Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!

La Prova del Fuoco Per i Matrimoni

Narrare la fede ai figli
Essere Genitori a cura di Don Michele Cuttano



E-Mail
Don Michele Cuttano


CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San
Damiano in Argento



18 DVD

- Abramo
-
Giacobbe
-
Mosè
-
Giuseppe
-
Sansone e Dalila
-
Genesi
-
Salomone
-
Davide
-
Geremia
-
Gesù
-
Ester
-
San Paolo
-
San Pietro
-
Giuseppe di Nazareth
-
Tommaso
-
Maria Maddalena
-
Giuda
-
San Giovanni



Domenica 28 Aprile 2013 V Domenica di Pasqua anno C

Letture: At 14, 21-27; Sal 144; Ap 21, 1-5; Gv 13, 31-33. 34-35

NIENTE TRUCCO STASERA




Sapete, il Vangelo di questa Domenica viene ad insegnarci una cosa importantissima …
Spesso a voi ragazzi capita di pensare che certe cose sono per i grandi, o solo per certe persone.
In verità questo pensiero viene anche a noi grandi quando non ci piace la “sonata”.
Mi spiego meglio…
Ci sono delle parole che appena le ascoltiamo ci portano ad immaginare determinate situazioni.
A me ad esempio, quando penso alla parola capoclasse, subito ricordo il volto di quel compagno di scuola.
Era un volto sempre pulito, il grembiule in ordine;
persino il fiocco al collo(a miei tempi si portava il fiocco) era più diritto di quello degli altri.
I maestri da lui si aspettavano sempre qualcosa di più;
e anche io, suo compagno di classe mi aspettavo sempre qualcosa da lui, tipo scopiazzare un po’ nei compiti in classe…
era un punto di riferimento per tutti.
C’era una domanda difficile?
E lui sapeva rispondere!
Insomma era il preferito…
“Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri”.
Uè, in questo comandamento che Gesù dona ai suoi amici non ci sono più capoclasse, persone che sono chiamate a vivere di più questa Parola di amore:
Tutti i cristiani sono chiamati ad amare.
Amare come Gesù ci ha insegnato non vale di più per il sacerdote, per il catechista o per la mamma!
Gesù vuole che tutti noi ci amiamo reciprocamente;
nessuno è più grande o importante dell’altro nell’amare;
ognuno ha bisogno dell’amore dell’altro;
siamo tutti uguali, se siamo cristiani dobbiamo amarci.
Ed è un comandamento nuovo.
Strano che Gesù chiami nuovo il comandamento dell’amore.
Anche prima della venuta di Gesù gli uomini si amavano…,
perché mai allora è nuovo?
Perché senza Cristo non c’è amore, senza Gesù gli uomini non riescono ad amare.
Sì, con la nostra volontà riusciamo, in un certo qual modo, anche ad amare i nostri amici, i nostri parenti, i nostri alleati, le persone che ci piacciono.
Ma ci sono anche i nemici,
gli uomini che ci fanno del male,
gli uomini che appartengono ad una nazione di cui noi non accettiamo le scelte…, i loro modi di governare…
Bè, vediamo senza Gesù che facciamo di questi uomini…
Se un vostro amico vi offende pubblicamente voi che fate?
Come minimo quando lo incontrate girate la testa dall’altra parte e non lo salutate,
internamente sentite pure una rivoluzione di stomaco ed un prurito alle manine…;
Se due nazioni non vanno d’accordo, se litigano per qualche argomento, che fanno?
Provano a parlare, a dialogare(in lingue diverse) e intanto iniziano a preparare i missili…
Questo è l’amore del mondo…
Capite ora perché Gesù quando parla del Suo Amore lo chiama “NUOVO”?
L’amore di Gesù è per tutti gli uomini, amici e nemici, simpatici e antipatici, eschimesi e iraniani, italiani e libici, maltesi e inglesi, americani e sudafricani…
Ogni uomo per il cristiano è fratello da amare!
Ogni uomo per il cristiano è dono di Dio.
Che ne dite, quello di Gesù è un Comandamento nuovo?
Un’altra cosa su cui volevo invitarvi a fare un sorriso.
Voi sapete che ogni nazione ha una bandiera.
Le bandiere con i suoi colori e con i suoi simboli rappresentano i popoli.
Guardate che è stupendo conoscere questi simboli, si capiscono tante cose belle dei popoli…
Ad esempio ogni stella sulla bandiera dell’Europa rappresenta una nazione …
Secondo voi quale può essere il segno, la bandiera che rappresenta i cristiani?
No, non volevo dire la bandiera del Vaticano, quella è importante ma c’è un segno ancora più importante…
“Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri”.
Gesù ci dona il Segno fondamentale che rappresenta la parte più importante del cristiano:
L’AMORE .
Che bandiera meravigliosa hanno i cristiani!
Ragazzi all’inizio del Vangelo di questa Domenica c’è un discepolo che prima che Gesù inizi a parlare esce fuori, se ne va.
Non è che lo invitano ad andarsene, lo fa liberamente, era impicciato in qualcos’altro da fare…
“Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo],…”
Se noi non amiamo come Gesù ci insegna, anche noi ci comportiamo come quel discepolo,
non siamo più uniti a Gesù e ai fratelli.
Siamo liberi di seguire;
di restare con Gesù o di scegliere le cose del mondo.
Questa scelta vale per tutti.
Sei con Gesù?
E allora ama come Gesù…
C’è una bandiera che ogni cristiano porta in sé:
L’Amore di Gesù.
No, non è una bandiera che si sventola fuori al balcone del Palazzo di Città…
Ma quando c’è un cristiano che ama come Gesù si vede, si sente, si gioisce…
Semplicemente un servo inutile








Libri per Ragazzi di Formazione Umana e Culturale



Torna Indietro <<.>> Home Page