Clicca e Vedi Offerta del Mese Vedi L'Offerta del Mese
Libreria Edizioni Paoline
Clicca e Vedi Offerta del Mese
Entra Il Libro Segnalato con Sconto del 10% Sconto 15% Il Libro Segnalato Coppia, Matrimonio, Famiglia, Genitori, Figli Sconto 15%
La Comunicazione nel raporto di Coppia - I Sentimenti nel Rapporto di Coppia - Matrimonio Felice - Oggi Sposi - Amarsi Corpo e Anima - In Coppia con Dio - Tra Moglie e Marito - I Colori dell'Amore - Genitori si puo' fare Nati Altrove - Storie di Adozioni Internazionali - Il Manuale del Matrimonio Felice - Il Matrimonio Sacramento dell'Amore - Sessualità matrimonio famiglia - Uomo e Donna lo Creo' - Genitori con la Patente - Imparare ad Amare - La Famiglia Imperfetta - Atratti dall'amore - Non Date Le Dimissioni - L'Amore Guarisce - La Sessualita' secondo Giovanni Paolo II - Vita Affettiva in Famiglia - La Fede Spiegata a mio Figlio - La Spiritualità Coniugale secondo Giovanni Paolo II - DI CHI È LA COLPA?

"La famiglia, dono e impegno, speranza dell'umanità"
La Famiglia nel Sentimento e nelle Parole di Giovanni P. II

Narrare la fede ai figli
Essere Genitori a cura di Don Michele Cuttano
E-Mail Don Michele Cuttano

