;
un cammino lungo, pieno di pericoli e con poche certezze sul risultato finale.
Quello che li ha spinti a mettersi in cammino è proprio il desiderio di incontrare Dio.
I Magi volevano conoscere Gesù per…
“… e siamo venuti per adorarlo”.
Ma, anche Erode voleva incontrarlo…
Bravo pure Erode?
“All'udire queste parole, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme.”
Perché mai Erode si turba?
Perché Erode teme questo bambino di nome Gesù?
Erode non cercava Gesù per adorarlo ma perché aveva paura che le sue azioni cattive venissero smascherate.
Gesù è la Luce che illumina tutti e tutto.
Se ricerchiamo davvero Gesù nella nostra vita dobbiamo poi accoglierlo nei nostri cuori amandolo.
Non basta mettersi in cammino per accogliere Gesù ma è importante anche adorarlo con la vita.
Infatti i Magi, dopo averlo incontrato, hanno subito una reazione particolare…
“Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia”.
La Gioia!
I Magi gioiscono e Erode ha paura!
L’incontro dell’uomo con Dio può portare queste due reazioni opposte.
O la gioia o la tristezza.
Da cosa dipende?
Dai nostri cuori.
Se vogliamo incontrare Gesù perché la nostra vita cambi in meglio abbandonando ogni peccato allora nei nostri cuori c’è la gioia.
Se vogliamo incontrare Gesù ma non cambiare, rimanere nel peccato, allora nei nostri cuori c’è la tristezza.
L’incontro dei Magi con Gesù diventa una donazione di vita:
“Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra”.
Negli scrigni, chiedete magari a mamma e papà, si mettono le cose più preziose…
Ogni uomo ha uno scrigno, dove ci sono le cose più preziose della vita.
Lo scrigno del nostro cuore.
Come i Magi noi siamo chiamati ad offrire dei doni a Gesù.
Doni che non si acquistano nei negozi ma che sono dentro di noi.
Il dono più grande è la nostra vita…
In ogni situazione della vita noi possiamo offrire a Dio.
Nel gioco, nello studio, nell’essere figli, nell’essere amici, nell’aiutare il prossimo…
Ogni momento della vita è un dono per Gesù…
“Avvertiti poi in sogno di non tornare da Erode, per un'altra strada fecero ritorno al loro paese”. 
I Magi dopo aver incontrato Gesù bambino ritornano alle loro attività di tutti i giorni, ai loro paesi ma non sono più quelli di prima…
Le loro strade sono cambiate!
Quando incontri Gesù continui a mangiare e bere come prima;
continui a giocare come prima…
ma l’Amore ti cambia la vita, per sempre.

un servo inutile





Torna Indietro





Assortimento e scelta di Servizi per Acqua e Vino Santa Messa





Set - SERVIZIO SANTA MESSA




Teche Porta Ostie







Home Page