Libreria Edizioni Paoline Pisa OROLOGIO San Damiano www.libreriapaoline.com


Narrare la fede ai figli
a cura di Don Michele Cuttano



E-Mail
Don Michele Cuttano



6 DICEMBRE 2° Domenica di AVVENTO anno "c"

LETTURE: Bar 5,1-9; Sal 125; Fil 1,4-6,8-11; Lc 3,1-6

NEANCHE UN MINUTO DI (NON AMORE)


Avete mai visto costruire una strada?
Sereni, non è una lezione da ingegneri che voglio farvi…;
è il Vangelo di questa Domenica:
“Preparate la via al Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni burrone sarà riempito,
ogni monte e ogni colle sarà abbassato;
le vie tortuose diverranno diritte
e quelle impervie, spianate.
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio.”
Il Signore viene e noi, a quanto ci dice il Vangelo, dobbiamo pure impegnarci a preparare una via!
A quanto pare non basta essere presenti la Domenica in Chiesa;
ascoltare l’omelia del sacerdote senza ricevere un paio di cartellini gialli ed uno rosso…;
andare al catechismo ;
confessarsi senza far rizzare i capelli in testa al sacerdote..;
dobbiamo fare pure gli operai e metterci a lavorare…
E le chiamano vacanze di Natale…
Troppo impegnativo, sta arrivando Natale e dobbiamo tutti riposarci…
L’unico lavoro più complicato che vogliamo fare in questo periodo è… scegliere il regalo…
Penso che abbiamo proprio sbagliato strada…
Ragazzi mi sa che abbiamo visto troppa pubblicità per televisione, babbo natale che cade dal camino, delle belle magnate di dolci…
…e ci siamo convinti che prepararsi al Natale sia questo.
Per un attimo pensate al vostro Natale senza panettone, pandoro, senza regali, senza luci …
Direste ai vostri genitori: “Uè, e che è morto qualcuno della famiglia?”
Insomma, a volte mi commuovo…, mi viene da piangere a come siamo combinati male…
E invece c’è da fare, da lavorare, magari anche sudare ma si può fare.
Lo so che protestate e dite che siete giovani, che avete “diritto” al natale luci e regali.
Ma, se proprio lo volete sapere il vero Natale è un incontro:
Gesù vuole incontrarsi con ognuno di noi.
Dobbiamo preparare una strada per incontrarlo, una strada che passi per la nostra vita.
Una strada che passi per casa nostra, per la nostra scuola, per la nostra parrocchia…
Ritorniamo a fare per un attimo gli ingegneri…
Quando si costruisce una strada la prima cosa che si deve fare è preparare il terreno.
Sì, per fare una bella strada diritta, senza salite ripide e difficili da farci camminare le auto bisogna raddrizzare i sentieri, scavare e appianare il terreno.
Poi bisogna lavorare per tanti giorni;
sotto il sole, con le giornate fredde, ventose…
A volte il terreno da scavare e spostare può essere roccioso…
tanto sudore, tanto lavoro…
Per far entrare Gesù nella nostra vita dobbiamo raddrizzare i sentieri…
Significa che dobbiamo togliere tutte le “cose storte”, tutti i “macigni” dai nostri cuori;
cioè togliere i peccati.
In questo lavoro ci possiamo far aiutare dalla mamma e dal papà (loro conoscono i nostri macigni), dai nostri catechisti, dal nostro confessore e capire quali peccati proprio dobbiamo cacciare dalla nostra vita;
Per far entrare Gesù dobbiamo abbassare il nostro orgoglio, il nostro sentirci superiori agli altri;
diventare umili, piccoli e semplici come ci vuole Gesù.
Anche a 120 anni Gesù ci vuole piccoli…
Come si fa a diventare piccoli?
Semplice:
mettendosi a servire il nostro prossimo;
a casa, a scuola, con gli amici, essere il più piccolo, quello che serve gli altri.
Questa seconda Domenica di Avvento ci invita a preparare una strada a Gesù nella nostra vita.
E’ un impegno di tutti i giorni, non bisogna mai arrendersi, anche quando sembra che facciamo sempre gli stessi errori.
Gesù non gradisce coloro che si donano con la tristezza nel cuore…
Seconda settimana di Avvento, c’è una strada da preparare, la strada della gioia!

semplicemente un servo inutile in Cristo, don michele cuttano






Orologio_con_croce_San_Damiano

Torna Indietro <<.>> Home Page