CROCE DI SAN DAMIANO IN ARGENTO
Crocefisso di San
Damiano in Argento



Croce di San Benedetto
Croce di S. Benedetto


Entra - Di chi è la colpa - comunità di caresto



Home Page

Domenica 3 Aprile 2011 IV Domenica di Quaresima Anno A

Letture: 1 Sam 16, 1b.4a. 6-7. 10-13a; Sal 22; Ef 5, 8-14; Gv 9, 1-41

MA QUANDO DICI AMORE… VEDI GESU’…



Non so se avete mai immaginato la vostra vita al buio, senza il dono della vista.
Non poter vedere i colori,
i volti dei genitori,
i sorrisi degli amici…
deve essere tremendamente difficile.
Una vita complicata ma non impossibile, anzi.
Ho degli amici ciechi che, nonostante le oggettive difficoltà, sono felici e riescono a trasmettere tanta gioia, tanta vita.
Stare con loro è sempre un momento magico;
a volte neppure parlo e mi rendo conto che loro sanno già se sono triste o felice!
Sono semplicemente degli amici fantastici, veri.
Bè, questa settimana il Vangelo ci presenta un altro incontro di Gesù con un uomo:
un cieco, appunto.
Devo dirvi una cosa.
Al tempo di Gesù si pensava che chi aveva una patologia era come se avesse ricevuto nella sua vita una “punizione” da Dio per qualche mancanza…
“In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché egli nascesse cieco?”
Se così fosse il 99,99 per cento della popolazione mondiale avrebbe una malattia fisica…
Niente di più falso e ridicolo!
Chi lo dice?
Gesù, naturalmente, Lui viene sempre a donarci la Verità, quella che tante volte a noi può non piacere…:
“Rispose Gesù: «Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio”
E’ importante, ora, vedere e capire quello che Gesù fa …
“Detto questo sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco…”
Non fermiamoci solo al meraviglioso miracolo del ridare la vista al cieco ma capiamo i gesti e le Parole di Gesù.
Gesù fa del fango usando due elementi:
La terra e la Sua saliva.
L’elemento terra è segno dell’uomo, della sua parte terrena;
la saliva viene fuori dalla bocca di Gesù, dal Figlio di Dio.
Questo fango formato da una parte di terra e da una parte di Dio diviene una medicina che cura l’uomo!
Ma non è tutto…
“…e gli disse: «Và a lavarti nella piscina di Siloe (che significa "Inviato")». Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva”.
Lo manda a lavarsi in un’altra acqua…
Quale acqua secondo voi?
L’Acqua del nostro Battesimo.
Vedete che un miracolo fisico va oltre e inizia a parlarci anche della guarigione più importante per l’uomo, quella dalla vera malattia, che non era quella del cieco ma…
Gesù guarisce il cieco ma inizia a parlare della vera cecità che affligge gli uomini,
che non è quella fisica!
Una cecità che abbiamo tutti.
Sapete, Gesù dopo aver guarito il cieco lo ritrova e gli dice delle cose che ci aiutano a capire qual è la vera cecità dell’uomo…
“Tu credi nel Figlio dell'uomo?. Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Tu l'hai visto: colui che parla con te è proprio lui». Ed egli disse: «Io credo, Signore!». E gli si prostrò innanzi. ] Gesù allora disse: «Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi». Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: «Siamo forse ciechi anche noi?». Gesù rispose loro: Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: "Noi vediamo", il vostro peccato rimane.
La vera cecità non è quella fisica ma è quella del peccato;
quella cecità che ci impedisce di vedere come siamo, che non ci fa vedere il male che facciamo.
Potremmo certamente dirci, come i farisei, che in realtà ci vediamo…
Non capire le nostre azioni quotidiane,
pensare che certi nostri atteggiamenti non sono peccato, non fanno del male al nostro prossimo.
Vedete come anche noi siamo ciechi?
Quando pecchiamo diventiamo ciechi perché non vediamo nella nostra vita Dio e il nostro prossimo.
Tutte le volte che non aiutiamo l’amico più debole…
siamo ciechi;
Tutte le volte che non vediamo i bisogni dei nostri genitori…
siamo ciechi;
Tutte le volte che umiliamo degli amici…
siamo ciechi;
tutte le volte che risolviamo delle discussioni con l’ira…
siamo ciechi;
Tutte le volte che il nostro prossimo non è nostro fratello…
Siamo ciechi!
Guarire dalla cecità del peccato si può…
Il primo passo è incontrarci con Gesù,
accettare il Suo fango che ci spalma sugli occhi:
Ascoltare la Sua Parola che ci converte, che ci fa capire che pecchiamo.
La Parola di Cristo noi la riceviamo dalla Sua Chiesa,
attraverso la celebrazione dell’Eucarestia;
attraverso gli incontri con i catechisti;
nel Sacramento della Riconciliazione
e anche…
a casa pregando insieme con i genitori, tutti insieme.
Questa quarta Domenica di quaresima è la Domenica della Gioia…
LA Gioia della guarigione;
la Gioia perché Pasqua si avvicina e noi iniziamo a vederci chiaro…
a vedere nel volto del prossimo il Volto di Gesù!
Vi dono un raccontino,
che ci aiuta a capire che c’è qualcuno che vuole che restiamo ciechi…
“In un paese c’era un signore che soffriva di una rara malattia agli occhi.
Da trent’anni l’uomo era diventato cieco.
Un giorno giunse in paese un famoso medico, appena saputolo, parenti e amici del cieco gli chiesero di sottoporre lo sfortunato ad un consulto.
Dopo una visita accurata il medico disse che il cieco avrebbe sicuramente riacquistata la vista con un intervento chirurgico.
La moglie, che era brutta e vecchia si oppose……!”

Già, chissà a chi dà fastidio se noi abbandoniamo la cecità del peccato…

un servo inutile







Libri per Ragazzi di Formazione Umana e Culturale




Novità 2011 Edizioni San Paolo Collana Genitori no Problem! Sconto 15%
«Genitori no-problem» è la nuova collana San Paolo per affrontare, senza problemi, le piccole-grandi sfide dell'educazione, dall'infanzia all'adolescenza


Torna Indietro <<.>> Home Page