Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com


Narrare la fede ai figli
a cura di Don Michele Cuttano



E-Mail
Don Michele Cuttano



V Domenica T.O. anno “c” Domenica 7 febbraio 2010

LETTURE: Is 6,1-2,3-8; Sal 137; 1 Cor 15,1-11; Lc 5,1-11

RESTIAMO ANCORA INSIEME



Siete pescatori?
No?
E allora questa parola non fa per voi…
Aspettate, prima di chiudere, una domanda…
Vi siete mai chiesti se Gesù guarda alla vostra vita?
No, non volevo dire (spero che non ve lo abbiano mai detto) che Gesù ci guarda solo quando commettiamo peccati…
C’è un sguardo di Gesù sulla nostra vita che vuole dirci qualcosa, che vuole farci una proposta.
“…mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Genèsaret, vide due barche accostate alla
sponda”..
Come ben potete immaginare Dio è impegnatissimo, Suo Figlio Gesù, pure.
Il Vangelo di questa Domenica ci presenta Gesù che viene circondato da tanta gente, ciò nonostante lo sguardo di Gesù va a cercare degli uomini che
stavano per i fatti loro a lavorare.
Sapete una cosa?
Potrebbe capitare anche a noi…
No, non di essere pescatori;
può capitare che lo Sguardo di Gesù cerchi anche noi, impegnati nelle nostre cose di tutti i giorni tipo scuola, amici, liti con fratelli, play station,
televisione, piscina e palestra, compiti a casa, momenti di incomprensione e solitudine, momenti di tristezza…
Non è che uno si sente lo sguardo addosso, non è come un cappello, magari non te ne accorgi.
Infatti quegli uomini stavano a lavorare e continuavano a lavorare, erano pure arrabbiati in quanto pescatori e non avevano pescato un bel niente…
“Salì in una barca…”
Gesù prende l’iniziativa, Lui va da Simone e si fa suo compagno.
E’ Gesù che viene da me e da te e si ferma con noi, come un amico.
Ed inizia un dialogo, Gesù parla alle folle ma parla anche singolarmente ad ognuno di noi.
“Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca”.
Cosa strana, Gesù chiede a Simon Pietro di rifare una cosa che aveva fatto tutta la notte e non aveva portato risultati.
Pietro era pescatore;
i pescatori, quelli veri vanno di notte a pescare…
Pietro aveva perso, era uscito a pescare una notte intera senza prendere nulla!
Era stanco, arrabbiato, demoralizzato.
Come capita a noi quando dobbiamo ripetere qualcosa che decisamente non riusciamo a fare…
Ad esempio quando incontriamo proprio quell’amico antipatico, con cui litighiamo sempre, che proprio non riusciamo ad amare…
Ad esempio quando mamma e papà ci chiedono di fare quel determinato compito che ci dà tanto fastidio…
Ad esempio quando non riusciamo a raccontarci, a parlare delle nostre cose tristi e ci chiudiamo con tutti…
Sapete, Pietro è molto sincero, fa capire a Gesù con molta chiarezza che non aveva passato la notte a dormire in barca aspettando che i pesci
saltassero sulla barca per essere pescati…
“Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla …”
Dovremmo aspettarci che Simon Pietro continui a parlare dicendo a Gesù di lasciarlo perdere, che non è giornata, non tira aria buona… e invece
succede una cosa importante, che cambierà la vita (e la nottata) a Simon Pietro…
“…ma sulla Tua Parola getterò le reti”
Pietro ascolta la Parola di Gesù e la mette in pratica, si dà da fare;
ritorna a pescare sulla Parola di Gesù
“Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero
ad aiutarli”.
La Parola di Gesù cambia la vita a Pietro;
La Parola di Gesù può cambiare anche la nostra vita.
Come?
Se facciamo come Pietro: Ascoltiamo e mettiamo in pratica.
Pietro subito diventa testimone di come Gesù è potente in tutto;
Pietro chiama subito i suoi amici…
Ho detto prima che a Pietro questo incontro cambia la vita…
“Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini”.
Pietro riceve una chiamata, un compito nuovo da Gesù.
Pietro diventa pescatore di uomini.
Ora lo so, direte che non avete mai visto degli uomini pescati…
Gli uomini pescati sono quelli che scoprono l’Amore di Gesù…
Pietro diventa pescatore di uomini testimoniando, raccontando al mondo l’amore di Gesù per tutta l’umanità.
Ve lo devo dire:
ogni cristiano è pescatore di uomini.
Sì, anche voi potete testimoniare che Gesù ci ama e ci dona la gioia.
Testimoniare per voi ragazzi significa mostrare la bontà di Gesù, il perdono di Gesù, la generosità di Gesù.
Sapete, possiamo incontrare in ogni momento della nostra giornata lo sguardo di Gesù che ci invita a gettare le reti…
Un raccontino breve per voi…
“Un vecchio rabbino chiedeva a tutti gli uomini che incontrava qual’era il luogo in cui Dio si faceva presente.
Raccolse una lunga serie di risposte: “nel tempio” disse un sacerdote;
“per le strade del mondo” disse un pellegrino;
“nella mente dell’uomo” affermò uno scienziato; …..
un giorno un vecchio e ormai decrepito saggio rispose:
“Dio si fa presente nel cuore di ogni uomo disposto ad accoglierlo…”

semplicemente un servo inutile in Cristo.






Orologio_con_croce_San_Damiano

Torna Indietro <<.>> Home Page