Vedi l'Offerta del Mese
Le Migliori Offerte Sconto Entra e Vedi.......!!!

"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II

Seguici su Facebook Cliccami - Richiesta di Amicizia

Narrare la fede ai figli
Essere Genitori a cura di Don Michele Cuttano



E-Mail
Don Michele Cuttano


CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San
Damiano in Argento



18 DVD

- Abramo
-
Giacobbe
-
Mosè
-
Giuseppe
-
Sansone e Dalila
-
Genesi
-
Salomone
-
Davide
-
Geremia
-
Gesù
-
Ester
-
San Paolo
-
San Pietro
-
Giuseppe di Nazareth
-
Tommaso
-
Maria Maddalena
-
Giuda
-
San Giovanni


Croce di San Benedetto
Croce di S. Benedetto



Prodotti Naturali
del Monastero
Cistercense
di Valserena


Spedizione del Singolo Libro con la Velocissima Posta Prioritaria

8 Gennaio 2012 Battesimo del Signore Anno B

LETTURE: Is 55,1-11; Is 12,2-6; 1 Gv 5,1-9; Mc 1,7-11

CENTRO DI GRAVITA’ PERMANENTE (CERCALO IN CRISTO)



Che cosa dura…
Riprendere la scuola dopo le vacanze di Natale,
quella stretta allo stomaco la ricordo ancora…
ma poi tutto passava incontrando i volti degli amici a scuola…
La vita è fatta di traguardi, quando ne raggiungi uno sei pronto già per l’altro….
Coraggio, ci sono le vacanze di Pasqua che arrivano…
Anche la vita della nostra anima è fatta di tappe, traguardi da raggiungere.
E’ chiaro che, se c’è un traguardo, c’è anche una partenza.
Mi spiego con un esempio che appartiene al vostro mondo:
Quando giocate alla play station, appena inserito il gioco, c’è il momento del “loading”, il gioco che si prepara a partire.
Dopo puoi iniziare a giocare, se non si completa il “loading” l’avventura non parte.
Anche per noi cristiani c’è un punto fondamentale di partenza, di caricamento.
Qualcuno di voi dirà, spero per scherzo, che questo punto di partenza per il cristiano è…inserire il blu ray….
E’ il Battesimo, l’inizio per noi è il sacramento del Battesimo.
Il Vangelo di questa Domenica ci parla proprio di questo “inizio” della vita dei cristiani.
Certamente nessuno di voi ricorda niente del proprio Battesimo, al limite, qualche volta vi sarà capitato di vedere delle foto o un filmino di quel vostro giorno.
In realtà vi sarà sembrato anche strano pensare che, quel batuffolino delle foto, siete voi.
Del vostro Battesimo altro non ricordate.
Vediamo il Vangelo di questa settimana se ci può aiutare a ritrovare la “memoria”.
Il Vangelo ci presenta addirittura Gesù che si mette in fila davanti alle acque del Giordano per essere battezzato da Giovanni.
La parola Battesimo significa infatti immergere; i primi cristiani quando erano Battezzati, venivano immersi in acqua.
Giovanni battezzava i peccatori.
Poiché il peccato sporca, Giovanni, immergendo i peccatori in acqua, li purificava.
Embè, perché Gesù riceve il Battesimo? Mica Lui ha commesso qualche peccato? O sotto sotto, qualche marachella è stata commessa anche da Lui?
Niente di tutto questo, Gesù si fa Battezzare da Giovanni per farci capire che il Battesimo è importante e perché, con il Suo Battesimo, accadesse quello che poi il Vangelo ci racconta:
-E, uscendo dall’acqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito discendere su di Lui come una colomba. E si sentì una voce dal cielo: “Tu sei il mio Figlio prediletto, in te mi sono compiaciuto”-
Grazie al battesimo di Gesù lo Spirito Santo scende e Dio Parla.
Da quel giorno, anzi, da quel Battesimo, tutto è cambiato.
Da quel momento ogni uomo che riceve il Battesimo riceve lo Spirito Santo e ascolta la voce di Dio.
Cari ragazzi, tutto questo, dalle foto e dai filmini, decisamente non si vede.
Sapete da dove si può vedere?
Dai vostri cuori, se riuscite ad amare chi vi ha offeso, chi v'insulta…
I segni che in te c’è lo Spirito Santo ricevuto il giorno del Battesimo sono L’AMORE e se riesci ad ascoltare la Voce di Dio nel tuo cuore, se parli con Lui nella preghiera.
Termino con un raccontino che ci vuol far capire che, se tutti noi, nel mondo, mettiamo la nostra piccola goccia d’amore, il mondo cambia;
Se non la mettiamo tutto resta come prima!
“Il signore di un castello diede una gran festa e invitò tutti gli abitanti del villaggio.
Ma, le cantine del nobiluomo, pur essendo generose, non avrebbero potuto soddisfare la robusta sete di tanti invitati.
Il signore chiese un favore agli abitanti del villaggio: “Metteremo al centro del cortile dove si terrà il banchetto un capiente barile. Ciascuno porti il vino che può e lo versi nel barile. Tutti poi vi potranno attingere e ci sarà da bere per tutti”.
Un uomo del villaggio prima di partire per il castello si procurò un orcio e lo riempì d’acqua, pensando: “Un po’ d’acqua nel barile passerà inosservata…. Nessuno se ne accorgerà!”.
Arrivato alla festa, versò il contenuto nel barile comune e poi si sedette a tavola..
Quando i primi andarono ad attingere, dal barile uscì solo ACQUA.
Tutti avevano pensato allo stesso modo e avevano portato solo acqua…
Se nel mondo ci sono le guerre, c’è la crisi economica, non c’è l’amore, non c’è il perdono…
È anche perché noi non abbiamo portato amore!

servo inutile, finchè ci sono




Libri per Ragazzi di Formazione Umana e Culturale



Torna Indietro <<.>> Home Page