Clicca e Vedi Offerta del Mese Vedi L'Offerta del Mese
Libreria Edizioni Paoline
Clicca e Vedi Offerta del Mese
Entra Il Libro Segnalato con Sconto del 10% Sconto 15% Il Libro Segnalato Coppia, Matrimonio, Famiglia, Genitori, Figli Sconto 15%
La Comunicazione nel raporto di Coppia - I Sentimenti nel Rapporto di Coppia - Matrimonio Felice - Oggi Sposi - Amarsi Corpo e Anima - In Coppia con Dio - Tra Moglie e Marito - I Colori dell'Amore - Genitori si puo' fare Nati Altrove - Storie di Adozioni Internazionali - Il Manuale del Matrimonio Felice - Il Matrimonio Sacramento dell'Amore - Sessualità matrimonio famiglia - Uomo e Donna lo Creo' - Genitori con la Patente - Imparare ad Amare - La Famiglia Imperfetta - Atratti dall'amore - Non Date Le Dimissioni - L'Amore Guarisce - La Sessualita' secondo Giovanni Paolo II - Vita Affettiva in Famiglia - La Fede Spiegata a mio Figlio - La Spiritualità Coniugale secondo Giovanni Paolo II - DI CHI È LA COLPA?

"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II

Narrare la fede ai figli
Essere Genitori a cura di Don Michele Cuttano
E-Mail Don Michele Cuttano

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Croce di San Benedetto
Croce di S. Benedetto


Entra - Di chi è la colpa - comunità di caresto



Home Page

Domenica 24 Aprile 2011 Pasqua anno A -

C’E’ UN CUORE CHE BATTE NEL CUORE


Cari ragazzi,
se ci fate caso il Vangelo di questa Domenica inizia con un cammino particolarmente triste
“Passato il sabato, all'alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l'altra Maria andarono a visitare il sepolcro…”
Eppure quando parliamo della Pasqua pensiamo ad un evento di gioia!
Diciamoci la verità, ci sono già abbastanza cose tristi in giro, nelle nostre giornate, che parlare di visite al sepolcro proprio non ci va!
C’è nel cuore di ogni essere umano un desiderio di benessere, di allontanare tutte le cose brutte e negative ma, a quanto pare, non è semplice.
Anzi, potremmo dire che molte situazioni brutte nascono proprio da una ricerca nel posto sbagliato della felicità.
E il Vangelo ci manda a fare una visita al sepolcro e, come se non bastasse, accade anche qualcosa di negativo:
“Ed ecco che vi fu un gran terremoto…”
Ci verrebbe di dire se possiamo cambiare canale…
Noi siamo vivi!
Sapete, non c’è solo la morte fisica.
C’è una morte vera molto triste che ci appartiene anche se viviamo fisicamente:
La morte del peccato.
Questa morte è quella che genera tutto il male che è nel mondo.
Le guerre che sono oggi nel mondo…
Basta la visione di un telegiornale e capire che c’è ben poca pace nel mondo, anche in questi giorni che stiamo vivendo, non solo le guerre dei libri di storia del passato;
Tutti i nostri fratelli che nel mondo soffrono la fame…;
Tutti i nostri fratelli che soffrono per la mancanza di libertà di esprimere il proprio pensiero…
Tutte le violenze delle nostre città…;
Tutte le sopraffazioni dei più deboli…
Queste sono le morti che ogni giorno ci circondano;
anche se siamo vivi fisicamente.
E ci viene nel cuore lo scoraggiamento,
il pensare che mai nulla cambierà.
Che la Pasqua è solo una festa del calendario e dei preti ma che poi,
concretamente…
Concretamente c’è un incontro nella tua vita.
E’ un incontro che cambia la vita.
E’ un incontro che puoi anche non voler fare…
Sei tu che devi decidere di…
Andare verso il tuo sepolcro!
Sì, anche noi, come le due donne, dobbiamo fare questo tragitto verso il nostro sepolcro.
Perché il luogo di partenza per questo incontro è il nostro peccato!
Partire dalle macerie che il peccato ha operato nelle nostre vite.
Sapete, anche le guerre più grandi nascono nei cuori di piccoli uomini…
Il primo peccato dell’uomo è stato quello di accusare il prossimo di peccare, di pensare che il male venga fatto sempre dagli “altri”;
Sapete, spesso questi “altri” siamo proprio noi.
Il Vangelo di Pasqua invece ci conduce proprio ad incontrare Cristo partendo dai nostri peccati.
“…un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa.”
La pietra del sepolcro viene rotolata dall’Angelo del Signore.
Sapete, è il nostro cuore quel sepolcro chiuso e sigillato,
sigillato dai nostri peccati.
Tutte le volte che pecchiamo non vediamo più il nostro prossimo, quello che non amiamo.
Fare Pasqua significa andare verso il nostro prossimo, quello che non amiamo, e…
Incontrare Gesù.
Lo so che non è semplice, che abbiamo tanti timori, ma il Vangelo ci dice…
“Non abbiate paura, voi!”
Il cristiano è l’uomo del coraggio.
Sì, cari ragazzi,
ci vuole più coraggio ad amare che a fare una guerra!
Questa forza ci viene da Dio.
Capite quindi che fare Pasqua non significa solo recarsi a delle Celebrazioni della Settimana Santa.
Questo è solo l’inizio…
C’è un percorso molto più faticoso,
più in salita,
più tosto.
Il percorso di incontrare Gesù nel volto del nostro prossimo.
“Non temete; andate ad annunziare ai miei fratelli che vadano in Galilea e là mi vedranno”
Chi incontra Gesù capisce che non può tenere questa gioia grande chiusa nel proprio cuore, deve portarla al prossimo, a tutte le genti.
Si vive la Pasqua a scuola;
si vive la Pasqua in famiglia;
si vive la Pasqua allo stadio;
si vive la Pasqua con il telefonino…
Se solo in un posto della tua vita non incontri Cristo non sei più cristiano!
Abbiamo nelle nostre esistenze la possibilità di cambiare la storia dell’umanità.
I primi discepoli di Gesù erano persone semplici,
impaurite dagli eventi…
Eppure hanno portato Cristo fino a noi oggi.
Anche noi abbiamo questo compito.
Portare la gioia della Pasqua nel mondo.
Ogni uomo che incontriamo cerca da noi un dono:
La gioia di incontrare Gesù Risorto.
Per Pasqua vi dono un raccontino…
Il monaco Bishoi aveva frequenti apparizioni del Cristo. Gli altri monaci gli chiedevano insistentemente che insegnasse loro come fare per vedere il Signore. E Bishoi, un giorno, decise di accontentarli, fissò loro un appuntamento in un luogo del deserto e promise che a una certa ora tutti sarebbero stati accontentati. Mentre i monaci, man mano, si recavano all’appuntamento incontravano per strada un povero, vecchio e ammalato, che chiedeva di essere aiutato. Ma avevano fretta temevano di arrivare in ritardo per l’apparizione e quindi passavano oltre senza prestare ascolto. Da ultimo passò anche Bishoi che, invece, dedicò tempo e premure al povero fino a che costui, trasfigurandosi, si manifestò essere il Signore…
Cristo da incontrare nel nostro prossimo

Santa Pasqua per 365 giorni all’anno da un servo inutile.




Libri per Ragazzi di Formazione Umana e Culturale




Novità 2011 Edizioni San Paolo Collana Genitori no Problem! Sconto 15%
«Genitori no-problem» è la nuova collana San Paolo per affrontare, senza problemi, le piccole-grandi sfide dell'educazione, dall'infanzia all'adolescenza


Torna Indietro <<.>> Home Page